"Nor Surhandak" è il blog del Centro Studi "Hrand Nazariantz". Questa Associazione Culturale ha lo scopo di diffondere e ampliare la Conoscenza dell'opera del poeta Hrand Nazariantz e della cultura letteraria, artistica, musicale del Vicino Oriente Europeo e Asiatico e nei suoi rapporti internazionali e con l'Italia in particolare.

31 agosto 2014

Toi et Moi di Charles Aznavour (testo accordi e traduzione)



Do-Lam-Fa-Sol


Do

Toi et moi



Deux cœurs qui se confondent

Lam

Au seuil de l'infini

Fa

Loin du reste du monde



Haletants et soumis

Sol

A bord du lit

Do

Qui tangue et va

Mi

Sous toi et moi




La

Toi et moi




Libérés des mensonges

Fa#m

Et sevrés des tabous




Quand la nuit se prolonge



Entre râles et remous

Mi

Nos songes fous

Ré La

Inventent un nous




Fa Sib Do

Entre chien et loup dans nos rêves déserts

Solm Fa

L'amour a su combler les silences

Sib Fa

Et nous, ses enfants nus, vierges de nos hiers,

Solm La Fa-Sol

Devenons toi et moi, lavés de nos enfers




Do

Porte-moi




Au delà des angoisses

Lam

A l'appel du désir




Du cœur de nos fantasmes

Fa

Aux confins du plaisir

Sol

Que Dieu créa

Do

Pour toi et moi




Fa-Rém-Sib-La-Fa




Fa Do

J'étais sans espoir, tu as changé mon sort

Solm Fa

Offrant à ma vie une autre chance

Sib Fa

Les mots ne sont que mots, les tiens vibraient si fort

Solm La

Qu'en parlant à ma peau ils éveillaient mon corps






Aime-moi




Fis-moi l'amour encore

Sim

Encore et parle-moi




Pour que jusqu'aux aurores

Sol

Aux sources de nos joies

La

Mes jours se noient



Dans toi et moi.


::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Traduzione (approssimata per difetto) 


Tu ed io due cuori che si fondono insieme alle soglie dell'infinito lontano dal resto del mondo affannati e sottomessi sul letto che ondeggia e va sotto me e te tu ed io liberi dalle menzogne e privi dei tabù quando la notte si prolunga tra rantoli e ondeggiamenti i nostri sogni folli inventano un noi tra cane e lupo nei nostri sogni deserti l'amore colma i silenzi e noi, i suoi bambini nudi, vergini dei nostri ieri, diveniamo tu ed io, lave (del vulcano) dei nostri inferni portami al di là delle angosce al richiamo del desiderio del cuore dei nostri fantasmi ai confini del piacere che Dio creò per te e me ero senza speranza, hai cambiato il mio destino offrendo alla mia vita un'altra opportunità le parole non sono che parole, le tue vibrano così forte che, parlando alla mia pelle, risvegliano il mio corpo amami facciamo l'amore ancora ancora e parlami perché fino all'aurora alla fonte delle nostre gioie i miei giorni annegano in te e me.

ՔԻՉ ԵՆՔ‚ ԲԱՅՑ ՀԱՅ ԵՆՔ Siamo Pochi ma ci chiamano Armeni di Paruyr Sevak





ՔԻՉ ԵՆՔ‚ ԲԱՅՑ ՀԱՅ ԵՆՔ


Մենք քիչ ենք‚ սակայն մեզ հայ են ասում։

Մենք մեզ ո՛չ ոքից չենք գերադասում։

Պարզապէս մենք էլ պիտի ընդունենք‚

Որ մենք‚ միայն մենք Արարատ ունենք‚

Եվ որ այստեղ է՝ բարձրիկ Սեւանում‚

Երկինքը իր ճիշտ պատճենը հանում։

Պարզապէս Դաւիթն այստեղ է կռուել։

Պարզապէս Նարեկն այստեղ է գրուել։

Պարզապէս գիտենք ժայռից վանք կերտել‚

Քարից շինել ձուկ, եւ թռչուն՝ կաւից‚

Ուսուցման համար եւ աշակերտել

Գեղեցկի՛ն‚

Բարու՛ն‚

Վսեմի՛ն‚

Լաւի˜ն…


Մենք քիչ ենք‚ սակայն մեզ հայ են ասում։

Մենք մեզ ոչ մէկից չենք գերադասում

Պարզապէս մեր բախտն ուրիշ է եղել‚

Պարզապէս շատ ենք մենք արիւն հեղել:

Պարզապէս մենք մեր դարաւոր կեանքում‚

Երբ եղել ենք շատ

Ու եղել կանգուն‚

Դարձեալ չենք ճնշել մէկ ուրիշ ազգի‚

Ո՛չ ոք չի տուժել զարկից մեր բազկի։

Եթե գերել ենք՝

Լոկ մեր գրքերով.

Եթե տիրել ենք՝

Լոկ մեր ձիրքերով…


Պարզապէս մահն է մեզ սիրահարուել‚

Իսկ մենք ինքնակամ նրան չենք տրուել։

Ու երբ ճարահատ մեր հողն ենք թողել՝

Ուր էլ որ հասել‚ որտեղ էլ եղել‚

Ջանացել ենք մենք ամէնքի համար:

Շինել ենք կամուրջ‚

Կապել ենք կամար‚

Ամեն տեղ հերկել‚

Հասցըրել բերքեր‚

Ամենքին տուել միտք‚ առած‚ երգեր՝

Պաշտպանել նրանց հոգեւոր ցրտից‚-

Ամեն տեղ թողել մեր աչքից՝ ցոլանք‚

Մեր հոգուց՝ մասունք‚

Եւ նշխար՝ սրտից…


Մենք քիչ ենք‚ այո՛‚ բայց կոչւում ենք հայ,

Գիտենք դեռ չանցած վէրքերից տնքալ‚

Բայց նոր խնդութեամբ ցնծալ ու հրճուել:

Գիտենք թշնամու կողը մխրճուել

Ու բարեկամին դառնալ աջակից:

Դուրս գալ մեզ արուած բարութեան տակից՝

Մէկի փոխարեն տասն հատուցելով…

Յօգուտ արդարի եւ արեգակի

Գիտենք քուէարկել մեր կեանքով նաեւ…

Բայց թէ կամենան մեզ բռնի վառել,

Մենք գիտենք մխալ եւ կրակ մարել:

Իսկ եթէ պէտք է խաւարը ցրել՝

Գիտենք մոխրանալ որպէս վառ կերոն.

