è un'Associazione Culturale. Ha lo scopo di diffondere e ampliare la Conoscenza dell'opera di Hrand Nazariantz e della cultura letteraria, artistica, musicale del Vicino Oriente Europeo e Asiatico.

24 novembre 2018

Intervista ad Arthur Khachatryan della Federazione Rivoluzionaria Armena (Dashnaktsutyun)


Negli scorsi giorni abbiamo inviato una serie di domande a diversi personaggi politici impegnati nella campagna elettorale armena per il rinnovo anticipato del parlamento armeno. 
Abbiamo così proseguito il nostro giro di interviste pre-elettorali  attraverso le quali intendiamo dare voce al maggior numero di forze politiche in campo in Armenia.


Il più celere nella risposta è stato Arthur Khachatryan della Federazione Rivoluzionaria Armena. Egli prima del maggio 2018 ha ricoperto la carica di Governatore (Marzpet) della Regione di Shirak, e da maggio a ottobre scorsi è stato ministro dell'Agricoltura del Governo guidato dal varchapet Nikol Pashinyan
Siamo molto lieti delle sue risposte perché la Federazione o Dashnaktsutyun ha costituito un punto di riferimento per quasi cento trent'anni nella Diaspora Armena anche prima del Genocidio. La maggior parte degli animi più nobili e coraggiosi, le più illuminate personalità politiche e culturali del mondo armeno tra '800 e '900 appartenevano a questo glorioso partito, tra essi diplomatici, intellettuali e tutti coloro che avevano a cuore lo stato e l'indipendenza della nazione armena. 
Inoltre ricordiamo che la nostra città di Bari e il villaggio "Nor Araks" furono visitate nel giugno 1927 da un dirigente della Federazione Rivoluzionaria Armena, unico movimento politico a essersi mai preso cura della Diaspora post-genocidiaria. In quel caso si trattò del dottor Sembat Eliazarian di cui il poeta Nazariantz parla nel suo epistolario.
Tanti sono gli argomenti di cui vorremmo discutere con il nostro interlocutore che appare preparatissimo in ambito storico, filosofico, politico, economico. Ci limitiamo, per non sembrare troppo di parte, anche se il nostro cuore si muove in passo di marcia sulle note di Մշակ բանվոր, ռենչպեր  ախպեր.

Queste sono le domande che abbiamo posto a Arthur Khachatryan:

1) In che modo Dashnaktsutyun è cambiato dopo la sua esperienza nel governo di Pashinyan?

ARF o Dashnaktsutyun è una partito politico ben consolidato con 128 anni di gloriosa storia. Abbiamo i nostri obiettivi politici il nostro programma che non cambia a seconda che siamo al potere o all'opposizione. Essere al potere ti dà gli strumenti per raggiungere i tuoi obiettivi, ma non cambia i tuoi obiettivi a lungo termine.
In effetti, questo non significa che i compiti a breve termine siano gli stessi in qualsiasi momento. Il governo di Pashinyan si è formato come un governo provvisorio emerso dopo il movimento popolare / rivoluzione pacifica in Armenia. La mia personale opinione è che la principale missione di questo governo stava preparando il paese a elezioni libere, eque e competitive. Il governo ha anche avviato nuove riforme, ma sei mesi sono un orizzonte temporale troppo breve per vedere i risultati di queste riforme.



2) In che modo Dashnaktsutyun intende combattere i problemi contemporanei in Armenia?

Dashnaktsutyun è un partito socialista, un membro a pieno titolo dell'Internazionale socialista. Siamo l'unico potere politico significativo con orientamento di sinistra. Lo stato sociale è il nostro obiettivo. Per noi la giustizia sociale è una grande agenda politica. A differenza di altri partiti di destra, ci preoccupiamo non solo del modo in cui è formato il prodotto nazionale, ma anche di come è distribuito tra le persone, quelle che hanno contribuito alla creazione della ricchezza della nazione. Sottolineiamo l'importanza dello stato come garante della sicurezza sociale e della sicurezza degli strati vulnerabili della società. Lo stato non deve limitare il suo potere al regolatore di mercato passivo. Dovrà disporre di potenti strumenti per eliminare i fallimenti del mercato e guidare la crescita economica se il settore privato fallirà o non sarà sufficiente a farlo.
Inoltre, siamo molto forti in Artsakh (Nagorno Karabakh Republic). Prima o poi si unirà con l'Armenia. Lo stato indipendente è una soluzione provvisoria. Non saremo mai d'accordo con lo status legale di Artsakh che lo lascerà in Azerbaigian. Il nostro motto è "Sviluppa senza cedere".
Siamo anche il principale sostenitore della causa armena: riconoscere, condannare e compensare il genocidio armeno.


3) Quali sono le priorità dell'agenda politica di Dashnaktsutyun?


Questa domanda è parzialmente soddisfatta al punto 2 di questo questionario. Aumenteremo il ruolo dello stato, miglioreremo i servizi pubblici, applicheremo efficacemente le misure antitrust, creeremo un ambiente favorevole per lo sviluppo delle PMI, presteremo maggiore attenzione allo sviluppo sostenibile / gestione ambientale, investiamo intensivamente in scienza, istruzione e sanità, sviluppiamo una serie di misure per sostenere l'agricoltura locale.


4) Dashnaktsutyun è ancora un partito socialdemocratico e cosa può significare oggi il termine "socialismo" in Armenia?


Dashnaktsutyun è un partito socialista. Sosteniamo lo stato sociale. In breve, ciò significa: 1) protezione dello stato verso le persone e i  gruppi svantaggiati, 2) protezione dei diritti dei consumatori, 3) misure anti-monopolio efficaci, 4) sviluppo delle Piccole Medie Imprese, 5) tassazione progressiva.

5) In che modo Dashnaktsutyun attua oggi i suoi ideali di ideali rivoluzionari?

La rivoluzione nei tempi in cui Dashnaktsutyun fu fondata si riferiva alla rivolta degli Armeni contro lo stato turco e alla creazione di Armenia indipendente.


6) Quali sentimenti prova un dirigente della Federazione quando sente usare, fuori luogo, come accade oggi, in Armenia e nel mondo, le parole: marxismo, populismo, anarchismo?

Né l'anarchismo né il social-populismo sono un termini di uso corrente nel vocabolario politico armeno. Tuttavia, dobbiamo ancora spiegare qual è la differenza tra socialdemocrazia e comunismo (o socialismo sovietico). Sosteniamo lo stato sociale e l'equa distribuzione della ricchezza nazionale. A differenza del comunismo, non rivendichiamo mai che tutti i mezzi di proprietà e produzione appartengano allo stato.


7) Vi è un leader del suo partito dal passato che lei desidererebbe avere al suo fianco per chiedere un consiglio e quali consigli gli chiederebbe oggi?

Penso certamente a Simon Vratsian...

Nessun commento:

Posta un commento

Momik: architetto, scultore e illustratore armeno a cui è dedicata l'onorificenza degli Architetti Armeni

Momik visse tra la fine del XIII e l'inizio del XIV secolo. Sono poche le effettive notizie  biografiche   sul suo conto. Certamente fu...