è un'Associazione Culturale. Ha lo scopo di diffondere e ampliare la Conoscenza dell'opera di Hrand Nazariantz e della cultura letteraria, artistica, musicale del Vicino Oriente Europeo e Asiatico.

27 marzo 2018

Del Monaco nuovo Ambasciatore in Armenia

Il Centro Studi 'Hrand Nazariantz' di Bari si congratula, per l'ottenimento del prestigioso incarico.
 con

S. E. dott. Vincenzo Del Monaco

Ambasciatore della Repubblica Italiana presso la Repubblica di Armenia.

Incontro tra il Ministro Edward Nalbandian 
e il nuovo ambasciatore a Jerevan Vincenzo Del Monaco
Apprendiamo con gioia che S. E. Del Monaco, ieri 26 marzo 2018, ha consegnato le lettere credenziali al ministro degli Esteri armeno Edward Nalbandian
L'ambasciatore italiano uscente, dott. Giovanni Riciulli, aveva incontrato la scorsa settimana, in visita di commiato, il Primo Ministro armeno Karen Karapetyan.
Il dott. Del Monaco, già Ambasciatore d'Italia in Montenegro, durante l’incontro con il Ministro Nalbandian ha sottolineato lo sviluppo positivo nelle relazioni bilaterali e commerciali attraverso l’accordo CEPA fra Armenia e Unione europea.
S. E. Del Monaco, è esponente della giovane generazione di competenti e determinati Diplomatici Italiani. Infatti, nato a Roma nel 1969, dove si laurea in giurisprudenza nel 1991. Entra in carriera diplomatica nel 1997, ed inizia il suo percorso professionale presso l'E.N.A., Ecole Nationale d'Administration in Parigi, e alla Farnesina nel 2000 presso la Direzione Generale per l’Integrazione Europea.
Il suo primo incarico all’estero è come Secondo segretario commerciale, poi Primo segretario commerciale, a Pechino nel 2001.
Nel 2005 diventa Primo segretario alla Rappresentanza permanente presso l'UE in Bruxelles, poi confermato nella stessa sede con funzioni di Consigliere nel 2007.
Di rientro a Roma, nel 2009 presta servizio presso l’Ufficio per gli Affari Diplomatici del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica.
Nel 2013 prosegue la sua carriera professionale all’estero in qualità di Incaricato d’Affari con Lettere a Podgorica ed è confermato quale Ambasciatore nella stessa sede nel 2015.
Sottotenente di complemento dell’Arma dei Carabinieri, l’Ambasciatore Del Monaco è stato insignito del titolo di Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica nel 2013.

25 marzo 2018

Un attacco frontale da un negazionista turco

Armenian Genocide
Genocidio Armeno
Quest'oggi un negazionista turco mi ha insultato sulla bacheca di una mia amica greco-cipriota. 
Non ho mai trovato nessun negazionista così pervicace e ottuso. Forse gli daranno un premio per il suo livello di dottrina, della quale si nutre con di un ghiotto e succulento piatto 

Per ora è stato spento ma ho sperimentato tutte le fasi... 

0) Io - esposizione del problema di politica contemporanea 
1) Lui -aggressione 
2) Io - mia confutazione 
3) Lui - Io - dibattito 
4) Lui - insulti 
5) Io - esposizione delle fonti 
6) Lui - tentativo di confutazione e negazione del Genocidio 
7) Io - respingimento e rilancio a proposito dell'invasione di Cipro da Parte Turca 
8) Lui - accusa di ricevere insulti 
9) Lui - Dichiarazione di non voler perdere tempo con me 
10) Io - dichiarazione di interesse personale nella vicenda ed elenco di alcuni dati.

