Passa ai contenuti principali

Intervista ad Arthur Khachatryan della Federazione Rivoluzionaria Armena (Dashnaktsutyun)


Negli scorsi giorni abbiamo inviato una serie di domande a diversi personaggi politici impegnati nella campagna elettorale armena per il rinnovo anticipato del parlamento armeno. 
Abbiamo così proseguito il nostro giro di interviste pre-elettorali  attraverso le quali intendiamo dare voce al maggior numero di forze politiche in campo in Armenia.


Il più celere nella risposta è stato Arthur Khachatryan della Federazione Rivoluzionaria Armena. Egli prima del maggio 2018 ha ricoperto la carica di Governatore (Marzpet) della Regione di Shirak, e da maggio a ottobre scorsi è stato ministro dell'Agricoltura del Governo guidato dal varchapet Nikol Pashinyan
Siamo molto lieti delle sue risposte perché la Federazione o Dashnaktsutyun ha costituito un punto di riferimento per quasi cento trent'anni nella Diaspora Armena anche prima del Genocidio. La maggior parte degli animi più nobili e coraggiosi, le più illuminate personalità politiche e culturali del mondo armeno tra '800 e '900 appartenevano a questo glorioso partito, tra essi diplomatici, intellettuali e tutti coloro che avevano a cuore lo stato e l'indipendenza della nazione armena. 
Inoltre ricordiamo che la nostra città di Bari e il villaggio "Nor Araks" furono visitate nel giugno 1927 da un dirigente della Federazione Rivoluzionaria Armena, unico movimento politico a essersi mai preso cura della Diaspora post-genocidiaria. In quel caso si trattò del dottor Sembat Eliazarian di cui il poeta Nazariantz parla nel suo epistolario.
Tanti sono gli argomenti di cui vorremmo discutere con il nostro interlocutore che appare preparatissimo in ambito storico, filosofico, politico, economico. Ci limitiamo, per non sembrare troppo di parte, anche se il nostro cuore si muove in passo di marcia sulle note di Մշակ բանվոր, ռենչպեր  ախպեր.

Queste sono le domande che abbiamo posto a Arthur Khachatryan:

1) In che modo Dashnaktsutyun è cambiato dopo la sua esperienza nel governo di Pashinyan?

ARF o Dashnaktsutyun è una partito politico ben consolidato con 128 anni di gloriosa storia. Abbiamo i nostri obiettivi politici il nostro programma che non cambia a seconda che siamo al potere o all'opposizione. Essere al potere ti dà gli strumenti per raggiungere i tuoi obiettivi, ma non cambia i tuoi obiettivi a lungo termine.
In effetti, questo non significa che i compiti a breve termine siano gli stessi in qualsiasi momento. Il governo di Pashinyan si è formato come un governo provvisorio emerso dopo il movimento popolare / rivoluzione pacifica in Armenia. La mia personale opinione è che la principale missione di questo governo stava preparando il paese a elezioni libere, eque e competitive. Il governo ha anche avviato nuove riforme, ma sei mesi sono un orizzonte temporale troppo breve per vedere i risultati di queste riforme.



2) In che modo Dashnaktsutyun intende combattere i problemi contemporanei in Armenia?

Dashnaktsutyun è un partito socialista, un membro a pieno titolo dell'Internazionale socialista. Siamo l'unico potere politico significativo con orientamento di sinistra. Lo stato sociale è il nostro obiettivo. Per noi la giustizia sociale è una grande agenda politica. A differenza di altri partiti di destra, ci preoccupiamo non solo del modo in cui è formato il prodotto nazionale, ma anche di come è distribuito tra le persone, quelle che hanno contribuito alla creazione della ricchezza della nazione. Sottolineiamo l'importanza dello stato come garante della sicurezza sociale e della sicurezza degli strati vulnerabili della società. Lo stato non deve limitare il suo potere al regolatore di mercato passivo. Dovrà disporre di potenti strumenti per eliminare i fallimenti del mercato e guidare la crescita economica se il settore privato fallirà o non sarà sufficiente a farlo.
Inoltre, siamo molto forti in Artsakh (Nagorno Karabakh Republic). Prima o poi si unirà con l'Armenia. Lo stato indipendente è una soluzione provvisoria. Non saremo mai d'accordo con lo status legale di Artsakh che lo lascerà in Azerbaigian. Il nostro motto è "Sviluppa senza cedere".
Siamo anche il principale sostenitore della causa armena: riconoscere, condannare e compensare il genocidio armeno.


