Passa ai contenuti principali

L'attualità in Gian Pietro Lucini

di Salvo Jethro Brifa 

opera del pittore Piero Fabris
Gian Pietro Lucini leggeva "veramente tutti i libri che gli inviavano o quelli che catturavano la sua attenzione" (Viazzi). Le sue considerazioni erano frutto di attenta analisi della follia di un'epoca che si stava accartocciando su se stessa (De Maria); le sue erano righe di critica onesta e non di compiacimento. 
Un uomo sincero che ha pagato i suoi articoli di critica con una sorta di emarginazione.
Era intollerante verso tutto ciò che è sovrastruttura, ipocrisia intellettuale, rito svuotato.
Non amava la monarchia, non amava la chiesa, era antiborghese.
Un polemista di alto rango, attento a ogni novità, alla quale si avvicinava senza alcun tipo di prevenzione, nell'idea che ogni nuovo volume potesse contenere il seme di novità e fosse soluzione per i bisogni del suo tempo. "Caposcuola dei simbolisti italiani” (definizione di Viazzi), un artista dai mille interessi sempre pronto ad una letteratura dialettica, sensibile alle istanze sociali, perciò annotava con cura, faceva considerazioni, ma sempre con cognizione di causa e non prima di aver rielaborato (cosa diversa da adattamento), semplificato, interpretato, riflettuto. Faceva sarcasmo dalle colonne dei giornali ai quali collaborava, su personaggi, esibizionisti prepotenti, senza etica né radici profonde nella cultura, i quali nulla potevano intendere del monte Parnaso, essendo più simili a pozzanghere sotto i raggi della luna, ovvero miraggi deludenti. Non è un caso che fosse “anti -dannunziano”! Un uomo scomodo specie agli occhi di certi “signori delle cerimonie”, (presenzialisti snob e cultori di facciata dell'arte), sempre pronti a elogiare chi è sotto i riflettori della notorietà. Per codesti “Signori”, un uomo come Gian Pietro Lucini era un “personaggio” dal quale è bene tenersi a distanza, ma con tatto diplomatico, perché uno come lui potrebbe trovarsi improvvisamente alla ribalta e il suo nome essere accanto a quello degli intellettuali molto richiesti nei salotti di grido, Chissà perché tutte le volte sembrava che la sua fama dovesse esplodere improvvisa in quanto artefice di un nuovo novecento poetico e invece rimaneva creditore di celebrità!
Il Lucini era “un ragazzaccio della cultura, uno scapigliato. difficile da domare, contestare, perché il suo patrimonio culturale era solido e le sue posizioni decise ed estreme erano espressione di studio profondo che si espandeva in ogni direzione: un vero anticonformista che preferiva tenersi lontano dagli olezzi di letteratura di bassa lega e fare dell'isolamento una occasione di proficua solitudine. E' stato uno dei maggiori innovatori della poesia italiana! 
Il Malibeo (Così come lo chiamavano) non fu mai asservito agli interessi di pochi. Alla notorietà preferiva l'onestà. 
All'oceano di folla preferiva un nido sulla cima irta e silenziosa, del monte dello scibile vicino al sacro stellato. Bisognò attendere la firma autorevole di Franco Fortini e che Edoardo Sanguineti lo rivalutasse, perché in molti lo prendessero in considerazione. Ebbe vera stima postuma!
Ogni scritto era per lui un' occasione di viaggio, possibilità di scalare con vivacità mentale, con la curiosità tipica dei fanciulli il pensiero di chi vergava, perché si entusiasmava di fronte a idee dal profumo universale, basato su pilastri originali capace di schiudersi a visioni lucide. Quante volte scivolava in “Canti amari” immerso in un'inquietudine indomabile difronte a pagine piene di orpelli usati per nascondere la miseria di certi esseri. Il Lucini era uno spirito irrequieto, anzi uno SPIRITO RIBELLE (che poi è il titolo della sua prima opera narrativa, ovvero un romanzo sociale, con intenzioni veriste). Un pensatore autentico! Una mente colta che ha bisogno di ordinare con distacco freddo e aristocratico sempre alla ricerca di un linguaggio di facile comprensione e di immediata evocazione. Sapiente conoscitore degli stati d'animo che richiama con esperienza iconica al sensorio (Sanguineti). Nella sua polemica, tipica di uno spirito nobile insofferente alla falsità si comprende la capacita dell'intellettuale di cogliere prima degli altri la necessità di forme nuove, espressione della nostalgia per sorgenti d'acqua di alta montagna che siano al contempo capaci di contenere il pensiero ossigenato, anima che risponda alle esigenze di una società in trasformazione. La sua era una ricerca di valore vitale e in tal senso il suo considerare era avanti per i suoi tempi. Facile intuire perché le sue idee erano un disturbo per la borghesia che preferì occultare il burbero intellettuale, farlo passare come un artigiano della cultura di secondo piano, un confusionario che aveva mancato di comprendere a pieno la lezione dei simbolisti francesi, ma lui, invece, compresa la struttura lirica, l'aveva liberata da certi contenuti, sintetizzando un SIMBOLISMO EUROPEO con concetti di puro, libero verso, che non disdegna di mescolare alla ricercatezza linguistica raffinata dell'eloquio alto con quello basso per arrivare a una trasmissione di idee con immediatezza. Qualcuno osò dire che la sua era una poetica rubata, un riadattamento dei SEMIRITMI di Luigi Capuana alla sua poetica del “Verso Libero” (titolo di un suo saggio, grazie al quale lasciava intendere come si dovesse poetare per schiudersi a liriche dal flato cosmico utilizzando quelle innovazioni formali come terminologia di simboli per rappresentare con intensità l'inconsueto del mondo.) Si entusiasmò per il Marinetti e, nelle prime ore del futurismo era forse tra i più felici plaudenti, immaginando che finalmente si fosse aperta una via letteraria scevra da ogni soffocamento strutturale; ci vide all'inizio il soffio di stagioni di freschezza che dessero scena alla purezza del sentire, ma non ci pensò troppo a prenderne le distanze dal movimento futurista, perché non intendeva cadere nella trappola della lusinga del rumore pirotecnico senza contenuti che, non dissolve la notte delle coscienze libere, ma le inganna, peggio le anestetizza, le ingabbia in labirinti di echi stonati... 
Eppur Filippo Tommaso Marinetti stimava il nostro, ne coglieva lo spessore, l'ironia amara, il sarcasmo affilato; fu lui a suggerirgli come titolo per una raccolta di poesie nate dalla delusione dei drammatici eventi del 1898: “Revolverate e nuove revolverate” e a scriverne l'introduzione.