Io ricordo, Io pretendo

22 marzo 2018

A letter from F. Alberto Amarisse OFM martyr of the Armenian Genocide

We publish a letter from the Servant of God Fr. Alberto OFM Amarisse that more than a hundred years ago described the situation in Syria. Father Alberto Amarisse from Cave was a Franciscan martyr in Armenia Minor and more precisely in the current Province of Kahramanmarash. For more on his life refer to the site www.angelopinci.it

Marasc, April 28, 1909
"Secretary Rev. Father 
P. Alberto da Amarisse da Cave
Martire del Genocidio Armeno
"Today at 10:30 AM from the fortress we feel the thunderous cannon who does not already destroyed the city, but rather rejoice these poor people faded and haggard from the nightmare of massacres. The dellal, public criers, proclaim with joyful shout the new Sultan, the streets repopulate of Christians and the whole city takes the ancient joyous aspect. 
"This public rejoicing, Reverend Father, he has partially lifted the heart; I say partially because I tear my heart to know that thousands of children are found wandering the mountains and without bread and that many Christian villages for fear they are Muslims made. And among these villages are numbered for now Tavullè, Calalè, Dutalè and Anegeck. 
"Here in Marasc only Saturday (April 17) there was a massacre, in which Christians were killed fifteen and forty wounded and would have been much more terrible if the local government had not taken firm action immediately. On that day a thousand people took refuge at our hospice, and, after three days, the less fearful they began to ritornarsene to their homes; other then this morning are happy and contented with their small families, a thousand thanks, and went in their neighborhoods. To tell the truth, among so many people, camped in our hospice, there was enough order, sure to be under good protection, defended by soldiers kindly sent to us by the Governor. In our villages round about, that Mugiukderesi, Jenige-Kale and Bunduch, outside a tremendous panic, no painful event happened; Only two Donkalè sirs named Ali and Mustafa Rahmage began to arouse evils moods between Christians and Turks, but soon these two dangerous beings were called in by the Governor to Marasc income rationem. 
"The massacre was terrible in the nearby village of Asciflì, where 74 houses were set on fire and killed 16 people. Bagkce, Hassenbei, Karne with eleven other villages were burned, victims, for now, you can not enumerate with certainty. They came to our Hospice over there some people to ask for alms; These tears in her eyes assured me that hundreds of Christians were killed in those parts, hundreds of brides after being ... were killed, hundreds of orphans for fear of being killed themselves took refuge in the forests where they feed on grasses. I received also a letter of Fendegiack, in which abut the same misfortunes and beg Christian charity. Christian charity can only alleviate the pain of these poor hapless and forlorn, and put a stop to the calamities that come from hunger. I sent to those poor 108 kilograms of flour; the rest, I am sure, will do the Divine Providence. 

"Welcome, RP Secretary, my sincere compliments and I always believe" 

DSP Rev.
Humble Brother
Among A. Amarisse
OFM

The Restoration of the code of Armenian The lives of father - VARK 'HARANC'




traduzione dall'Italiano by Jennifer Seta Sahagian-Walker

Friday, March 16, 2018, in Milan March 21 
the Armenian Code Lives of the Fathers - Vark 'Haranc'
Publisher Nova Carta and the Armenian House of Milan are:

THE RESTORATION OF THE CODE OF ARMENIAN
THE LIVES OF FATHERS - VARK 'HARANC'
the intervention, the commentary and the facsimile project

"The publishing house Nova Charta, with the auspices of the Union of Italian Armenians, presents the restoration of one of the most valuable and rare books kept in the Abbey Library of the Armenian Congregation Mechitarist in the Monastery of San Lazzaro degli Armeni Venice: the code fragmented Varkh Harants - Lives of the Fathers.
The work, dating from the late fifteenth or sixteenth century, composed of five illuminated pages, is written in nōtragir (one of the main forms of medieval Armenian calligraphy). It will be shown the Restoration Notebook and the limited edition project in facsimile editions.
The initiative is part of the project Let's save a code by which Nova Charta handed down and disseminates the values of the study and reading of ancient works, choosing and restoring especially important codes that would otherwise remain confined in the vaults of libraries.