Եւ գիտենք նաեւ մեզ կրքոտ սիրել‚

Բայց ուրիշներին միշտ էլ յարգելով…


Մենք մեզ ոչ մէկից չենք գերադասում‚

Բայց մեզ էլ գիտենք –

Մեզ հայ են ասում։

Եւ ինչո՞ւ պիտի չհպարտանանք…

Կա՛նք։ Պիտի լինե՛նք։ Ու դեռ շատանա˜նք։


Traduzione

Siamo pochi, ma ci chiamano armeni.
Non ci consideriamo superiori a nessuno.
Semplicemente, anche noi dobbiamo accettare,
Che noi, soltanto noi, abbiamo l’ Ararat,
E che è qui, sulle alture del Sevan,
dove il cielo rispecchia la sua esatta copia.
Semplicemente, David, ha lottato qui.
Semplicemente, Narek, è stato scritto qui.
Semplicemente, sappiamo scolpire dalla roccia
conventi,
Dalla pietra realizzare pesci
e dalla terracotta uomini,
per l’ insegnamento e per perseguire
Il Bello,
Il Buono,
Il Nobile,
Il Sublime.
Siamo pochi, ma ci chiamano armeni.
Noi non ci consideriamo superiori a nessuno.
Semplicemente la nostra sorte è stata diversa,
Semplicemente, abbiamo dovuto versare molto
sangue:
Semplicemente, durante la nostra secolare
esistenza,
Quando eravamo forti
Ed eravamo in piedi,
Non abbiamo assoggettato alcun altro popolo,
Nessuno ha subito danni dal colpo della nostra
mano.
Se abbiamo fatto schiavi ,
È stato solo con i nostri libri,
Se abbiamo dominato,
È stato solo con il nostro talento...
E quando siamo stati costretti a lasciare la no-
stra terra,
laddove siamo giunti e ovunque siamo andati,
Ci siamo impegnati a favore di tutti,
Abbiamo costruito ponti,
Unito archi,
Ovunque a mietere,
fruttificare,
Abbiamo offerto a tutti idee, massime, canti:
Li abbiamo difesi dal gelo dell’anima-
Abbiamo lasciato dappertutto il riflesso dei
nostri sguardi,
Le reliquie delle nostre anime
E l’eucaristia dei nostri cuori.
Siamo pochi, è vero, ma ci chiamiamo armeni.
Sappiamo guarire dopo le ferite dolenti
E con nuovo entusiasmo gioire e far festa:
Sappiamo penetrare nel costato del nemico,
Ed dare sostegno a chi ci dichiara amicizia:
Sdebitarci del bene che ci hanno offerto,
Ripagando cento volte quel poco ricevuto...
Per i giusti e per il sole splendente,
sappiamo sacrificare perfino la nostra vita...
Ma se volessero bruciarci con violenza,
Sappiamo diventare fumo e spegnere il fuoco.
Se sarà necessario disperdere l’oscurità,
Sappiamo bruciare come candele accese.
E sappiamo anche amarci con passione,
Ma rispettando sempre anche gli altri.
Noi non ci consideriamo superiori a nessuno-
Ma conosciamo noi stessi,
siamo chiamati armeni!
E perché non dobbiamo esserne orgogliosi...
Ci siamo! Ci saremo! E ci moltiplicheremo!








We are few but we are called Armenians
We do not put ourselves above anyone
Simply we also admit that we, only we have Mount Ararat
And that it is right here on the clear Sevan
that the sky could make its exact duplicate
Simply David has indeed fought right here
Simply the Narek was written right here
Simply we know how to build from the rock, a monastery
How to make fish from stone, how to make man from clay
To learn to become the student of the beautiful,
the kind, the noble, and the good

We are few, but we are called Armenians
We do not put ourselves above anyone
Simply our fortune has just been so different
Simply we have just shed too much blood
Simply in our lives of centuries long
When we were many and when we were strong
Even then we did not oppress any nation
See, centuries have come and centuries have passed
Yet over no one have we become tyrants
If we have enslaved, only with our eyes
And if we have ruled, only with our books
If we have prevailed, only with our talents
And if we have ever oppressed,
it has only been with our wounds

Simply with us death had fallen in love
Yet we willingly did not give ourselves
And when we were forced to leave our own land
Where ever we reached, where ever we went
Everywhere we left indelible trace
We have joined efforts for everyone, always
We plowed everywhere, we built bridges, we tied arches
We plowed everywhere and we brought forth crops
We gave everyone mind, proverbs, and songs
Another words we defended them from spiritual coldness
Every where we left our eyes reflection
A peace of our soul and a sacrament from the heart itself

We are few, truly, but we are Armenians
And by being few we do not succumb
Because it is better to be few in life, then to control life by being many
Because it is better rather to be few, then to be masters by being many
Because it is better to be few, then to be swindlers
We are few, yes, but we are Armenians
And we know how to sigh from yet unhealed wounds
But with a new juice we rejoice and we cheer
We know how to thrust into the foe's side
And how to lend a helping hand to our friend
How to repay goodness which was done to us
by compensating for each one by ten
And the benefit of it just in the sun
We vote with our lives, not only with our hands
Yet if they desire to rule us with force
We know how to smoke and how to quench their fire
And if it is needed to disperse darkness
we can turn into ashes like burning candles
And we know as well how to make love with lust
And we do this always by respecting others
See we do not put ourselves above anyone,
but we know ourselves We are called Armenians
And why should we not feel pride about that
We are, We shall be, and become many.

29 agosto 2014

San Giovanni 2014


Caro Giovanni Battista,

il vizio in 2000 anni Erode non se l'è tolto. Le teste cadono imperterrite nei secoli dei lumi. Ormai non ci fa specie che dopo tanta civiltà i giovani jaidisti inglesi taglino toste. Quelli furono i primi a tagliare la testa ad un re in epoca moderna. Sono sempre più avanti degli altri e quindi non potevano essere che i primi a riprendere vecchie abitudini in epoca contemporanea. 
Oggi è quindi il tuo giorno caro San Giovanni Decolatto, nel senso di colui che ha pers'a capa. Noi ce lo ricordiamo appena. Anticamente i perditori fisici di testa li facevamo santi, li veneravamo come eroi. Delle loro teste facevamo trofei necrofori ad eterna memoria.
Il nostro più noto santo decollato fu il vescovo beneventano Ianuarius, che uscito vivo dalla fossa dei leoni di Pozzuoli fu tratto alla Solfara, anticamera dell'inferno, e privato della testa. Un santo senza testa che diventa, che assurge, nella tradizione popolare a piede senza scarpa, per strana metatesi.


