Passa ai contenuti principali

Un volume per ricordare Luciano Landi editore scomodo e amico degli Armeni

di Carlo Coppola

Luciano Landi è stato un editore scomodo, fuori dai circuiti accademici ma con molti amici importanti e al centro di una cultura italiana spesso minoritaria, che per tante e complesse ragioni non ricevette tutta la luce che meritava. 


A farne riscoprire la complessa figura è la studiosa Helenia Piersigilli che abbiamo conosciuto personalmente due anni fa durante le peregrinazioni in Toscana, nel suo volume monografico dal titolo Luciano Landi un editore da riscoprire, pubblicato con il prezioso contributo editoriale dell'Accademia Valdarnese del Poggio.
Personalmente una delle ragioni per cui avevo scelto, due anni fa, la Toscana, quale regione di trasferta per l'insegnamento, era stata quella di poter meglio indagare le "strane" motivazioni che avevano portato il mio maestro Hrand Nazariantz a pubblicare il suo ultimo e poco noto volume Il ritorno dei Poeti proprio a Firenze.
Per caso mi contattò la dott.ssa Piersigilli cercando notizie sul nostro poeta, sembrava un incontro di destini di ricerca. Lei partiva dal Landi, io dal Nazariantz. Più ci confrontavamo, sui tanti argomenti ed aspetti delle due produzioni letterarie, più crescevano i dubbi, le controproposte, e si aprivano talvolta involontari fronti di indagine, come davanti un gioco di scatole cinesi. 
Così dopo un po' di silenzio qualche giorno fa, a sorpresa, mi giunge un pacco dalla Toscana - sono tornato a Bari ormai da sette mesi - lo apro e dalla copertina di un bel volume scorgo l'Ungaretti, strabico, che mi guarda seduto ad un Convivio, come a dirmi "Cosa ci fai ancora lì, vieni a manducar con noi!". Stanno seduti al banchetto del Premio Viareggio ma sembra stiano sull'aia al pranzo della domenica, con tanto di fiasco di vino a centro e figurette pasoliniane di contorno. Al lato della foto un ragazzo smilzo - o a me così pare - inforca un paio di occhiali, giacca e camicia bianca senza cravatta, a fianco una ragazza bruna, lo guarda ammirata. Il ragazzo non l'ho mai visto, e non avrei mai detto fosse l'editore Kursaal, uno di quelli operatori di Cultura a cui dobbiamo una straordinaria stagione della nostra storia letteraria recente. Ebbene no, è proprio lui Luciano Landi, me lo sarei immaginato un pezzo d'uomo tale da gareggiare in statura con il gigante Nazariantz. Lo guardo e mi sovviene un senso di gratitudine per lui, di quelli che si devono ai grandi, agli sfortunati ma monumentali, di cui ci fece esempio l'insuperato Poggio (Bracciolini), uno di quelli le cui gesta mi hanno  spinto e mi continuano a spronare alla ricerca d'ambito storico-letterario. 
Sfoglio il volume elegante e compìto, mi piace l'odore, il progetto grafico, la consistenza della carta e la dedica dell'autrice, tanto più preziosa perché posta in bigliettino racchiuso in bustina color cremisi, delicatissima, nelle prime pagine del volume - io stesso l'avrei più volgarmente spiattellata, spaparanzandola, lì sul colofone. 
Così sfoglio prima tutto il libro, poi leggo tutto d'un fiato. È la seconda sera delle mie nozze, mia moglie e il mio bambino dormono e io nello studio leggo e sfoglio. L'apparato critico è intelligente, snello, niente affatto lezioso, rigoroso ma non pedante. Sarebbe stato facile farne un esercizio accademico, con capriole e salti mortali e prose involute, ma tutto procede come un racconto che non annoia e, invece, appassiona. 
Poi giungo alla fotografia del mio Maestro e allora una lacrima di commozione.
Chiudo il volume e scrivo ad una figlia del prof. Tommaso Fiore - signora Teta, cara prozia di due miei amici - per segnalarle l'esistenza del testo e la pubblicazione dell'epistolario intercorso fra il padre e Luciano Landi. È ormai giorno e telefono alla dott.ssa Piersigilli per ringraziarla del dono indirizzato al Centro Studi Hrand Nazariantz e complimentarmi, commentando e confrontando le ultime novità delle comuni ricerche. 