"At the House of Armenia in Milan on March 21 at 18.30 , will be: opening Ani Martirosyan (piano), and the following greeting from Minas Lourian, President of the Union of Armenians in Italy, Director of Studies and Documentation of Armenian Culture Center of Venice ; We save a code, Vittoria de Buzzaccarini , editor of Nova Charta; The Church and the Armenian spirituality, Alberto Peratoner, professor of metaphysics and philosophical theology at the Theological Faculty of Triveneto-Padova; Presentation of the manuscript and its miniatures, Anna Sirinian, professor of Armenian Language and Culture at the 'Alma Mater Studiorum, University of Bologna; He will coordinate the meeting Pier Luigi Vercesi, correspondent of Corriere della Sera. 
"In 2015, to mark the centenary of the massacre - says Victoria de Buzzaccarini - visited the library of the monastery Mekhitarist island of San Lazzaro degli Armeni. To recall an ancient culture that is not valued and known as it deserves, I decided to place the restoration, the commentary and the facsimile of the manuscript Varkh Harants within the project "Let's save a code." A choice that also coincides with the three-hundredth anniversary of the arrival in Venice of Mechitar of Sebaste (aka Petros Manuk, 1676-1749), monaco Armenian Christian, who founded the Congregation Monastic Mechitarist island donated to him by the Republic. "
"The manuscript 1922/1680 of the Library Mekhitarist Fathers of San Lazzaro in Venice (henceforth V1922), whose thumbnails, thanks to the recent restoration, were returned to their original splendor, is composed of only five sheets of paper that were removed by the same code, then probably he went lost, containing a collection of the Fathers Lives of the desert in Armenian simply Vark 'Haranc', Lives of the Fathers. This is, in a serendipitous collection of texts, modifying from time to time in various areas, it crossed the East and the Christian West, representing the main source on the spirituality of the early monasticism, such as coenobitic especially anchoretic, who was born in centers and in the deserts of Syria, Palestine and Egypt from III-IV century AD. 
"These precious illuminated sheets were brought to St. Lazarus by his father Nerses Sargisean (1800-1866) after returning from a trip to Armenia made over the years 1846-1852. For ease of transport, the sheets were folded in four and placed inside another manuscript. The first page of the manuscript opens with the last page of the text of the V ita Prince "Byzantine" Nerseh who sacrifices all the comforts of your condition to travel to Egypt and join the monks of St. Anthony Abbot. 
"Below: a page in two columns, the left occupied by the portrait of an anonymous prince "Byzantine" which, like the previous one, runs away from the court to choose a life of extreme poverty; in the right one reads rather the beginning of his hagiography; in the second sheet, two episodes about the Egyptian hermit Pafnuzio, with a full-page miniature showing Pafnuzio in the act of taking leave of four senior monks; the third sheet the Life of St. Macarius the Egyptian, with a thumbnail whose subject is the healing of a blind lion by hermits Macario and Mark, and a text that emphasizes the extreme rigor of the religious life practices; in the fourth sheet a thumbnail with six monks in search of paradise if the Life of St. Macarius of Rome; in the fifth sheet a page entirely occupied by the miniature illustrating the visit of Bishop Theophilus to Pambo, and on to a miniature full page Pambo and his disciples.

20 marzo 2018

Una lettera di P. Alberto Amarisse da Cave martire del Genocidio Armeno

Pubblichiamo una lettera del Servo di Dio P. Alberto Amarisse OFM che più di cento anni fa così descriveva la situazione in Siria. P. Alberto Amarisse da Cave fu un martire francescano in Armenia Minore e più esattamente nell'attuale Provincia di Kahramanmarash.
Per approfondimenti sulla sua vita rimandiamo al sito www.angelopinci.it