3) Quali sono le priorità dell'agenda politica di Dashnaktsutyun?


Questa domanda è parzialmente soddisfatta al punto 2 di questo questionario. Aumenteremo il ruolo dello stato, miglioreremo i servizi pubblici, applicheremo efficacemente le misure antitrust, creeremo un ambiente favorevole per lo sviluppo delle PMI, presteremo maggiore attenzione allo sviluppo sostenibile / gestione ambientale, investiamo intensivamente in scienza, istruzione e sanità, sviluppiamo una serie di misure per sostenere l'agricoltura locale.


4) Dashnaktsutyun è ancora un partito socialdemocratico e cosa può significare oggi il termine "socialismo" in Armenia?


Dashnaktsutyun è un partito socialista. Sosteniamo lo stato sociale. In breve, ciò significa: 1) protezione dello stato verso le persone e i  gruppi svantaggiati, 2) protezione dei diritti dei consumatori, 3) misure anti-monopolio efficaci, 4) sviluppo delle Piccole Medie Imprese, 5) tassazione progressiva.

5) In che modo Dashnaktsutyun attua oggi i suoi ideali di ideali rivoluzionari?

La rivoluzione nei tempi in cui Dashnaktsutyun fu fondata si riferiva alla rivolta degli Armeni contro lo stato turco e alla creazione di Armenia indipendente.


6) Quali sentimenti prova un dirigente della Federazione quando sente usare, fuori luogo, come accade oggi, in Armenia e nel mondo, le parole: marxismo, populismo, anarchismo?

Né l'anarchismo né il social-populismo sono un termini di uso corrente nel vocabolario politico armeno. Tuttavia, dobbiamo ancora spiegare qual è la differenza tra socialdemocrazia e comunismo (o socialismo sovietico). Sosteniamo lo stato sociale e l'equa distribuzione della ricchezza nazionale. A differenza del comunismo, non rivendichiamo mai che tutti i mezzi di proprietà e produzione appartengano allo stato.


7) Vi è un leader del suo partito dal passato che lei desidererebbe avere al suo fianco per chiedere un consiglio e quali consigli gli chiederebbe oggi?

Penso certamente a Simon Vratsian...

Post popolari in questo blog

Lena Nazaryan, Alen Simonyan e Vahe Enfiajyan eletti vicepresidente del parlamento Armeno

Si è concluso questa mattina il voto sull'elezione dei Vicepresidenti del Parlamento Armeno . In base alle votazioni Alen Simonyan e Lena Nazaryan della coalizione "Il mio passo" del governo sono stati eletti Vicepresidenti del Parlamento.
Ricordiamo che Lena Nazaryan ha lo stesso nome della moglie del nostro poeta Hrand Nazariantz, anche se non risultano essere parenti. 124 deputati hanno votato a favore della candidatura di Lena Nazaryan, mentre tre hanno votato contro. 109 deputati hanno votato a favore della candidatura di Alen Simonyan, con 20 contrari. 130 su 132 parlamentari hanno partecipato al voto. Vahe Enfiajyan del partito di opposizione "Armenia Prospera" è stato eletto terzo vice presidente del parlamento. Secondo la Costituzione armena vigente il terzo vicepresidente deve essere un rappresentante delle opposizioni. Il partito "Armenia Luminosa" aveva proposto la candidatura di Mane Tandilyan, ex Ministro del Lavoro e degli Affari Sociali per la…