Post popolari in questo blog

Il Ministro facente funzioni Zohrab Mnatsakanyan apre il 3° Forum Globale Contro il Crimine di Genocidio

Eccellenza, Presidente dell'Armenia, Signor Armen Sarkissian,

Sua Eminenza, arcivescovo Natan Hovhannisyan,

Eccellenze,

Signore e signori, cari amici,

Un caloroso benvenuto in Armenia,
Un caloroso benvenuto alla prima mattina dell'Armenia post-elettorale.

Benvenuti nel terzo forum globale. Benvenuti al Matenadaran, istituto e museo di manoscritti antichi,  monumento di conoscenza, idea, creazione e istruzione, retaggio del contributo secolare dell'Armenia alla civiltà mondiale e bastione contro il lato oscuro della natura umana, contro la discriminazione, l'odio e l'intolleranza.
Benvenuti in Armenia, anche, in un momento in cui la comunità internazionale commemora il 70° anniversario della Convenzione delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio. 72 anni fa, l'ONU adottò una risoluzione storica, la 96/1, che fu presentata a comune firma di India, Cuba e Panama, e che ratificò il termine "genocidio", e che aprì la strad…

Una bestia sulla luna al Teatro Kismet Opera di Bari il 15 e 16 dicembre 2018

Il prossimo fine settimana (15 e 16 dicembre 2018) presso il Teatro Kismet Opera di Bari andrà in scena lo spettacolo teatrale UNA BESTIA SULLA LUNA. Il lavoro racconta una storia ambientata a Milwaukee, 1921. Il difficile rapporto tra Aram Tomasian scampato al Genocidio Armeno è l'unico sopravvissuto della sua famiglia e Seta, sua moglie sposata per procura. Il punto di vista è quello del loro figlio adottivo ormai 70 enne, che racconta in una sorta di "Tram chiamato desiderio" la vicenda di una ordinaria famiglia americana che si porta dietro tutti i dolori, i conflitti e le barbarie a cui i superstiti al Genocidio Armeno hanno dovuto assistere.

Ma l'opera non è un piagnisteo sull'esilio e sul tema dei rifugiati, ormai così scottante al giorno d'oggi. Oltre il dolore del passato, si apre la speranza di un futuro su cui rifondare e ricostruire la propria identità. La pièce teatrale è stata messa in scena in tutto il mondo ed è risultata vincitrice di cinque pre…

Trenta anni dal Terremoto di Spitak-Gyumri

Trenta anni fa esatti alle 11:41 il 7 dicembre 1988 un terribile terremoto ha ucciso in Armenia più 25.000 persone provocando fino a 130.000 feriti e oltre 514.000 sfollati. 
Tutto accadde in un lampo, come ha raccontato l'emozionante e realistico film «Երկրաշարժ» (Terremoto) del regista visionario Sarik Andreasyan nel 2016. In quest'opera il regista tratta, come in una sorta di "Ultimi giorni di Pompei" di Edward Bulwer-Lytton, le storie di vita quotidiana prima della grande catastrofe.

Molte di quelle case distrutte continuano a non esistere e la gente vive ancora nei container, come per il terremoto dell'Irpinia. L'Armenia il giorno dopo ripiombò in un incubo, un nuovo genocidio, un bombardamento a tappeto, a cui solo la fortuna, il caso o la provvidenza avevano sottratto i sopravvissuti. 
Dov'era la Provvida Sventura di manzoniana memoria? Da nessuna. Da qualche giorno i Russi se ne erano andati, in fretta nessuno poteva dare una mano, l'intera regio…

