25 dicembre 2013

Natale Meridionalista - Quanno nascette Ninno



 

 Auguri di Buon Natale



 

Quanno nascette Ninno a Betlemme,
era nott' e pareva miezo juorno.
Maje le stelle-lustre e belle
se vedèttero accossí:
e 'a cchiù lucente,
jette a chiammà li Magge a ll'Uriente.
De pressa se scetajeno l'aucielle
cantanno de na forma tutta nova:
Pe' nsi' 'agrille-co' li strille,
e zombanno 'a ccá e 'a llá:
È nato! È nato!
decévano - lo Dio che nce ha criato! -
Co' tutto ch'era vierno, Ninno bello,
nascettero a migliara rose e sciure
Pe' nsi' 'o ffieno sicco e tuosto,
che fuje puosto - sott'a te,
se 'nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette
A no paese che se chiamma Ngadde,
sciurettero le bignè e ascette ll'uva.
Ninno mio sapuretiello,
rappusciello - d'uva si' Tu
ca, tutt'ammore,
faje doce 'a vocca e po' 'mbriache 'e core.
No nc' cerano nnemmice pe la terra,
la pecora pasceva co lione;
co o crapette - se vedette
o liupardo pazzeà;
l'urzo o vitiello,
E co lo lupo 'n pace o pecoriello.
Se rrevotaje 'n somma tutt' o Munno,
lu cielo, a terra, o mare, e tutt' i gente.
Chi dormeva - se senteva
'npiett' o core a pazzeà;
pe la priezza,
E se sonnava pace e contentezza.
Guardavano le ppecore i Pasturi,
e n' Angelo sbrannete cchiù d'o sole.
Comparette - e le dicette:
no ve spaventate no;
contento e riso:
la terra è arreventata Paraviso.
A buie è nato ogge a Bettalemme
du munno l'aspettato Sarvatore.
dint' i panni o trovarrite,
nu nipote - maje sgarrà,
arravugliato,
e dinto a lo Presebbio curicato.
A meliune l'Angiule calate
co chiste se mettenten' a cantare:
Gloria a Dio, pace 'n terra,
nu cchiù guerra - è nato già
lo Rre d'amore,
che dà priezza e pace a ogni core.
Sbatteva o core mpietto a ssi Pasture;
e l'uno 'n faccia all'auto diceva:
che tardammo? - Priesto, jammo,
Ca mme sento scevolì
pe lo golìo
che tengo de vedé sso Ninno Dio.
Zombanno, comm'a cierve ferute,
correttero i Pasture a la Capanna;
là trovajeno Maria
co Giuseppe e a iogia mia;
e 'n chillo Viso
Provaieno no muorzo e Paraviso.
Restajeno 'ncantare a boccapierte
pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jetanno - lacremanno
nu suspiro pe sfocà,
da dint' o core
Cacciajeno a migliaia atte d'amore.
Co a scusa de donare li presiente
se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
l'azzettaje - comm' a dì,
ca lle mettette
le mmanne 'n capo e li benedicette.
Piglianno confedenzia a poco a poco,
cercajeno licenza a la Mamma:
se mangiajeno li pedille
coi vasille - mprimmo, e po'
chelle mannelle,
all'urtemo lo musso ei maschiarelle.
Po' assieme se mettettero a sonare
e a cantá co' ll'Angiule e Maria,
co' na voce - accossí doce,
che Gesù facette: a aa...
E po' chiudette
chill'uocchie aggraziate e s'addurmette.
"Viene suonno da lu cielo,
viene adduorme a sto Nennillo;
pe pietá ch'è piccerillo,
viene suonno e non tardá.
Gioja bella de sto core,
vorría suonno arreventare,
doce, doce pe' te fare
ss'uocchie bell' addormentá.
Ma si Tu, p'esser' amato
Te si' fatto Bammeniello,
Sulo Ammore è o sonnariello
che dormire Te pò fá
Ment'è chesto può fa nonna
pe Te st'arma è arza e bona
T'amo t'a...Uh, sta canzona
giá t'ha fatto addobbeá!"
T'amo Dio, bello mio
t'amo Gioja, t'amo, t'a'
Lo 'nfierno solamente e i peccature
'ncocciuse comm'a isso e ostinate
se mettettero appaura,
pecché a scura - vonno stá
li spurtagliune,
fujenno da lu sole, li briccune.
Io pure sóngo niro peccatore,
ma non boglio èsse cuoccio e ostinato.
Io non boglio cchiù peccare,
voglio amare - voglio stá
co Ninno bello
comme nce sta lo voje e l'aseniello.
Io non boglio cchiù peccare
voglio amare, voglio stá
co' Ninno bello
comme nce sta lo voje e ll'aseniello
A buje, uocchie mieje, doje fontane
avite a fá, de lacreme, chiagnenno
pe' lavare - pe' scarfare
li pedilli de Giesù;
chisá, pracato
decesse: Via, ca t'aggio perdonato.
Viato a me si aggio 'sta fortuna!
Che maje pozzo cchiù desiderare?
O Maria - speranza mia
ment'io chiagno, prega tu:
penza ca pure
sì fatta mamma de li peccature.