Post popolari in questo blog

"Senza Titolo / Անվերնագիր" una traduzione inedita di Yeghishe Charents

Con orgoglio pubblichiamo una traduzione inedita del poema "Անվերնագիր" (Senza titolo) del grande poeta armeno Yeghishe Charents. Non ci risultano altre traduzioni edite di questo testo. Quella qui pubblicata è stata realizzata dal prof. Grigor Ghazaryan.

In questi giorni ricordiamo uno dei più grandi poeti armeni del XX secolo Yeghishe Charents, patriota e attivista politico, vittima del terrore staliniano, scomparso il 27 novembre 1937 durante le Grandi Purghe... Perseguitato dai fantasmi della morte fin dagli anni 1920’, Charents ha trattato il tema della fine della propria vita terrena in diverse poesie, spesso battezzate come visioni della morte.  Ma è soprattutto in questo poema (del 15.XII.1936), dedicato alla sua seconda moglie e amica Isabella Kodabashyan, che Charents inconsciamente produce la profezia della sua morte imminente. 
Qui sotto vi presentiamo la traduzione italiana del noto poema di Charents, curata dal Prof. Grigor Ghazaryan. Il traduttore ha voluto porger…

Una bestia sulla luna al Teatro Kismet Opera di Bari il 15 e 16 dicembre 2018

Il prossimo fine settimana (15 e 16 dicembre 2018) presso il Teatro Kismet Opera di Bari andrà in scena lo spettacolo teatrale UNA BESTIA SULLA LUNA. Il lavoro racconta una storia ambientata a Milwaukee, 1921. Il difficile rapporto tra Aram Tomasian scampato al Genocidio Armeno è l'unico sopravvissuto della sua famiglia e Seta, sua moglie sposata per procura. Il punto di vista è quello del loro figlio adottivo ormai 70 enne, che racconta in una sorta di "Tram chiamato desiderio" la vicenda di una ordinaria famiglia americana che si porta dietro tutti i dolori, i conflitti e le barbarie a cui i superstiti al Genocidio Armeno hanno dovuto assistere.