(cantato) Da stammatina
tammorr'e trombe!...
e de cennere n'aria c'abbampa!...
(recitato) Da stammatina tammorr'e trombe
tromb'e tammorre
comm'a quanno pass''a Sulitaria
d''o viennarì santo!...
Da stammatina 'na scarpa vacante
purtata 'mprucessione
e 'ncopp''e castielle
ciente cannune
cu 'a vocc'aperta contr''o cielo
aspettanno 'nu signale
pe' fa' tremma' 'e paura o 'e gioia
tutt''e llastre d''e case!...
(cantato) E aspiette aspiette
oi core fino a ttanno!....
Si chesta varca nun è gghiut'a funno
nun è gghiut'a funno!...
(recitato) E' comme si 'sta jurnata
avesse fatt''o peccato
'e schiara' cu 'nu pere scavezo
ca tuttuquante nun vereno ll'ora 'e cummiglia'!
Pure 'o mare
stammatina sott''o sole
pareva 'na jastemma senza voce
e pure 'a voce d''e fecaiuole
nun tene 'o curaggio
d'appanna' chest'aria pesante
comm''a cennere dopp''o ffuoco!...
(cantato) Aiuto aiuto
lu munno s'è perduto!..
Li mmonache
se vonno 'mmaretare!..
(recitato) Avite 'ntis''e surdate?...
Sule lloro rireno
e cantano canzone furastiere
ca nuie nun cunuscimmo
e ca se sentono quanno s'è perza 'na guerra!...
E invece tutto chesto
pe' 'na scarpa perza
comme si se fosse perz''a rota d''o munno!
E 'o rre fa' 'na legge nova
cumannanno 'na prova
a onor'e gloria
d''a passiona ca l'ha muzzecato!...
E a gloria d''o rre
'stu paese s'è fermato
rint'a 'na connola busciarda
aspettanno sulo 'nu terramoto
'na lav''e fuoco
'na guerra
pe' pute' allucca' e chiagnere
verenn''o miraculo
'e 'nu santo senza capa
'e 'nu pere senza scarpa!
(cantato) Ammore ammore mio
fatt''o tavuto!..
e 'a rinto te ce miette fravecato!..
(recitato) Penzate a chella c'ha perzo 'sta scarpa!
'Na corz'all'alba cu 'e guardie appriesso
e 'o core 'nganna p''a paura!
(recitato) Paura 'e che?
E chi 'o ssape!
Puo' ssape' maie cher'è ca te fa' paura?
Vire stu sole!...
Pare ca te vo' bbene
ma 'e vvote nun pare ca te vulesse 'ncenneri'?
M''a chiamme paura!
E nun è bello pure vestirs''e stu calore
e addeventa' 'o calore stesso ca te spoglia
p'abballa' sott''a 'na trav''e fuoco?
Sapite che vve dico?
'Sta scarpa ca s'è perza stanotte è 'a fortuna nosta!
E' sempe 'na femmena ca l'ha perza
e si 'o rre ha scatenato l'inferno
vo' dicere ca senz''e essa nun po' sta'
E chi è essa?
Sempe 'na femmena!
Una 'e nuie ca se pò mettere sott''e piere 'o rre
e addeventa' 'a riggina 'e stu popolo!
(cantato) Oi sole sole
jesce a 'stu paese!...
Addo' chi te vo' bbene more acciso
bbene more acciso!...


I fondamentalisti di qualunque parte,  fanno schifo!!!
Quelli religiosi ancora di più sporcando la loro icona di Dio con sangue d'uomo, non riconoscendo nell'umanità il più compiuto effetto della creazione umana, quello in grado di intelligere il Sommo Bene e al contempo di distruggere se stesso e tutto il Creato. 