Buone Feste dal Centro Studi Nazariantz

dolci Armeni by Madlena Sarkisyan

Il Centro Studi Hrand Nazariantz di Bari 

Augura a tutti Buone Feste, 

     un Sereno Santo Natale 

e un Prospero Anno 2014 secondo i desideri di ciascuno.

Ci rivedremo nel prossimo anno solare con un ricco programma di attività.




------------------------------------------------------------

Centro Studi di Bari Hrand Nazariantz


Wishes everyone Happy Holidays,

     a Merry Christmas
 
and a Happy Year 2014 according to the wishes of each of you.


We will meet again in the next calendar year with a varied program of activities.

22 dicembre 2013

22 dicembre 2013 Aleppo Marcia per la Pace


Quest'oggi ad Aleppo, città della Siria più volte protagonista di accoglienza e pace nel corso della storia degli ultimi secoli, si terrà una Marcia per la Pace.

Il Centro Studi Hrand Nazariantz di Bari è vicino ai Fratelli Armeni e a tutti coloro che soffrono per la tremenda guerra civile che sta martoriando la nazione siriana.

FERMATE LE ARMI DAVANTI AL BAMBINO CHE DORME NELLA MANGIATOIA

FERMATE LE ARMI DAVANTI A GESÙ CHE NASCE A BETLEMME

FERMATE LE ARMI VE LO CHIEDIAMO PER IL COMUNE PADRE ABRAMO

FERMATE LE ARMI GIÀ TROPPI FRATELLI SONO MORTI INVANO

FERMATE LE ARMI NON ADERITE AGLI INTERESSI DI POCHI.


20 dicembre 2013

In a Manner of Speaking by Martin L. Gore



In a manner of speaking, I just want to say
That I could never forget the way
You told me everything
By saying nothing

In a manner of speaking, I don't understand
How love in silence becomes reprimand
But the way that I feel about you
Is beyond words

Oh, give me the words
Give me the words
That tell me nothing

Oh, give me the words
Give me the words
That tell me everything


In a manner of speaking, semantics won't do
In this life that we live, we only make do
And the way that we feel
Might have to be sacrificed

So in a manner of speaking, I just want to say
That like you, I should find a way
To tell you everything
By saying nothing

Oh, give me the words
Give me the words
That tell me nothing

Oh, give me the words
Give me the words
Give me the words

Give me the words
Give me the words
Give me the words

----------------------------------------------------------------------------------

Traduzione


In un certo senso, voglio solo dire
Che non potrei mai dimenticare il modo in cui
Mi hai detto tutto
Dicendo nulla
In un certo senso, non capisco
Come l'amore in silenzio diventa rimprovero
Ma il modo in cui mi sento su di te
Va oltre le parole
Oh, dammi le parole
Dammi le parole
Che mi dicono nulla
Oh, dammi le parole
Dammi le parole
Che mi racconti tutto
In un certo senso, la semantica non lo farà
In questa vita che viviamo, facciamo soltanto fare
E il modo in cui ci sentiamo
Potrebbe essere sacrificato
Quindi, in un certo senso, voglio solo dire
Che, come te, dovrei trovare un modo
Per dirvi tutto
Dicendo nulla
 