Ma l'opera non è un piagnisteo sull'esilio e sul tema dei rifugiati, ormai così scottante al giorno d'oggi. Oltre il dolore del passato, si apre la speranza di un futuro su cui rifondare e ricostruire la propria identità. La pièce teatrale è stata messa in scena in tutto il mondo ed è risultata vincitrice di cinque pre…

Delegazione italiana della Commissione OSCE in visita in Armenia

Il presidente dell'Assemblea nazionale (NA), Ara Babloyan, ha ricevuto mercoledì una delegazione, guidata dal vicepresidente Paola Taverna del Senato della Repubblica italiana. La delegazione è in Armenia nel quadro della missione degli osservatori dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE in occasione delle elezioni parlamentari previste domenica prossima nel paese.
Il presidente Babloyan ha sottolineato che l'Armenia elogia le attività delle missioni di osservazione nei preparativi e nelle elezioni, e che tale compito è indispensabile per lo sviluppo della democrazia.
Toccando le relazioni armeno-italiane, ha sottolineato come la Repubblica d'Armenia mantenga con l'Italia relazioni dinamicamente attive sulla base delle connessioni storiche tra i due popoli.
Babloyan ha registrato che la comunità armena italiana e i comuni valori storici, culturali, di civiltà e di democrazia uniscono i due paesi e rafforzano ulteriormente le loro relazioni. Il presidente dell'As…

Successo di pubblico e critica per l' "Omaggio a Charles Aznavour" a Bari

A Bari circa 200 persone si sono riunite ieri pomeriggio per ricordare il Cantante, Diplomatico ed Eroe Armeno Charles Aznavour
L'evento è stato organizzato dall'Alliance Française Bariha registrato il tutto esaurito nella sala conferenze dell'Archivio di Stato di Bari
L'evento è stato completamente gratuito, e non ha avuto il tono triste di una commemorazione luttuosa ma il sapore di un festa gioiosa, di un ricordo dolce e affettuoso. Purtroppo la stampa ne ha parlato poco o nulla ma questo non ha impedito che in migliaia di persone fossero a conoscenza di questa interessante circostanza.
La splendida padrona di casa, la direttrice  Antonella Pompilio ha aperto le porte, con grande disponibilità alla cittadinanza che finalmente inizia a scoprire le potenzialità di uno spazio così ricco ed accogliente, dotato oltre che grandi ambienti anche di una comoda sala con schermo di proiezione e impianto audio e video, come quello dell'Archivio di Stato. 


Dopo un'introd…

Trenta anni dal Terremoto di Spitak-Gyumri

Trenta anni fa esatti alle 11:41 il 7 dicembre 1988 un terribile terremoto ha ucciso in Armenia più 25.000 persone provocando fino a 130.000 feriti e oltre 514.000 sfollati. 
Tutto accadde in un lampo, come ha raccontato l'emozionante e realistico film «Երկրաշարժ» (Terremoto) del regista visionario Sarik Andreasyan nel 2016. In quest'opera il regista tratta, come in una sorta di "Ultimi giorni di Pompei" di Edward Bulwer-Lytton, le storie di vita quotidiana prima della grande catastrofe.

Molte di quelle case distrutte continuano a non esistere e la gente vive ancora nei container, come per il terremoto dell'Irpinia. L'Armenia il giorno dopo ripiombò in un incubo, un nuovo genocidio, un bombardamento a tappeto, a cui solo la fortuna, il caso o la provvidenza avevano sottratto i sopravvissuti. 
Dov'era la Provvida Sventura di manzoniana memoria? Da nessuna. Da qualche giorno i Russi se ne erano andati, in fretta nessuno poteva dare una mano, l'intera regio…

(Nikol jan) Դուխով - Con Coraggio

Alla Rivoluzione di Maggio non c'era solo Nikol Pashinyan, lui leader e centinaia di migliaia dietro di lui, non solo del suo passo! A mio figlio Nicola (col nome del leader) - italiano e armeno - ho da dare questo primo insegnamento, non lasciare, Nicola mio, che nessuno strumentalizzi il tuo cuore, le tue emozioni, i tuoi pensieri e le cose in cui credi.  Sii sempre uomo libero, non ci sono premi per la tua libertà, la tua libertà è solo tua.  Se forze oscure fermeranno tuo padre con le armi e con l'arroganza tu sii sempre più forte. Le tue idee prevarranno se prevarrà il tuo cuore.  A te Nicola mio, a te con coraggio tuo padre chiede di non disertare la lotta, il tuo cuore sia sempre rivoluzionario, la tua mente sia sempre aperta, la tua anima sempre pulita.  Non avere una sola Patria ma considera tutto il mondo la tua Patria, il luogo per cui lottare, vivere e al momento giusto dedicare tutto te stesso, con il coraggio che gli Italiani misero contro l'Austrougheria, che gli…