(Nikol jan) Դուխով - Con Coraggio

Alla Rivoluzione di Maggio non c'era solo Nikol Pashinyan, lui leader e centinaia di migliaia dietro di lui, non solo del suo passo! A mio figlio Nicola (col nome del leader) - italiano e armeno - ho da dare questo primo insegnamento, non lasciare, Nicola mio, che nessuno strumentalizzi il tuo cuore, le tue emozioni, i tuoi pensieri e le cose in cui credi.  Sii sempre uomo libero, non ci sono premi per la tua libertà, la tua libertà è solo tua.  Se forze oscure fermeranno tuo padre con le armi e con l'arroganza tu sii sempre più forte. Le tue idee prevarranno se prevarrà il tuo cuore.  A te Nicola mio, a te con coraggio tuo padre chiede di non disertare la lotta, il tuo cuore sia sempre rivoluzionario, la tua mente sia sempre aperta, la tua anima sempre pulita.  Non avere una sola Patria ma considera tutto il mondo la tua Patria, il luogo per cui lottare, vivere e al momento giusto dedicare tutto te stesso, con il coraggio che gli Italiani misero contro l'Austrougheria, che gli…

Ձոն Սպարապետին - Dedicata allo Sparapet

Ձոն Սպարապետին
Դու, որ եկար մարտական, հույս, հավատի ոգով,
Դու, որ ելար հաղթական հայ բանակի երգով,
Կամքը քո՝ հայորդի` հաղթանակել, գործել, ապրել,
Խոսքը քո՝ հայորդի՝ մեր մայր հողին պաշտպան լինել:

Քո առջև, քո սուրբ անվան առջև Խոնարհվում ենք մենք,
Քեզ համար, փառք ու պատվիդ համար,
Քո զինվորներն ենք մենք։
Անսահման երազներիդ՝ զորեղ Տերը պահապան,

Սարը սուրբ, քեզ` մի վառվող կանթեղ, քո օրերի հավերժ վկան:
Քո աչքերում գարուններ, և քո սրտում կրակ,
Դու մի արծիվ երկնքում, խոսքդ` անվախ ու շիտակ,
Հայրենի՛ք, քեզ համար մեր սպարապետը հող դարձավ,
Հայրենի՛ք, քեզ համար մեր սպարապետն երկինք ելավ:

Քո առջև, քո սուրբ անվան առջև,
Խոնարհվում ենք մենք,
Քեզ համար, փառք ու պատվիդ համար,
Քո զինվորներն ենք մենք։
Անսահման երազներիդ՝ զորեղ Տերը պահապան,
Սարը սուրբ, քեզ` մի վառվող կանթեղ, քո օրերի հավերժ վկան:

Հայաստան` մեր ալեհեր հայրենիք, պարծության օրրան,
Մեզ համար, մեր գալիքի. համար
Հերոս որդիքդ երկինք ելան:

Allo Sparapet
Venivi dal combattimento, dalla speranza, dalla fede nello spirito, Tu, la canzone dell'esercito vittoriano vittorioso…

"Senza Titolo / Անվերնագիր" una traduzione inedita di Yeghishe Charents

Con orgoglio pubblichiamo una traduzione inedita del poema "Անվերնագիր" (Senza titolo) del grande poeta armeno Yeghishe Charents. Non ci risultano altre traduzioni edite di questo testo. Quella qui pubblicata è stata realizzata dal prof. Grigor Ghazaryan.

In questi giorni ricordiamo uno dei più grandi poeti armeni del XX secolo Yeghishe Charents, patriota e attivista politico, vittima del terrore staliniano, scomparso il 27 novembre 1937 durante le Grandi Purghe... Perseguitato dai fantasmi della morte fin dagli anni 1920’, Charents ha trattato il tema della fine della propria vita terrena in diverse poesie, spesso battezzate come visioni della morte.  Ma è soprattutto in questo poema (del 15.XII.1936), dedicato alla sua seconda moglie e amica Isabella Kodabashyan, che Charents inconsciamente produce la profezia della sua morte imminente. 
Qui sotto vi presentiamo la traduzione italiana del noto poema di Charents, curata dal Prof. Grigor Ghazaryan. Il traduttore ha voluto porger…

Essere Fratelli, Amare di Hrand Nazariantz

Tutto muore... Tutto passa... Essere Fratelli, Amare!