Oh, dammi le parole
Dammi le parole
Che mi dicono nulla
Oh, dammi le parole

 
Dammi le parole
Dammi le parole

Dammi le parole
Dammi le parole

Dammi le parole

12 dicembre 2013

Sogni Crocifissi di Hrand Nazariantz


Խաչուած Երազներ




Մենք կ՛որոտանք՝ դուք գետնաքարշ կը հեծէք,
Մենք լոյս կ՛ըմպենք՝ դուք խաւարը կ՛որոճաք,
Մենք բոցեղէն Հարցական սէգ նըշանն ենք՝
Դուք՝ կաղ ու բութ կախման կէտերը դատարկ...

Տաժանագին գալարո՛ւմն ենք մենք Կամքին
Ու Դնդերին դատաստանն ենք մենք արդար.
Դուք՝ ջիղերու գինովութիւնն ախտավար,
Դիակներու տարրալուծումը լըռին...

Մըտածումի քանդող ժայթքո՛ւմն ենք ուժգին,
Դուք՝ քարացած Յափշտակումը անհեւ.
Արկածալից զառիվե՜րն ենք դժուարին,
Իսկ դուք՝ վարը ճահիճներու տիղմը սեւ...

Յառաջապահ մենք այն գունդն ենք կամաւոր

Որ առաջին բախումին դէմ կը սուրայ,
Վըտանգաւոր ոստումներով ահաւոր,

Ատելութեամբ ու վըրէժով բեռնաւոր...

10 dicembre 2013

"Figli di B." di C. Coppola all'Eccezione

 
Dopo i successi nazionali e internazionali in Capitanata, Sicilia Nord Orientale, Terra di Bari e Piemonte, ritorna nella Capitale Pugliese una presentazione di un libro che continua a far parlare di sè Figli di B.: «ad una voce per il teatro» un omaggio a Carmelo Bene!

Questa volta il volume sarà presentato presso L'Eccezione - Cultura e Spettacolo di Puglia Teatro in Via Indipendenza n. 75 a Bari.

Insieme al padrone di casa, attore e regista Rino Bizzarro, e al Critcio e Organizzatore dell'evento Daniele Pegorari, interverrà lo Storico dell'Arte Francesco Lofano che condurrà l'incontro con Carlo Coppola, autore e curatore del volume. Faranno da sfondo alla presentazione alcune creazioni della stilista Terry Rossiello dedicate all'opera di Carmelo Bene!

09 dicembre 2013

Ov Sirun Sirun - canto popolare armeno ?


 

Am Dm/H
1. Ով` սիրուն, սիրուն, ինչ՞ու մոտեցար 

E7 Hm7 E7 Am
Սրտիս գաղտնիքը ինչ՞ու իմացար

Am E7 Am Dm Dm/C Dm/H Dm/A
Մի անմեղ սիրով ես քեզ սիրեցի, 

Dm Hm7 E7 Dm6 E7 Am
Բայց դու, անիրավ, ինչ՞ու լքեցիր: 

Am E7 Am Dm Dm/C Dm/H Dm/A
Մի անմեղ սիրով ես քեզ սիրեցի, 

Dm Hm7 E7 Dm6 E7 Am
Բայց դու, անիրավ, ինչ՞ու լքեցիր:


2. Ախ, եթե տեսնեմ օրերից մի օր
Դու ման ես գալիս տխուր ու մոլոր,
Ընկեր կդառնամ, ես քո վշտերին,
Մենակ չեմ թողնի իմ սիրած յարին:
Ընկեր կդառնամ, ես քո վշտերին,
Մենակ չեմ թողնի իմ սիրած յարին:

3. Ո`վ սիրուն, սիրուն, երբ որ ես կրկին
Հանդիպում եմ քեզ իմ ճանապարիհին
Նորից այրում ես հուշերս անմար.
Նորից կորչում է և քուն,և դադար:
Նորից այրում ես հուշերս անմար.
Նորից կորչում է և քուն,և դադար:



translitteration


1. Ov` sirun, sirun,
inch’՞u motets’ar 
Srtis gaghtnik’y inch’՞u imats’ar 
Mi anmegh sirov yes k’yez sirets’i, 
Bayts’ du, anirav, inch’՞u lk’yets’ir: 
Mi anmegh sirov yes k’yez sirets’i, 
Bayts’ du, anirav, inch’՞u lk’yets’ir: 

2. Akh, yet’ye tesnem orerits’ mi or 
Du man yes galis tkhur u molor, 
Ynker kdarrnam, yes k’vo vshterin, 
Menak ch’yem t’voghni im sirats yarin: 
Ynker kdarrnam, yes k’vo vshterin, 
Menak ch’yem t’voghni im sirats yarin: 

3. VO`v sirun, sirun, yerb vor yes krkin 
Handipum yem k’yez im chanaparihin 
Norits’ ayrum yes hushers anmar. 
Norits’ korch’um e yev k’un,yev dadar: 
Norits’ ayrum yes hushers anmar. 
Norits’ korch’um e yev k’un,yev dadar:


Russian

Ах, краса моя,
Зачем подошла?
Сердце у меня
Зачем отняла?
Тебе равной нет,
Как ты хороша!
Устремилась вслед
За тобой душа…

Жизни тяжко бремя,
Быстро гаснет страсть,
Но теряет время
Над любовью власть!
И пока дышу я
И бежит в жилах кровь,
Лишь тобой живу я:
Ты – моя любовь…

Ов, сирун, сирун, инчу мотецар,
Сытыс гахтникы инчу имацар.
Ми анмех сиров ес кез сиреци,
Байц ду анирав давачанецир.
Ми анмех сиров ес кез сиреци,
Байц ду анирав давачанецир.

Иск етэ ангам орериц мек ор
Ес кез андипем тхур у молор.
Анкер кидарнам ес ко виштерин
Менак чем тохни им сирац ярин.
Анкер кидарнам ес ко виштерин
Менак чем тохни им сирац ярин...

08 dicembre 2013

Festività dell'Immacola Concezione 2013


Tota pulchra es, Maria.
Et macula originalis non est in Te.

Tu gloria Ierusalem.
Tu laetitia Israel.

Tu honorificentia populi nostri.
Tu advocata peccatorum.

O Maria, O Maria.
Virgo prudentissima.
Mater clementissima.

Ora pro nobis.

Intercede pro nobis.
Ad Dominum Iesum Christum.

 



"La Sine macula (1642), espressione di una nuova ricerca stilistica e coloristica, in cui l’artista [Francesco Guarini] si distacca dalle correnti naturalistiche della pittura napoletana e dà inizio alla fase matura della sua opera.

Opera commissionata dalla Congrega dei Bianchi annessa alla Collegiata. Olio su tela (242x161)."

dal testo di Vit’Antonio Grassi dal titolo Genealogia e Ragguagli Istorici del antico e moderno stato di Solofra e sua Università nel genere fisico seumateriale politico, civile, spirituale e prudentialeo vero ricca platea della medesima Università, trascritto dalla prof. Mimma De Maio per il medesimo sito di leggiamo inoltre:

"Va celebrata ancora come magnifico ritratto della Concettione SS. Immacolata nella Congregatione superiore della Collegiata medesima, et è uno de più celebri, e magnifici ritratti, che egli habbia mai composto con intreccio di tanti bel’ Angeli, che lo rendono assai venerabile, et il magistero adoprato da esso Guarini si suppone per l’amicitia, e corrispondenza di tali fratelli dell’istesso oratorio, di cui era parimente sodale fratello, e figlio della medesima congregatione."