Marasc, 28 aprile 1909


R.ndo Padre Segretario

Oggi alle 10,30 antimeridiane si sente dalla fortezza il fragoroso rimbombo dei cannoni i quali non già distruggono la città, ma bensì rallegrano questa povera gente scolorita e smunta dall’incubo dei massacri. I dellal, pubblici banditori, annunziano con festoso grido il nuovo Sultano, le vie si ripopolano di cristiani e la città intera prende l’antico aspetto giocondo.
Questa pubblica allegrezza, Reverendo Padre mio, mi ha in parte sollevato il cuore; le dico in parte, perché mi lacera il cuore il sapere che migliaia di bimbi si trovano sulle montagne raminghi e senza pane e che molti villaggi cristiani per timore si son fatti musulmani. E tra questi villaggi si numerano per ora Tavullè, Calalè, Dutalè e Anegeck.
Qui in Marasc solamente sabato (17 aprile) si ebbe un massacro, in cui furono uccisi una quindicina di cristiani ed una quarantina di feriti e sarebbe stato assai più tremendo se il Governo locale non avesse preso subito energiche misure. In quel giorno un migliaio di persone si rifugiò al nostro Ospizio, e, dopo tre giorni, i meno paurosi cominciarono a ritornarsene alle loro case; gli altri poi questa mattina lieti e contenti con le loro famigliole, con mille ringraziamenti, se n’andarono nei loro quartieri. A dir vero, fra tanta gente, accampata nel nostro Ospizio, vi era abbastanza ordine, sicura di trovarsi sotto buona tutela, difesa dai soldati gentilmente inviatici dal Governatore. Nei nostri villaggi circonvicini, cioè Mugiukderesi, Jenige-Kalè e Bunduch, fuori di un panico tremendo, non accadde nessun doloroso avvenimento; solo in Donkalè due messeri di nome Alì e Mustafà Rahmage cominciarono a suscitare mali umori tra cristiani e turchi, ma presto questi due esseri pericolosi furono chiamati in Marasc dal Governatore al redde rationem.
Il massacro fu terribile nel vicino villaggio di Asciflì, in cui furono incendiate 74 case e uccise 16 persone. Bagkce, Hassenbei, Karne con altri undici villaggi furono incendiati, le vittime, per ora, non si possono enumerare con certezza. Vennero al nostro Ospizio da quelle parti alcune persone per domandare l’elemosina; queste colle lagrime agli occhi mi assicurarono che centinaia di cristiani in quelle parti furono uccisi, centinaia di spose dopo di essere state… furono uccise, centinaia di orfani per paura di essere anch’essi uccisi si rifugiarono nei boschi ove si alimentano di erbe. Ricevetti anche una lettera di Fendegiack, in cui si attestano le medesime sventure ed implorano la carità cristiana. La carità cristiana solamente potrà lenire le pene di questi poveri sventurati e derelitti, e porre un argine alle calamità che provengono dalla fame. Io mandai a quei poverini 108 chilogrammi di farina; il resto, son sicuro, lo farà la Divina Provvidenza.
Accolga, R. P. Segretario, i miei sinceri ossequi e mi creda sempre
D. S. P. Rev.da
Umile Confratello
Fra A. Amarisse
O. F. M.


16 marzo 2018

A Milano 21 marzo il Codice armeno Vite dei Padri - Vark' Haranc'

Casa editrice Nova Charta e Casa Armena di Milano presentano:

IL RESTAURO DEL CODICE ARMENO
VITE DEI PADRI - VARK‘ HARANC‘
l’intervento, il commentario e il progetto di facsimile

Casa Armena di Milano, mercoledì 21 marzo 2018 ore 18.30

La casa editrice Nova Charta, con il patrocinio dell’Unione degli Armeni d’Italia, presenta il restauro di uno dei testi più preziosi e rari conservati presso la Biblioteca Abbaziale della Congregazione Armena Mechitarista nel Monastero di San Lazzaro degli Armeni a Venezia: il codice frammentario Varkh Harants - Vite dei Padri.
L’opera, risalente alla fine del XV o XVI secolo, composta da cinque fogli miniati, è scritta in nōtragir (una delle principali forme di calligrafia medievale armena). Sarà illustrato il Quaderno di Restauro e il progetto di edizione  in tiratura limitata del facsimile.
L’iniziativa si inserisce nel progetto Salviamo un codice attraverso il quale Nova Charta tramanda e divulga i valori dello studio e della lettura di opere antiche, scegliendo e restaurando codici di particolare importanza che altrimenti rimarrebbero confinati nei caveaux delle biblioteche. 
Alla Casa Armena di Milano il 21 marzo alle 18.30, interverranno: in apertura Ani Martirosyan (pianoforte), e di seguito saluto di Minas Lourian, Presidente dell’Unione degli Armeni d’Italia, direttore del Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena di Venezia; Salviamo un Codice, Vittoria de Buzzaccarini, editore di Nova Charta; La Chiesa e la spiritualità armena, Alberto Peratoner, professore di Metafisica e Teologia filosofica presso la Facoltà Teologica del Triveneto-Padova; Presentazione del manoscritto e delle sue miniature, Anna Sirinian, professore di Cultura e Lingua armena presso l’Alma Mater Studiorum, Università di Bologna; coordinerà l’incontro Pier Luigi Vercesi, inviato del Corriere della Sera. 
“Nel 2015, in occasione del centenario dell’eccidio – racconta Vittoria de Buzzaccarini - visitai la  biblioteca del monastero mechitarista dell’isola di San Lazzaro degli Armeni. Per ricordare una cultura millenaria che non è valorizzata e conosciuta come merita, decisi di inserire il restauro, il commentario e il facsimile del manoscritto Varkh Harants all’interno del progetto “Salviamo un Codice”. Una scelta che coincide anche con il trecentesimo anniversario dell’arrivo a Venezia di Mechitar di Sebaste (al secolo Petros Manuk, 1676-1749), monaco cristiano Armeno, che fondò la Congregazione Monastica Mechitarista nell’isola a lui donata dalla Serenissima Repubblica”.
IL MANOSCRITTO Vite dei Padri