L'unica via a poterci davvero difendere spiritualmente è la Fede: 

O salutaris Hostia,
Quae cæli pandis ostium:
Bella premunt hostilia,
Da robur, fer auxilium.
Uni trinoque Domino
Sit sempiterna gloria,
Qui vitam sine termino
Nobis donet in patria.

12 agosto 2014

Nel nome del mio popolo armeno.... di Diana Egoyan


I confini dell'Armenia Storica

La mia nazione con la sua alta civiltà e cultura eterna...
La gente con gli occhi grandi e neri, pieni di bontà, amore e profondità, la nostro arte, la nostra musica, la nostra poesia, la natura, la lingua, l'alta spiritualità e la grande anima.... La nostra anima....
I figli del'Ararat diffusi nel mondo, sparpagliati, cambiati, e dimenticati...

La mia prima visita in Armenia è avvenuta a 24 anni dalla mia nascita...
Piena di diverse emozioni, che mi attendevano le mie radici, mi aspettava la mia terra, il mio cielo, la mia lingua, la nostra montagna...

é stata nutrimento per l'anima mia, 
cibo ed aqua per l'assettato, che cammina nel deserto....
La terra meravigliosa! Come una madre che aspetta i figli a casa e accoglie sempre, 
anche se non vieni o se te ne sei dimenticato... 
lei ti ama... ti ama... anche se non la ricambi..

Mi permetto alzare la voce e ancora e ancora, senza mai stancarmi 
a chiedere la giustizia io torno ancora rivolta al passato, 
perché senza il passato, senza la storia non esiste nessun futuro....
Noi... abbiamo il sangue dei nostri antenati, 
migranti, vittime, discriminati, stuprati, massacrati, eliminati, esiliati dalle loro terre, 
dalla loro patria...
Quella patria che continuiamo a cercare fino all'oggi, noi, in ogni cosa e dappertutto.... 

Chi paga per i danni? chi paga per ii bambini morti? chi paga per le ragazze stuprate,
chi paga per le nostre lacrime e piaghe? chi paga per la nostra vita rubata? 
Noi, oggi, loro futuro, con enormi speranze chiediamo giustizia, pace e rispetto...


Mi chiedono spesso perché siamo così forti e uniti.
Perché senza la pioggia non abbiamo l'arcobaleno, 
perché l'essere umano è fatto così, 
dopo la caduta si alza, e sta in piedi più forte, e continua a camminare...
Dalle sofferenze nasce la vita, la forza e la saggezza...
Le guerre distruggono...
catastrofe, fanatismo, 
le guerre distruggono, 
ma la cultura crea, arricchisce. 

Essa è eterna, la luce, 

che vince su buio, e continua vincere, ad esistere
finché non chiuderà gli occhi l'ultimo umano sulla terra materiale...



L'Attuale Repubblica d'Armenia e la Repubblica dell'Artsakh 

Manifattura Armena in Italia: 4 CUSCINI COPRI SEDIE MORBIDI CON VOULANT E LACCI


4 CUSCINI COPRI SEDIE MORBIDI 
CON VOULANT E LACCI 


cm 40 x 40 + VOULANT cm 3

100% PRODOTTO ITALIANO ALTA QUALITA' 
REALIZZATO DA MAESTRANZE ARMENE ALTAMENTE SPECIALIZZATE 
CON ANTICA TECNICA MANUALE


SFODERABILE E LAVABILE A MANO E 
IN LAVATRICE A 30° TESSUTO 
IN COTONE DI ALTA QUALITA' 
100% FABBRICATO IN ITALIA! 