07 dicembre 2013

25 anni dal tremendo terremoto in Armenia. Un ricordo



Come ricordare il terribile terremoto in Armenia del 7 dicembre 1998 senza retorica? L'impresa è molto ardua, lo sappiamo. Un modo utile può essere quello di guardare alla Patria come aria di mestizia, tristezza, continuare a piangere i morti con urla e strazio, perpetrare il ricordo della distruzione di un nuovo attentato all'identità di un popolo martoriato, che ha pianto troppo. 
Si mostrano le immagini di bambini tra le macerie che cercano la mamma, una bambola o il ciuccio, guardare le facce stravolte ripiegandosi al dolore di un nuovo genocidio, meno sistematico, meno truculento. Non c'erano donne sventrate o uomini col capo mozzato. Ma solo macerie e sguardi assenti in un paese, allora Sovietico che non conosceva l'idea della Protezione Civile, del controllo geomorfologico del territorio, anche peggio del terremoto dell'Irpinia del 23 novembre del 1980 !!! Il tempo passa ma il dolore resta, per quello che si poteva fare e non è fatto per prevenire una catastrofe mondiale.

  

Allora si mobilitarono gli artisti, cantanti guidati da Charles Aznavour, che completava il proprio percorso di riappropriazione identitaria e promosse raccolte di fondi e canti in più lingue della medesima canzone dal titolo Per te Armenia. In Italia molti cantanti e musicisti aderirono all'iniziativa tra questi Tullio De Piscopo, Sergio Endrigo, Pierangelo Bertoli, Gino Paoli, Christian, Sandro Giacobbe, Mino Raitano, Ricky Gianco, Tony Dallara, Memo Remigi, Scialpi, Mia Martini, Milva, Nilla Pizzi, Iva Zanicchi, Gigliola Cinquetti, Mietta, Gilda Giuliani, Orietta Berti, Lorella Cuccarini solo per citarne alcuni. 
Tra le prime a mobilitarsi Maria Pia Fanfani, grande madrina di innumerevoli iniziative umanitarie. 

  
  
Erano le 11.41 di mattina. L’epicentro del Terremoto, del grado 6,9 della scala Richter, era collocato a 40 chilometri a nord-est della città di Leninake, anche l'orario era quello migliore per le grandi stragi, sembrava un attentato di proporzioni bibliche, fattorie e scuole sono piene. La scossa principale fu lunghissima, durò circa un minuto, quattro minuti più tardi, un'altra solo in apparenza meno distruttrice che inferse il colpo di grazia agli edifici di magnitudo 5,8. In un raggio di 45 Km dall’epicentro, tutti gli edifici con più di due piani spariscono, seppellendo sotto le macerie chi si trova all’interno, la maggior parte della popolazione passò dalla vita alla morta all'istante, schiacciata da tonnellata di cemento, legno vetro, travolta da suppellettili e casa, che si rivelarono in pochi istanti non meno feroci delle scimitarre ottomane. L'emergenza umanitaria fu subito chiara, gli ospedali non riuscivano a fronteggiare le ondate di feriti, e 15.000 persone morirono di infezioni a causa delle insufficienti provviste di medicine. Le conseguenze del sisma furono quindi terribili quando il sisma stesso. Tutto giocò a sfavore della popolazione: il rigido inverno e la temperatura, l'ora di punta, le condizioni geomorfologiche, le strade ancora inadeguate ai soccorsi immediati, i fabbricati spesso inadeguati che travolsero e uccisero anche l'80 percento del personale sanitario. Chi poteva prestare soccorso? Alla fine le vittime accertate furono ben 28.854, anche se in questi conteggi ebbe ancora una forte influenza la censura sovietica e lo zelo al nascondismo dei funzionari. Attualmente stime più realistiche della comunità internazionale parlano di bene numeri superiori ai 50.000 morti. Per ricordare il terremo del 7 dicembre 1988, anche noto come Terremoto di Gymri, abbiamo scelto una poesia di Yeghishe Charents (Եղիշե Չարենց), ben nota a tutti coloro che amano l'Armenia e che più volte l'anno ormai si ritrovano a considerarne le tristi sorti. E' una poesia scritta nel (1920) che contiene in sé il dolore e la speranza e che riproponiamo tra le altre nella traduzione del prof. Mario Verdone, grande amico del popolo Armeno. 