Il manoscritto 1922/1680 della Biblioteca dei Padri Mechitaristi di San Lazzaro a Venezia (d’ora in poi V1922), le cui miniature, grazie al recente restauro, sono state restituite al loro originario splendore, si compone di soli cinque fogli cartacei che furono asportati da uno stesso codice, poi andato probabilmente perduto, contenente una raccolta di Vite dei Padri del deserto in armeno semplicemente Vark‘ Haranc‘, Vite dei Padri. È, questa, una fortunatissima collezione di testi che, modificandosi di volta in volta nelle varie aree, ha attraversato l’Oriente e l’Occidente cristiano rappresentando la fonte principale sulla spiritualità di quel monachesimo primitivo, tanto cenobitico quanto soprattutto anacoretico, che era nato nei centri e nei deserti della Siria, della Palestina e dell’Egitto a partire dal III-IV secolo dopo Cristo. 
Questi preziosi fogli miniati furono portati a San Lazzaro dal padre Nerses Sargisean (1800-1866) al ritorno da un viaggio in Armenia compiuto negli anni 1846-1852. Per facilità di trasporto, i fogli furono piegati in quattro e inseriti all’interno di un altro manoscritto. Il primo foglio del manoscritto si apre con l’ultima pagina del testo della Vita del principe “bizantino” Nerseh, che rinuncia a tutti gli agi della sua condizione per recarsi in Egitto e unirsi ai monaci di sant’Antonio Abate. Seguono: una pagina su due colonne, quella di sinistra occupata dal ritratto di un anonimo principe “bizantino” che, come il precedente,  fugge dalla corte per scegliere una vita di estrema povertà; in quella di destra si legge invece l’inizio della sua agiografia; nel secondo foglio, due episodi riguardanti l’anacoreta egiziano Pafnuzio, con una miniatura a piena pagina che mostra Pafnuzio nell’atto di congedarsi da quattro anziani monaci; nel terzo foglio la Vita di san Macario l’Egiziano, con una miniatura che ha per soggetto la guarigione di un leoncino cieco da parte degli anacoreti Macario e Marco, e un testo che mette l’accento sul rigore estremo delle pratiche di vita del religioso; nel quarto foglio una miniatura con sei monaci alla ricerca del Paradiso terrestre se la Vita di san Macario di Roma; nel quinto foglio una pagina  interamente occupata dalla miniatura illustrante la visita del vescovo Teofilo a Pambo, e sul verso una miniatura a piena pagina di  Pambo e i suoi discepoli.

