sabato 31 maggio 2014

Peltechian, Guruzian e Eghinlian: Eroi tra Italia e Armenia


Nel volume Secondo dell'opera Medaglie d'Oro al Valor Militare d'Italia, abbiamo scovato una bella e triste vicenda di eroismo una delle tante che rendono i rapporti Italo-Armeni assai preziosi e duraturi per tutto il XX secolo.
Questa è la storia di tre ragazzi, il più grande aveva solo 32 anni, che pur non essendo Italiani di nascita lo furono più di tanti altri.
I tre ragazzi approdarono fortunosamente nel Dodeccanneso allora territorio italiano, portati da Lucia Zambul Peltechian, madre di Giovan Battista. Divennero cittadini italiani, furono arruolati e divennero paracadutisti. Furono inquadrati al Servizio Informazioni Militari per essere infiltrati in Medio Oriente. Ricercati dal nemico, traditi da un filo inglese, per evitare un bombardamento indiscriminato sulla popolazione, si consegnarono al comando anglo- francese di Aleppo indossando la divisa regolamentare del Regio Esercito. Non furono considerati prigionieri di guerra, torturati e seviziati non rinnegarono mai il giuramento fatto nei confronti della nuova Patria Italia. Furono fucilati il 26 settembre 1942 e seppelliti in fosse anonime nel cimitero di Aleppo.
Finita la guerra, mamma Lucia Peltechian acquistò un piccolo terreno a Velletri che coltivò per sopravvivere. Il suo pensiero era però ai suoi ragazzi e volendo riportarli in Italia iniziò delle difficili quanto infruttuose ricerche in Siria. Quando ormai aveva perduto la speranza ebbe in sogno la esatta indicazione di dove trovare il figlio da parte di un angelo. Recatasi sul posto trovò i resti di Giovan Battista identificati con certezza dalle monetine turche per gemelli che lei stesa le aveva donato. A fianco i resti di Riccardo e Clemente.
Furono traslati in Italia e venduta la terra, mamma Lucia costruì la tomba per i sui tre ragazzi che fu inaugurata solennemente nel 1962, e mantenuta fino ai giorni nostri dai familiari discendenti.

Si chiamavano Giovanni Battista Peltechian, Riccardo Guruzian e Clemente Eghinlian e furono insigniti della Medaglia d'Oro alla Memoria

GIOVANNI BATTISTA PELTECHIAN era nato a Burdur in Turchia nel 1914. Era sergente maggiore del Genio Artiglieri del Regio Esercito Italiano. 

Di famiglia armena rifugiatasi nell'Egeo per sfuggire alle persecuzioni turche, veniva chiamato alle armi 26 aprile 1936. Destinato al 12º reggimento genio artiglieri, veniva collocato in congedo il 24 agosto 1937 comma grado di caporale maggiore inidoneo al grado di sergente. Diplomatosi in ragioneria a Palermo, veniva assunto dal Ministero dell'Agricoltura e Foreste per la direzione dell'Egeo. Richiamato alla dichiarazione di guerra con il grado di sergente fu aggregato nel maggio 1941 alla seconda compagnia mortai d'assalto del nono reggimento fanteria "Regina" in Rodi. Passato all'ufficio informazioni del comando superiore delle FF.AA dell'Egeo e promosso sergente maggiore si offriva volontario nel 1942 primo importante missione informativa nel Medio Oriente. Conoscitore perfetto della lingua turca e araba, venne aviolanciato nella zona di Aleppo e raggiunto il quartiere armeno della città iniziava brillantemente la sua opera. Scoperto e catturato venne fucilato insieme ad altri due compagni il 26 settembre 1942 ad Aleppo.

Di origine armena, Cittadino Italiano d'elezione, sottufficiale animato da profondo amore per l'Italia, già distintosi in precedenti azioni, si offriva con vero si offriva con vero entusiasmo per essere aviolanciato in territorio nemico a capo di una rischiosa missione informativa. Dopo un periodo di proficua attività, tradita catturato, veniva sottoposto ad inumane torture e ad estenuanti interrogatori, mantenendo virilmente inalterata la sua fede per l'Italia, rendendo vano ogni tentativo di carpirgli notizie e respingendo sdegnosamente ogni offerta  per aver salva la vita. Condannato a morte unitamente ai suoi compagni di missione, dinanzi al plotone di esecuzione il suo pensiero rimaneva fermamente rivolto all'Italia, alla famiglia, e ai propri dipendenti. Al cappellano che lo assisté negli ultimi momenti ed immobili lettere dirette alla madre e ai superiori, confermava le sue magnifiche 12 di soldato, dichiarando che gli suoi compagni morivano contenti per il dovere compiuto e raccomandando alla madre di non rimpiangerlo. Fulgido esempio di virtù militari e di completa dedizione alla Patria. - Medio Oriente, luglio-settembre 1942.