Aleksanyan e Aroyan soprano Armene in "Simon Boccanegra" al Petruzzelli

Le soprano Liana Aleksanyan e Natalie Aroyan interpreteranno il ruolo di Amelia nel "Simon Boccanegra" di Giuseppe Verdi che sarà in scena al Teatro Petruzzelli di Bari dal 27 gennaio al 06 febbraio 2019.  La Comunità Armena di Bari e della Puglia plaude alla notizia della presenza di due soprano di origine armene protagoniste nel Politeama barese.  L'incontro previsto tra la Comunità Armena di Bari e le due cantanti sarà un modo per ricordare la millenaria presenza armena sul territorio cittadino e regionale, confrontare esperienze diasporiche antiche e contemporanee, evidenziare due eccellenze artistiche provenienti dall'Hayastan che contribuiscono a portare alto il nome della Patria nel mondo.

"Il mio passo" difenderà una candidatura dei partiti d'opposizione per la vicepresidenza del Parlamento

La coalizione politica "Il mio Passo" cui partito di maggioranza è "Contratto Civile" ha raggiunto la decisione politica di sostenere il "Partito Armenia Prospera" alla carica di Vice Presidente dell'Assemblea Nazionale.  Lo avrebbe Lilit Makunts, capogruppo della coalizione all'Assemblea Nazionale della coalizione "Il mio Passo" ai giornalisti all'interno dell'Assemblea nazionale armena.
"Come risultato delle discussioni, la nostra alleanza ha deciso di difendere il candidato della seconda forza politica votata dagli elettori. Sarebbe bello se l'opposizione uscisse con un candidato comune per evitare disaccordi", ha detto Makunts.
Secondo la Costituzione, la posizione del 3° vicepresidente dell'Assemblea nazionale va in ogni caso garantita ai partiti di opposizione.

Nikol Pashinyan è nuovamente Primo Ministro effettivo dell'Armenia

Questa mattina il Presidente della Repubblica di Armenia Armen Sarkissian ha conferito al Primo Ministro uscente NIKOL PASHINYAN l'incarico di Primo Ministro e di scegliere la squadra di governo

Tale nomina è avvenuta in conformità con l'Articolo 149 comma 1 della Costituzione della Repubblica di Armenia.

Ararat Mirzoyan è il nuovo Presidente del Parlamento Armeno

Alle ore 14:53 del 14 gennaio 2019. Ararat Mirzoyan è salito sullo scanno più alto dell'Assemblea Nazionale Armena
È il Presidente della settima legislatura del Parlamento armeno.
Mirzoyan era stato designato questa mattina quale candidato unico alla presidenza del Parlamento Armeno dall'alleanza "My step" che detiene 88 seggi su 132 della medesima assemblea.
Al termine delle votazioni sono stati registrati 131 voti validi per Mirzoyan, uno dei voti è stato dichiarato non-valido.
Edmon Marukyan, il capo del partito "Armenia Luminosa", prima di annunciare che avrebbe votato per la candidatura di Mirzoyan ne ha riconosciuto i meriti umani e ha affermato che questa è un'apertura di credito in suo favore.

Storico incontro tra Armenia e Azerbaigian a Bruxelles

Il 16 gennaio, con la mediazione e la partecipazione dei Co-Presidenti del gruppo di Minsk dell'OSCE Igor Popov, Stéphane Visconti e Andrew Schofer, si è svolto un incontro tra il Ministro degli Esteri della Repubblica di Armenia Zohrab Mnatsakanyan,  e Elmar Mammadyarov, Ministro degli Esteri dell'Azerbaigian. Anche Andrzej Kasprzyk, il Rappresentante personale del Presidente in esercizio dell'OSCE, ha partecipato all'incontro.
Gli interlocutori hanno avuto uno scambio definito "utile e costruttivo, che mira anche a stabilire una maggiore comprensione reciproca e fiducia reciproca".
Durante l'incontro, durato poco più di quattro ore, gli interlocutori hanno toccato una vasta gamma di questioni relative al processo di pace, tra cui la preparazione di popolazioni per la pace, la sicurezza e lo sviluppo economico sostenibile.
Le nuove date per il prossimo incontro non sono ancora state confermate, tuttavia, i Ministri degli Esteri hanno convenuto di proseguire…