13 marzo 2018

Il dittatore ancora contro Afrin

Il mondo è fermo ed ignaro di ciò che continua a succedere in Siria "chi ricorda, il Genocidio degli Armeni?" disse Adolf Hitler. La Storia dovrebbe insegnare ma non lo fa. I governi non sanno, fanno finta di non sapere e il Katzelmacher si sfizia a tenere in scacco il mondo. Tanto al mondo non interessa. 
Nessuno si oppone! I jihadisti mercenari da lui pagati con i soldi che la UE gli regala per tenere lontano il pericolo dei profughi siriani sono alle porte di Afrin pronti a sterminare definitivamente migliaia di civili. Una nuova pulizia etnica davanti alla quale tutti si girano dall'altra parte.
Il venditore ambulante che vuole farsi sultano, compra armi e le usa contro i civili in un progetto panturchista il cui controllo è ormai ben pianificato anche dall'esercito turco che fino a qualche anno fa rappresentava un baluardo di laicità contro questo signore del male. 
Egli come tutti i cavalieri dell'Apocalisse marcia indisturbato, compra, corrompe, uccide, denigra, incarcera, si lava i denti nel sangue delle sue vittime innocenti. 
Secondo i ben informati, sarebbe un pusillanime, un pavido, guidato da una donna perfida che con un velo così stretto sulla testa sembra una microcefala. Sarebbe lei a portare i pantaloni in famiglia, lei a gestire i patrimoni espropriati agli avversari politici, a ordire e organizzare affari con gli "infedeli", a tracciare le trame e accordi, che lui da buon baff(om)etto mette in pratica. Lui sarebbe solo un malato, un epilettico curato male, in preda a stati deliranti e paranoici, di onnipotenza a causa dei farmaci. Anche questa sembra una ennesima scusa per perdonare, per fargli diminuire il numero delle responsabilità politiche. 
Ma dobbiamo replicare a chi scrive o mette in giro queste notizie, che morti restano morti, il peso delle responsabilità politiche non cambia, perché quei "farmaci" e quella "strega cattiva" da soli non possono distruggere migliaia di vite. 
La responsabilità è della comunità internazionale che con queste belve ignominiose continua a fare perfidi affari. Adesso i Negazionisti Turchi diranno che loro hanno liberato Afrin!!!

07 marzo 2018

Intervista di Lorena Liberatore a Claudio Crapis

di Lorena Liberatore

Claudio e Giandomenico Crapis sono autori di “Umberto Eco e il PCI. Arte, cultura di massa e strutturalismo in un saggio dimenticato del 1963”. L’uno docente e dirigente scolastico, l’altro medico, sono, «infaticabili esploratori del secolo passato con le sue coerenze e contraddizioni, recuperano un vecchio saggio dell’intellettuale piemontese, noto in tutto il mondo e di recente scomparso, ripercorrendone l’iter di riflessioni alla ricerca di parallelismi tra evoluzioni della società e fenomenologia artistica e culturale.  Mezzo secolo fa, questo dibattito tra gli intellettuali italiani era molto vivo e l’eco ne varcava agilmente le frontiere: se l’egemonia culturale della sinistra in Italia era cosa discussa, l’egemonia della cultura italiana nel mondo era indiscussa. I due autori ci riportano così alla modernità di quel dibattito “rimasto in sospeso” in quanto tuttora attuale, valido, interessante soprattutto nel metodo di Umberto Eco».  



Di seguito un'intervista a Claudio Crapis.

Com'è andata la presentazione del suo libro, sabato scorso? 

Certo non sta a me esprimere valutazioni di questo tipo, ma personalmente sono molto soddisfatto; ho visto un uditorio attento e che ha posto diverse domande. 

"Umberto Eco e il PCI. Arte, cultura di massa e strutturalismo in un saggio dimenticato del 1963", com'è nato questo libro? 

E' stato mio fratello Giandomenico - in occasione della "Lettura no stop del Nome della rosa" organizzata nel Maggio 2016 nella Libreria Tavella di Lamezia Terme dal compianto Augusto Porchia, cui va il mio ricordo commosso e riconoscente - a propormi di ripubblicare e commentare questo articolo "dimenticato" di Eco. Sulle prime, confesso, ero alquanto perplesso, soprattutto perché non volevo dar l'impressione di cavalcare l'onda emotiva suscitata dalla morte, allora recente, di Eco. Poi ho letto l'articolo e ho cambiato idea. 

Lei è docente e dirigente scolastico, suo fratello invece medico. Due ambiti apparentemente inconciliabili! Cosa vi ha spinti a collaborare a questo volume? 