 
 Della mia dolce Armenia...

 

Ես իմ անուշ Հայաստանի արևահամ բա՜ռն եմ սիրում,

Մեր հին սազի ողբանուագ, լացակումած լա՜րն եմ սիրում,
Արնանման ծաղիկների ու վարդերի բո՜յրը վառման,
Ու Նայիրեան աղջիկների հեզաճկուն պա՜րն եմ սիրում։
Սիրում եմ մեր երկինքը մուգ, ջրերը ջինջ, լի՜ճը լուսէ,
Արևն ամրան ու ձմեռուայ վիշապաձայն բու՜քը վսեմ,
Մթում կորած խրճիթների անհիւրընկալ պատե՜րը սև
Ու հնամեայ քաղաքների հազարամեայ քա՛րն եմ սիրում։
Ուր է՛լ լինեմ - չե՛մ մոռանայ ես ողբաձայն երգերը մեր,
Չե՜մ մոռանայ աղօթք դարձած երկաթագիր գրքերը մեր,
Ինչքան էլ սո՜ւր սիրտս խոցեն արիւնաքամ վէրքերը մեր -
Էլի՛ ես որբ ու արնավառ իմ Հայաստան - եա՛րն եմ սիրում։
Իմ կարօտած սրտի համար ո՛չ մի ուրիշ հէքեաթ չկայ․
Նարեկացու, Քուչակի պէս լուսապսակ ճակատ չկայ․
Աշխա՛րհ անցի՛ր, Արարատի նման ճերմակ գագա՜թ չկայ․
Ինչպէս անհաս փառքի ճամբայ՝ ես իմ Մասիս սա՛րն եմ սիրում։
****

trad. Mario Verdone 

Della mia dolce Armenia
amo la lingua che ha il sapore del sole,
la tragica voce e i lamenti dei bardi,
amo i fiori color del sangue,
l’intenso profumo delle rose
e le danze gentili delle figlie del Nairi.

Amo il cielo blu profondo,
le acque limpide e il lago luminoso,
il caldo sole d’estate e i gelidi venti d’inverno
che soffiano con voce di drago,
i muri tristi e neri delle capanne sperdute nel buio
e le pietre millenarie delle antiche città.

Ovunque vada non dimenticherò
le nostre canzoni che hanno voce di dolore
e i libri di pergamena pieni di preghiere e di pianti.
Malgrado le piaghe
che feriscono il mio cuore addolorato
la mia Armenia diletta, insanguinata, io canto.

Per il mio cuore ebbro d’amore
non c’è leggenda più fulgida,
non vi sono fonti più pure
di quelle dei nostri antichi cantori.

Va per il mondo: non c’è vetta bianca
come quella dell’Ararat.

Come strada di gloria irraggiungibile, io l’amo. 


25° Anniversario del terremoto in Armenia




  
 Della mia dolce Armenia di Yeghishe Charents (1920) 

 

 
Ես իմ անուշ Հայաստանի արևահամ բա՜ռն եմ սիրում,
Մեր հին սազի ողբանուագ, լացակումած լա՜րն եմ սիրում,
Արնանման ծաղիկների ու վարդերի բո՜յրը վառման,
Ու Նայիրեան աղջիկների հեզաճկուն պա՜րն եմ սիրում։
Սիրում եմ մեր երկինքը մուգ, ջրերը ջինջ, լի՜ճը լուսէ,
Արևն ամրան ու ձմեռուայ վիշապաձայն բու՜քը վսեմ,
Մթում կորած խրճիթների անհիւրընկալ պատե՜րը սև
Ու հնամեայ քաղաքների հազարամեայ քա՛րն եմ սիրում։
Ուր է՛լ լինեմ - չե՛մ մոռանայ ես ողբաձայն երգերը մեր,
Չե՜մ մոռանայ աղօթք դարձած երկաթագիր գրքերը մեր,
Ինչքան էլ սո՜ւր սիրտս խոցեն արիւնաքամ վէրքերը մեր -
Էլի՛ ես որբ ու արնավառ իմ Հայաստան - եա՛րն եմ սիրում։
Իմ կարօտած սրտի համար ո՛չ մի ուրիշ հէքեաթ չկայ․
Նարեկացու, Քուչակի պէս լուսապսակ ճակատ չկայ․
Աշխա՛րհ անցի՛ր, Արարատի նման ճերմակ գագա՜թ չկայ․
Ինչպէս անհաս փառքի ճամբայ՝ ես իմ Մասիս սա՛րն եմ սիրում։
****