Nominati i Ministri del Governo Pashinyan Bis

Il Presidente della Repubblica di Armenia Armen Sarkissian ha firmato i decreti di nomina di 12 Ministri che comporranno il Governo Pashinyan Bis
L'emanazione di tali decreti è avvenuta conformità con l'Articolo 150 della Costituzione della Repubblica di Armenia.
Arayik Harutyunyan, Ministro dell'Istruzione e della Scienza  Suren Papikian, Ministro per l'Amministrazione e lo Sviluppo del Territorio. Davit Tonoyan, Ministro della Difesa. Zaruhi Batoyan, Ministro del lavoro e degli affari sociali. Artak Zeynalyan, Ministro della Giustizia. Arsen Torosyan, Ministro della Salute. Atom Janjugkazyan, Ministro delle finanze. Tigran Khachatryan, Ministro dello Sviluppo Economico e degli Investimenti Hakob Arshakyan,Ministro dei Trasporti, Comunicazione e tecnologie informatiche Felix Tsolakyan, Ministro delle Emergenze. Erik Grigoryan, Ministro della Protezione della natura. Zohrab Mnatsakanyan, Ministro degli Affari Esteri.


Novità assoluta di questo Governo è Zaruhi Botoyan, nominata Min…

"Amore" una poesia di Mannig Berberian

Non chiedermi perché ti amo.
Il modo in cui ti amo
è la via del giglio dei boschi
innamorato dell'usignolo.


So solo,
se non avessi le tue braccia
come universo che circonda il mio corpo gracile,
Dovrei morire come uno schiavo abbandonato ...

E so adesso,
Se le tue mani non mi sollevassero la testa anelante,
E i tuoi baci non fossero ghirlande
alla mia fronte dolorante, 
seccherei sicuramente
e morrei come una foglia soffiata dal vento ...

Tigran Avinyan e Mher Grigoryan nominati Vice Primi Ministri

In data odierna il Presidente della Repubblica di Armena Armen Sarkissian, su proposta del Primo Ministro, ha conferito l'incarico di Vice Primo Ministro ai Vice Primi Ministri uscentiTigran Avinyan e Mher Grigoryan.  Entrambe le nomine sono avvenute in conformità con l'articolo 150 della Costituzione della Repubblica di Armenia.

Discorso del Presidente Armen Sarkissian all'Assemblea Nazionale

Il 14 giugno 2019, la Prima Sessione della Settima legislatura dell'Assemblea Nazionale della Repubblica di Armenia ha iniziato i suoi lavori.
In occasione dell'apertura della Prima Sessione Sua Santità il Patriarca Supremo Catholicos di tutti gli Armeni, Garegin II, ha dato le Sue Benedizione.
Nella medesima occasione il Presidente della Repubblica d'Armenia Armen Sarkissian ha portato il suo saluto e ha trasmesso il seguente messaggio.

Santità, Egregio signor Presidente, Onorevoli membri dell'Assemblea nazionale,
Mi congratulo con voi per l'apertura della Prima sessione della Settima Legislatura dell'Assemblea Nazionale. Mi congratulo con tutte le forze politiche che sono rappresentate in Parlamento e tutti i suoi membri. Vi auguro il pieno successo e un lavoro efficiente. Esprimo anche gratitudine a tutti i membri dell'Assemblea Nazionale che si sono alternati nelle precedenti legislature per il lavoro condotto a partire dal primo giorno della nostra indipe…