COORDINABILE SU RICHIESTA CON COPRITAVOLA E TOVAGLIE  




MISURE: CUSCINO cm 40 x 40 + VOULANT cm 3 

MATERIALE ESTERNO: COTONE

INTERNO: 100% POLIESTERE

COLORE: COME IN FOTO E/O VARIE FANTASIE

Prezzo: 20, 00

SPEDIZIONE: CORRIERE ESPRESSO (CONSEGNA 24/48 ORE): 7, 00 EURO 

per la Provincia di Bari: anche Ritiro in Loco


Su richiesta si effettuano anche ordini personalizzati e su misura


11 agosto 2014

Rosa fresca aulentissima di Ciullo d'Alcamo o Cielo d'Alcamo

Il poeta e la dama in una antica miniatura medievale

«Rosa fresca aulentis[s]ima ch’apari inver’ la state,
le donne ti disiano, pulzell’ e maritate:
tràgemi d’este focora, se t’este a bolontate;
per te non ajo abento notte e dia,
penzando pur di voi, madonna mia».
«Se di meve trabàgliti, follia lo ti fa fare.
Lo mar potresti arompere, a venti asemenare,
l’abere d’esto secolo tut[t]o quanto asembrare:
avere me non pòteri a esto monno;
avanti li cavelli m’aritonno».
«Se li cavelli artón[n]iti, avanti foss’io morto,
ca’n is[s]i [sí] mi pèrdera lo solacc[i]o e ’l diporto.
Quando ci passo e véjoti, rosa fresca de l’orto,
bono conforto dónimi tut[t]ore:
poniamo che s’ajúnga il nostro amore».
«Che ’l nostro amore ajúngasi, non boglio m’atalenti:
se ci ti trova pàremo cogli altri miei parenti,
guarda non t’ar[i]golgano questi forti cor[r]enti.
Como ti seppe bona la venuta,
consiglio che ti guardi a la partuta».
«Se i tuoi parenti trova[n]mi, e che mi pozzon fare?
Una difensa mèt[t]onci di dumili’ agostari:
non mi toc[c]ara pàdreto per quanto avere ha ’n
[Bari.
Viva lo 'mperadore, graz[i'] a Deo!
Intendi, bella, quel che ti dico eo?»
«Tu me no lasci vivere né sera né maitino.
Donna mi so’ di pèrperi, d’auro massamotino.
Se tanto aver donàssemi quanto ha lo Saladino,
e per ajunta quant’ha lo soldano,
toc[c]are me non pòteri a la mano».
«Molte sono le femine c’hanno dura la testa,
e l’omo con parabole l’adímina e amonesta:
tanto intorno procazzala fin che•ll’ha in sua podesta.
Femina d’omo non si può tenere:
guàrdati, bella, pur de ripentere».
«K’eo ne [pur ri]pentésseme? davanti foss’io aucisa
ca nulla bona femina per me fosse ripresa!
[A]ersera passàstici, cor[r]enno a la distesa.
Aquístati riposa, canzonieri:
le tue parole a me non piac[c]ion gueri».
«Quante sono le schiantora che m’ha’ mise a lo core,
e solo purpenzànnome la dia quanno vo fore!
Femina d’esto secolo tanto non amai ancore
quant’amo teve, rosa invidïata:
ben credo che mi fosti distinata».
«Se distinata fósseti, caderia de l’altezze,
ché male messe fòrano in teve mie bellezze.
Se tut[t]o adiveníssemi, tagliàrami le trezze,
e consore m’arenno a una magione,
avanti che m’artoc[c]hi ’n la persone».
«Se tu consore arènneti, donna col viso cleri,
a lo mostero vènoci e rènnomi confleri:
per tanta prova vencerti fàralo volontieri.
Conteco stao la sera e lo maitino:
Besogn’è ch’io ti tenga al meo dimino».
«Boimè tapina misera, com’ao reo distinato!
Geso Cristo l’altissimo del tut[t]o m’è airato:
concepístimi a abàttare in omo blestiemato.
Cerca la terra ch’este gran[n]e assai,
chiú bella donna di me troverai».
«Cercat’ajo Calabr[ï]a, Toscana e Lombardia,
Puglia, Costantinopoli, Genoa, Pisa e Soria,
Lamagna e Babilonïa [e] tut[t]a Barberia:
donna non [ci] trovai tanto cortese,
per che sovrana di meve te prese».
«Poi tanto trabagliàsti[ti], fac[c]ioti meo pregheri
che tu vadi adomàn[n]imi a mia mare e a mon peri.
Se dare mi ti degnano, menami a lo mosteri,
e sposami davanti da la jente;
e poi farò le tuo comannamente».
«Di ciò che dici, vítama, neiente non ti bale,
ca de le tuo parabole fatto n’ho ponti e scale.
Penne penzasti met[t]ere, sonti cadute l’ale;
e dato t’ajo la bolta sot[t]ana.
Dunque, se po[t]i, tèniti villana».
«En paura non met[t]ermi di nullo manganiello:
istòmi ’n esta grorïa d’esto forte castiello;
prezzo le tuo parabole meno che d’un zitello.
Se tu no levi e va’tine di quaci,

se tu ci fosse morto, ben mi chiaci».