trad. Mario Verdone 

Della mia dolce Armenia
amo la lingua che ha il sapore del sole,
la tragica voce e i lamenti dei bardi,
amo i fiori color del sangue,
l’intenso profumo delle rose
e le danze gentili delle figlie del Nairi.

Amo il cielo blu profondo,
le acque limpide e il lago luminoso,
il caldo sole d’estate e i gelidi venti d’inverno
che soffiano con voce di drago,
i muri tristi e neri delle capanne sperdute nel buio
e le pietre millenarie delle antiche città.

Ovunque vada non dimenticherò
le nostre canzoni che hanno voce di dolore
e i libri di pergamena pieni di preghiere e di pianti.
Malgrado le piaghe
che feriscono il mio cuore addolorato
la mia Armenia diletta, insanguinata, io canto.

Per il mio cuore ebbro d’amore
non c’è leggenda più fulgida,
non vi sono fonti più pure
di quelle dei nostri antichi cantori.

Va per il mondo: non c’è vetta bianca
come quella dell’Ararat.

Come strada di gloria irraggiungibile, io l’amo. 




****

english

I love my sweet Armenia's word which is filled with the taste of sun,
I love our old lyre's melody from its mournful and weeping strings,
The vivacious fragrance of the blood-like flowers and the roses,
I love as well the graceful and agile dance of Nayirian girls.
I love as well our gloomy sky, our pure waters, luminous lake,
The summer's sun and the winter's sublime wind with a dragon's voice,
Also the black, unwelcoming walls of the huts lost in the dark,
And I love the thousand-year stone of the ancient cities as well.

No matter where I am yet I shall not forget our mournful songs,
Shall not forget our steel-lettered books which now have become prayers,
No matter how sharply they pierce my heart our wounds so soaked with blood,
Even then I love my orphaned and my bloodied, dear Armenia.

For my longing heart there is not, not even one another tale,
There's no brighter forehead than that of Kouchag and Naregatsi,
Pass the whole world, there's no summit as white as that of Ararat,
Like glory road, unreachable, I love as well my Mount Massis. 

06 dicembre 2013

Addio Madiba. Ci lascia Nelson Mandela

 

Invictus by William Ernest Henley 

 

Out of the night that covers me,
Black as the pit from pole to pole,
I thank whatever gods may be
For my unconquerable soul.

In the fell clutch of circumstance
I have not winced nor cried aloud.
Under the bludgeonings of chance
My head is bloody, but unbowed.

Beyond this place of wrath and tears
Looms but the Horror of the shade,
And yet the menace of the years
Finds and shall find me unafraid.

It matters not how strait the gate,
How charged with punishments the scroll,
I am the master of my fate:
I am the captain of my soul.

Invicibile di William Ernest Henley


Dalla notte che mi avvolge
 nera
come la fossa dell’Inferno

rendo grazie a qualunque Dio ci sia

per la mia anima invincibile.

La morsa feroce degli eventi

non m’ha tratto smorfia o grido.

Sferzata a sangue dalla sorte

non s’è piegata la mia testa.

Di là da questo luogo d’ira e di lacrime

si staglia solo l’orrore della fine,

ma in faccia agli anni che minacciano

sono e sarò sempre imperturbato.

Non importa quanto angusta sia la porta,

quanto impietosa la sentenza.

Sono il padrone del mio destino;

il capitano della mia anima. 

Etichette