La Scuola di Bernini in una grande mostra a Jerevan

Una grande mostra sul barocco romano, tratta dal santuario deputato alla Sua conservazione è, solo in ordine di tempo, l'ultimo prestigioso evento culturale ideato dal saggio ambasciatore Italiano a Jerevan, S.E. il dott. Vincenzo Del Monaco.  L'ambasciatore Del Monaco non solo sa come promuovere il "sistema paese", come dovrebbero fare tutti i diplomatici e i portatori sani di cultura, ma si spinge nel difficile compito di provare a svecchiare i modelli culturali italiani recepiti all'estero. 
Ha iniziato a farlo subito dopo il suo insediamento con grande efficacia. 
Già a meno di due mesi dall'inizio del suo mandato era riuscito a portare a Jerevan il Sudestival, importante rassegna cinematografica del cinema italiano realizzata in Puglia dal prof. Michele Suma.
I risultati più eclatanti sembravano essere stati raggiunti durante l'estate 2018.Infatti, in occasione della visita di stato del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella a Jerevan, l&…

Appello al Governo Francese per la sua neutralità nel conflitto Armeno-Azero

Facciamo nostro il comunicato urgente del CDCA ANC France (Comitato di Difesa della Causa Armena di Francia)

Il governo francese autorizza la vendita di armi all'Azerbaigian.

La società MBDA è stata autorizzata dal governo francese a vendere all'Azerbaigian il suo sistema anti missile Aster 30 Samp/t e il suo sistema di difesa anti-aereo vl mica. 
L'Aster è un sistema di difesa mobile montato su un camion mentre il vl mica è fisso. Sono i concorrenti diretti del sistema americano del missile Patriot e mira ad impedire ogni movimento aereo sopra un territorio come per esempio l'Artsakh.
Una tappa importante è stata quindi superata nella vendita dei suoi missili all'Azerbaigian, anche se la negoziazione non è ancora stata conclusa, si stima il contratto tra 1 e 3 miliardi di euro.
Il Ministero della difesa azera si è compiaciuto di questa decisione perché conosce questo materiale che, dal 2016, è l'esercito turco in cui si formano i militari azeri. 
La società MBDA è u…

Essere Fratelli, Amare di Hrand Nazariantz

Tutto muore... Tutto passa... Essere Fratelli, Amare!

Essere Fratelli, dividere il Pane ed il Cuore,
il destino della Vita, il destino dell’Anima,
Essere Fratelli, dividere il sangue del cuore
il sangue dello spirito,
il profumo delle lagrime e l'incenzo delle preghiere,
il calice la sorgente viva, la grazia degli dei,
i sogni e le rose: Essere Fratelli, Amare...!
Essere Fratelli, dividere il fuoco e l'anfora colma
la sete di bontà, la sete di bellezza,
essere più accanto a Dio nel sacrificio,
essere Fratelli, nell'onore e nell'orgoglio di soffrire,
a mani giunte essere giusti e buoni
poter soffrire e sorridere ancora in un mondo di odio,
colui che sa sorridere aiuta colui che piange,
amando, com'è dolce l'essere al mondo:
Essere Fratelli, Amare! Tendere le mani profumate di pietà celeste,
ai Vinti, essere Fratelli dividere il tetto e il sonno,
essere l'asilo sicuro e accogliente dei feriti delle strade,
essere la buona soglia, essere il buon Sole, l'attesa sorriden…

Vartanian e Timurian scrivono ai Presidenti di Camera e Consiglio

Lettera aperta al Presidente della Camera On. Laura Boldrini e al Presidente del Consiglio dei Ministri On. Matteo Renzi in cui li si invita ad intervenire sulla questione del gruppo di cosiddetti “Giovani Turchi” per Rifare l’Italia 
Oggetto: Correnti del Partito Democratico

Rifare l'Italia (Giovani Turchi) http://it.wikipedia.org/wiki/Correnti_del_Partito_Democratico
-----------------------------------------------

L'Italia antifascista, anti nazista, anti segregazionista soprattutto contro le pulizie etniche che hanno caratterizzato il passato secolo a cominciare dal genocidio armeno del 1915 seguito dagli eventi come lo Shoa, la questione Kurda e quelle di alcuni paesi africani…..purtroppo un lungo elenco che ci fa riflettere per poter arginare il male del secolo passato per non ripetere contro altri essere umani una persecuzione per la razza o religione – Da tempo senza tregua si ripete la denominazione dei “Giovani Turchi". Ormai è un'identificazione di un gruppo di p…