RICCARDO GURUZIAN (il suo nome armeno era Dikran GURUZIAN) era nato ad Arpet in Armenia nel 1910. Sergente, Comando Superiore FF. AA. Egeo.

Famiglia armena, rifugiatasi a Rodi, per sfuggire alle persecuzioni turche ed assunta cittadinanza italiana prestò servizio militare nel 9° reggimento fanteria della Brigata "Regina" dal 1931 al 1933, raggiungendo il grado di sergente. Richiamato la dichiarazione della seconda guerra mondiale, fu assegnato l'Ufficio informazioni del comando superiore delle FF.AA dell'Egeo. Perfetto conoscitore della lingua turca e araba, partecipò volontariamente ad una pericolosa missione di informatori in Siria insieme ai compatrioti Peltechian, Eghinlian, anche essi medaglia d'oro alla memoria. Paracadutato nella zona dialetto e raggiunto il quartiere armeno della città, riuscì ad iniziare la sua segreta attività informativa. Scoperto e arrestato nel luglio 1942, dopo due mesi di torture venne fucilato insieme ai suoi compagni il 26 settembre in Aleppo.

Di origine armena, cittadino italiano di elezioni, profondamente devoto all'Italia, si offriva, con vero entusiasmo, per essere aviolanciato, in territorio nemico per rischiosa missione informativa.
Dopo periodo di proficua attività, tradita catturato, veniva sottoposto ad inumane torture e ad estenuanti interrogatori che sopportava virilmente, confermando inalterata la sua fede dell'Italia, rendendo vano ogni tentativo di cartellino notizie respingendo penosamente ogni offerta di passare al nemico per aver salva la vita. Condannato a morte, dinanzi al plotone di esecuzione il suo pensiero rimaneva rivolto all'Italia, alla famiglia ed ai suoi superiori, dichiarando di morire contento di aver compiuto interamente il suo dovere. Fulgido esempio di virtù militari. - Medio Oriente, luglio-settembre 1942.

CLEMENTE EGHINLIAN, era nato ad Ankara in (Turchia) il 18 maggio 1914. Autiere, 50° autoreparto dell'Egeo.

(B.U. Dispensa 24' del 13 giugno 1959)


Licenziato nel 1932 dalla Scuola di avviamento di Rodi, come meccanico elettricista esercitò il mestiere fino al 1935 allorché fu arruolato per il servizio di leva presso il 9° Reggimento Fanteria della Divisione "Regina". Dopo aver partecipato alla campagna etiopica, fu congedato nel settembre 1936. Richiamato con l'entrata in guerra dell'Italia, fu destinato al 50° autoreparto dell'Egeo come autista, Prestò successivamente servizio al 107° reparto distrettuale, al settore di Colato e al 9°  (reparto) fanteria quindi veniva scelto per la sua perfetta conoscenza delle lingue araba e turca per una arditissima missione informativa in territorio nemico. Scoperto e catturato dalla polizia degaullista unitamente ad altri suoi due compagni di missione nel luglio 1942, il 26 settembre dello stesso anno veniva fucilato nella città di Aleppo.

Di origine armena, cittadino italiano di elezione, profondamente devoto all'Italia si offriva con vero entusiasmo, per essere aviolanciato in territorio nemico per rischiosa missione informativa. opo un periodo di proficua attività, tradico e cattura, veniva sottoposto ad immane torture e ad estenunti interrogati che sopportava virilmente, confermando inalterata la sua fede per lìItalia, rendendo vano ogni tentativo di carpirgli notizie e respingendo sdegnosamente ogni offerta di passare al nemico per aver salva la vita, Condannato a morte, dinanzi al plotone d'esecuzione il suo pensiero rimaneva rivolto all'Italia, alla famiglia ed ai suoi superiori. In una nobile lettera indirizzata al fratello alla vigilia della morte, confermava le sue magnifiche doti di soldato, dichiarando che egli ed i suoi compagni avevano la coscienza tranquilla dinanzi a Dio e che morivano contenti di aver compiuto interamente il lodo dovere. Fulgido esempio di virtù militari. - Medio Oriente, luglio - settembre 1921.