Essere Fratelli, dividere il Pane ed il Cuore,
il destino della Vita, il destino dell’Anima,
Essere Fratelli, dividere il sangue del cuore
il sangue dello spirito,
il profumo delle lagrime e l'incenzo delle preghiere,
il calice la sorgente viva, la grazia degli dei,
i sogni e le rose: Essere Fratelli, Amare...!
Essere Fratelli, dividere il fuoco e l'anfora colma
la sete di bontà, la sete di bellezza,
essere più accanto a Dio nel sacrificio,
essere Fratelli, nell'onore e nell'orgoglio di soffrire,
a mani giunte essere giusti e buoni
poter soffrire e sorridere ancora in un mondo di odio,
colui che sa sorridere aiuta colui che piange,
amando, com'è dolce l'essere al mondo:
Essere Fratelli, Amare! Tendere le mani profumate di pietà celeste,
ai Vinti, essere Fratelli dividere il tetto e il sonno,
essere l'asilo sicuro e accogliente dei feriti delle strade,
essere la buona soglia, essere il buon Sole, l'attesa sorriden…

Gravi accuse contro il Gen. Manvel Grigoryan: chiesto l'arresto!

Non possiamo esimerci dal comunicare la notizia che in questi ultimi giorni sta tenendo banco sulle prime pagine dei giornali e telegiornali d'Armenia. 

Due giorni fa è stato arrestato il Deputato del Partito Repubblicano generale Manvel Grigoryan, presidente della Yerkrapah Volunteers Union, con l'accusa di aver cospirato con altri per acquisire e possedere armi da fuoco e munizioni illegalmente. Il National Security Service (NSS) afferma di aver effettuato operazioni di ricerca congiunte nell'ambito di due diverse inchieste su reati penali nella giornata del 16 giugno nella città di Echmiadzin (Vagharshapat). L'NSS ha - inoltre - dichiarato di aver scoperto grandi quantitativi di armi e munizioni, nell'ambito della medesima operazione in cui è stato arrestato Arthur Asatryan, un uomo d'affari noto al livello internazionale come Don Pipo, incriminato con la pesante accusa di sequestro di persona e detenzione illegale di armi da fuoco. Le forze di sicurezza hanno…

Dario Rupen Timurian ospite del famoso canale radiofonico italiano Bari Canale 100

Ieri mattina,01 ottobre 2018Dario Rupen Timurian, imprenditore barese di origine armena e figlio del Decano della Comunità Armena di Bari Rupen Timurian, è stato ospite presso gli studi radiofonici della famosa emittente radiofonica barese Bari Canale 100. 
Dario Rupen Timurian ha parlato del suo popolo d'origine, del Genocidio Armeno, della storia armena di Bari nel Novecento ed ha anche illustrato, con grande competenza e affabilità, le prospettive per il futuro e le possibilità di partnership fra Italia e Armenia.
Nel corso dell'intervista il giovane imprenditore ha dimostrato ampia padronanza della materia trattata e suscitato in molti radioascoltatori la curiosità verso l'amata Terra di Haik, da lui visitata a metà degli anni Novanta, in occasione della festività estiva del Vartavar.
Durante la disquisizione radiofonica Timurian ha, inoltre, ricordato la figura del poeta Hrand Nazariantz,un innamorato, un appassionato del genere umano. Ha fatto menzione della triste vi…

La Scuola di Bernini in una grande mostra a Jerevan

Una grande mostra sul barocco romano, tratta dal santuario deputato alla Sua conservazione è, solo in ordine di tempo, l'ultimo prestigioso evento culturale ideato dal saggio ambasciatore Italiano a Jerevan, S.E. il dott. Vincenzo Del Monaco.  L'ambasciatore Del Monaco non solo sa come promuovere il "sistema paese", come dovrebbero fare tutti i diplomatici e i portatori sani di cultura, ma si spinge nel difficile compito di provare a svecchiare i modelli culturali italiani recepiti all'estero. 
Ha iniziato a farlo subito dopo il suo insediamento con grande efficacia. 
Già a meno di due mesi dall'inizio del suo mandato era riuscito a portare a Jerevan il Sudestival, importante rassegna cinematografica del cinema italiano realizzata in Puglia dal prof. Michele Suma.
I risultati più eclatanti sembravano essere stati raggiunti durante l'estate 2018.Infatti, in occasione della visita di stato del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella a Jerevan, l&…