Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2015

Sabato 18 ottobre - La Vidua Vidue ricorda il popolo Armeno

Sabato 17 ottobre 2015 alle ore 18,00, nella Sala Murat, in piazza Ferrarese, a Bari  Rupen Timurian, Kegham Boloyan, Cosma Cafueri, Carlo Coppola parleranno alcuni aspetti del Genocidio Armeno per ricordare alla cittadinanza barese, e non solo, la presenza antica e moderna del meraviglioso popolo dell'Ararat nel capoluogo pugliese. Come è noto una comunità armena abitava a Bari già da alcuni secoli quando avvennero i fatti dell'anno 1004. Durante l'assedio la comunità armena si rese protagonista di atti di eroismo, contribuendo alla tenacemente alla resistenza.  In seguito il popolo barese avrebbe accolto a sua volta quello armeno in fuga dai tragici dalle stragi della Turchia e dall'incendio di Smirne. All'inizio degli anni Venti del XX secolo fu, infatti, a Bari giunsero dai campi profughi della Crocerossa della Grecia, svariate circa 300 persone, a più ondate. Accolte dapprima nella fabbrica dell'ingegner Lorenzo Valerio in Contrada Graziamonte, furono poi …

Cittadini italiani sgraditi a Baku: ecco la blacklist

Questa sera l'Italia del Calcio professionistico giocherà a Baku, capitale della Repubblica Azera, una decisiva partita per la qualificazione alle prossime competizioni mondiali.  La questione, come sempre accade quando si ha a che fare con stati dittatoriali o con oligarchie post-sovietiche, è estremamente delicata e va ben oltre le congiunture sportive.  Infatti il governo Azero, noto fra i tanti, per le accuse di non rispettare i diritti umani, civili, politici, è anche accusato da più parti di controllare o influenzare indirettamente la stampa ed altri organismi internazionali attraverso la nota politica del petrolio e del caviale (quello Azero a detta di molti esperti sarebbe di qualità inferiore a quello russo e iraniano). Si tratterebbe di regalie e sovvenzioni di vario genere e a vario titolo a personaggi importanti e opinion leader, professori universitari, politici e giornalisti. Ciò sarebbe condotto per ingraziarsi l'opinione pubblica mondiale nei confronti dei noti c…

Riceviamo e Pubblichiamo - Patarag di Komitas a Mola di Bari

Orfeo Futuro - Rete dei Festival di Musica d'Arte PATARAGNel centenario del genocidio armenoEnsemble Florilegium Vocis
direttore Sabino Manzo
Sabato 3 ottobre, ore 21.00
Castello Angioino - MOLA DI BARI Ancora un’occasione per ascoltare le musica di Padre Komitas, il religioso-compositore vissuto a cavallo tra il XIX ed il XX secolo che sfuggì al genocidio degli armeni di cent’anni fa, ricorrenza alla quale la rete Orfeo Futuro sostenuta da Puglia Sounds sta dedicando un ciclo di appuntamenti e iniziative.
Sabato 3 ottobre, alle ore 21, il concerto Patarag, protagonista l’Ensemble Florilegium Vocis diretto da Sabino Manzo, si terrà nel Castello Angioino di Mola di Bari per la terza edizione di Oriente Occidente, il festival diretto dallo stesso Manzo e inserito in Orfeo Futuro (biglietti euro 5, ridotti euro 3 - info 340.4039545 oppure 339.3347692).
Poco si sa della musica degli armeni, popolo travagliato e noto alle cronache sopra…