08 agosto 2014

Ձեր ահին մեռնեմ. Si è Genocidio. Yes, It's Genocide




Ձեր ահին մեռնեմ

Ձեր վախին մեռնեմ 

Ձեր կեանքին մեռնեմ 
Ձեր կեանքին մեռնեմ 
Ձեր ահին մեռնեմ 
Ձեր վախին մեռնեմ 
Ձեր կեանքին մեռնեմ 
Ձեր կեանքին մեռնեմ 
Ձեր ահին մեռնեմ 
Ձեր մահին մեռնեմ 
Ձեր վախին մեռնեմ 
Ձեր կեանքին մեռնեմ 
Ձեր ահին մեռնեմ 
Ձեր մահին մեռնեմ 
Ձեր վախին մեռնեմ 
Ձեր կեանքին մեռնեմ 
Ձեր ահին մեռնեմ 
Ձեր մահին մեռնեմ 
Ձեր կեանքին մեռնեմ 
Ձեր ահին մեռնեմ 
Ձեր վախին մեռնեմ 
Ձեր կեանքին մեռնեմ 



traslitterazione



Tzer aheen mernem. 
Tzer vakheen mernem. 
Tzer gyankeen mernem,
tzer gyankeen mernem. 


Tzer aheen mernem.

Tzer vakheen mernem. 
Tzer gyankeen mernem, 
tzer gyankeen mernem. 

Tzer aheen mernem.

Tzer maheen mernem.
Tzer vakheen mernem, 
tzer gyankeen mernem. 

Tzer aheen mernem. 

Tzer maheen mernem. 
Tzer vakheen mernem, 
Tzer gyankeen mernem. 

Tzer aheen mernem. 

Tzer maheen mernem. 
Tzer gyankeen mernem, 
Tzer aheen mernem.

Tzer vakheen mernem, 

Tzer gyankeen mernem.




02 agosto 2014

Il Silenzio di Pelesjan un Film di Pietro Marcello


Voglio dedicare il primo post del mese di Agosto ad uno straordinario documentario del regista Pietro Marcello che ha dedicato al regista Artavazd Ašotovič Pelešjan (in armeno: Արտավազդ Փելեշյան, in russo: Артавазд Ашотович Пелешян).






IL DOCUMENTARIO dal titolo IL SILENZIO DI Pelešjan merita di essere visto perché ben rappresenta l'uomo e il resta Pelesjan, il suo mondo di realismo sfuggente alle dinamiche di parte e in grado di conferire immense suggestioni. 

Pietro Marcello ha saputo emozionare e farsi emozionare da questo straordinario maestro, ne ha restituito i silenzi e gli afflati lirici, il volto e la maschera esaltando le maschere da lui stesso create ed esaltate. L'Armenia e la Russia che non ci sono più, vengono presentate in chiave oggettiva, e allo spettatore resta il compito di coglierne i frutti dell'odierna situazione esaltando in rapporto tra le due realtà i fattori di Decadenza, non perché la "decenza è bella", come recita Carmelo Bene nel film Claro di Glauber Rocha, ma perché la forma  degli uomini rende effimera la Storia in cui essi si sono formati e creati, e fa di essi giganti e immortali esempi per le future generazioni. 

Per esaltarvi vi affido al link del documentario tratto dal sito RAI, non so quanto tempo resterà attivo, ma vale certamente la pena guardarlo:

http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html#v=395975&vd=2014-07-28&vc=3

Per conoscere meglio Artavazd Pelešjan rimandiamo al suo sito in lingua italiana http://www.artavazdpelechian.it 

La Festa dell'Indipendenza dell'Armenia e del Vietnam sono state celebrate insieme ad Hanoi

Il giorno 14 settembre , un evento solenne è stato dedicato al 28° anniversario della proclamazione dell' Indipendenza della Repu...

Etichette