Mio fratello, benché medico, da sempre è appassionato e studioso della televisione italiana e dei rapporti fra potere e mezzi di comunicazione di massa. Su questi temi ha pubblicato diversi libri. Io mi sono laureato in Semiotica a Bologna con il Prof. Eco e dopo gli anni del dottorato, mi sono dedicato all'insegnamento, mantenendo, per quanto mi è stato possibile, la passione per gli studi semiotici e per gli scritti di Umberto Eco. Quindi il lungo articolo del 1963 si presentava evidentemente come un fecondo terreno di incontro dei nostri interessi. 


A due anni dalla morte di Umberto Eco, cosa ci resta di lui? Ma soprattutto, cosa ci resta di questo suo saggio dimenticato del 1963? E quanto la sua puntuale analisi della società di massa e dei suoi miti è ancora attuale, oggi e in questo delicato periodo politico? 


Eco ha lasciato un'eredità straordinariamente ricca di spunti di ricerca in ambiti diversi, di stimoli e di studi con la quale ogni studioso può e deve fare i conti, dalla semiotica alla filosofia del linguaggio, dall'estetica alla teoria delle comunicazioni di massa, dalla storia delle idee alla teoria della letteratura. Riproporre oggi il saggio del 1963 ha senso non per interesse documentario, ma perché ci mostra - benché Eco sia ai suoi esordi (aveva poco più di trenta anni) - quanto sia necessario guardare alla cultura nella complessità delle sue dinamiche e collegare le analisi al contesto storico. Quanto sia importante studiare senza snobismi e anzi con strumenti raffinati culturalmente gli specifici linguaggi dei mezzi di comunicazione di massa, cogliendone la dimensione interdisciplinare (dall'estetica alla sociologia, all' antropologia ecc.), capire come vengano fruiti da pubblici diversi e riuscire a collegarli sia con altri fenomeni comunicativi, dello stesso genere o di altra natura, sia con il contesto socio-economico. 

Penso che sia attualissima quella lezione di impegno critico e di profondità, necessaria ancor di più oggi con i profondi mutamenti introdotti dalla Rete. Di fronte alla cultura di massa in tutte le sue forme il suo atteggiamento coerente non è stato né di pessimismo apocalittico né di ottimismo integrato, ma di attivo impegno critico. 

Com'era 'Umberto Eco - docente'? L'immaginario di chi non l'ha conosciuto tende ad oscillare tra due estremi: era un uomo severo e distante o una persona umana (nel senso più nobile del termine) e dal modo di fare 'paterno'? 


La materia insegnata da Eco all'Università, Semiotica, incuteva un certo timore, perché richiedeva molto impegno e presupponeva un bel po' di letture e conoscenze, infatti di solito la si affrontava al terzo o al quarto anno (secondo il vecchio ordinamento). Per laurearsi con lui, poi, bisognava conoscere almeno due lingue. Ma le sue lezioni erano coinvolgenti e divertenti anche; era estremamente disponibile con gli studenti, amava molto fare lezione (non si assentava mai). Con i suoi laureandi e/o dottorandi era abitudine andare a mangiare insieme almeno una volta a settimana. E sicuramente potrei confermare che "paterno" era il suo modo di fare. 


Questa domanda la rivolgo semplicemente al Claudio Crapis lettore… di narrativa! L'ultimo testo di narrativa di Umberto Eco è del 2015: il discusso "Numero Zero", edito dalla Bompiani. Un romanzo che divise nettamente il pubblico dei lettori e fece discutere molto, in particolare su quei social network oggi tanto di moda, ma anche tanto dileggiati dallo stesso Eco. Cosa pensa di "Numero Zero"? 


"Numero zero", settimo e ultimo romanzo di Umberto Eco, sicuramente spiazza il lettore dei romanzi precedenti: è breve, semplice quanto a numero di personaggi e compatto quanto al tempo e al luogo. Ma la piacevolezza del libro consiste nella capacità di rappresentare le dinamiche attraverso le quali la conoscenza viene "fatta a pezzi" dall'informazione, anzi addirittura ostacolata dall'informazione.




Diventa operativo il Centro Armeno-Italiano per il restauro, lo sviluppo, la gestione e la conservazione del patrimonio culturale

La Galleria Nazionale d'Arte in Piazza Repubblica  Una solenne cerimonia di apertura operativa del centro regionale armeno-italia...

Etichette