Passa ai contenuti principali

Presentazione del Partito Socialdemocratico "Decisione del Cittadino": parla Arthur Avagyan


Fin dal mese di maggio 2018 abbiamo deciso di informare i nostri lettori dei cambiamenti che stanno avvenendo nella politica armena.
Come è noto il prossimo 9 dicembre 2018 ben 11 forze politiche si affronteranno nelle prime elezioni Parlamentari dopo la cosiddetta "Rivoluzione di Velluto". 
Per prepararci a questo storico evento, e comprendere, come osservatori internazionali i cambiamenti politici in atto, abbiamo deciso di intervistare i rappresentanti di tutti i partiti che risponderanno ad alcune delle nostre domande. 

Il primo a concederci un'intervista è un esponente e fondatore del del  Partito Social-democratico "Decisione del Cittadino" (
«Քաղաքացու որոշում» սոցիալ-դեմոկրատական կուսակցություն). 

Arthur Avagyan è un brillante politologo, con un curriculum di tutto rispetto, nonostante la giovane età. Si è formato presso l'Accademia Armena della Pubblica Amministrazione (ՀՀ պետական կառավարման ակադեմիա), ha lavorato per il Ministero della Difesa della Repubblica di Armenia, ha conseguito un Dottorato di Ricerca in Scienze Politiche presso l'International Scientific-Educational Center of NAS RA. Nel 2011 ha fondato la Innovate Technologies LLC di cui è anche direttore esecutivo, e da circa un anno è project manager della Well Do Inc, una start up che si occupa di servizi.

Arthur Avagyan, non è stanco di mettersi in gioco: marito e padre di 4 figli, continua ancora a studiare, ed è attualmente candidato all'Assemblea Nazionale Partito Social-democratico "Decisione del Cittadino".

1) Il Partito ha un mese di vita. Siete nuovi nella vita politica, qual è la vostra missione?

Il partito è stato istituito un mese fa, ma non siamo nuovi in ​​politica. Dal 2012, abbiamo partecipato a molte iniziative civiche  e abbiamo sempre lottato in strada per iniziative civiche (contro l'abbattimento di Parco Mashtots, contro Elettric Yerevan, contro l'aumento del costo dei mezzi di trasporto pubblico e così via). La lotta civica è una lotta politica e noi abbiamo rifiutato la politica formale a causa della sua assenza. Non c'erano elezioni, non c'era politica.

Prima della Rivoluzione è stata pubblicata una agenda rivoluzionaria di 5 punti dai membri del nostro partito, che è stato concordato con Nikol Pashinyan e diversi membri del Քաղաքացիական պայմանագիր, e poi abbiamo messo in pratica l'esperienza acquisita in anni di mobilitazione con la gente per la strada, abbiamo applicato i nostri strumenti per la lotta nonviolenta e decentrata, in una parola, abbiamo fatto tutto ciò che è accaduto durante la rivoluzione.

I nostri punti all'ordine del giorno furono annunciati più volte dalla piattaforma rivoluzionaria che costituiva il programma del governo provvisorio, ma ...

Ovviamente abbiamo disaccordi ideologici con i nostri amici del K’aghak’ats’iakan paymanagir, con i quali abbiamo lottato. Quindi abbiamo deciso di creare il partito di cui parlavamo e che immaginavamo nelle nostre discussioni. La nostra regola è di fatto molto diversa da quella con cui sono organizzati i partiti già esistenti, ovvero abbiamo introdotto meccanismi tali che ogni membro del partito possa prendere concretamente parte al processo decisionale. Le sessioni del nostro corpo esecutivo sono trasmesse in diretta e i cittadini hanno l'opportunità di seguire il processo di intervenire in ogni decisione, le decisioni non saranno mai prese a porte chiuse, ma si potrà sapere chiaramente interagire con avanza proposte. 



2) In che modo avete deciso di partecipare alle elezioni straordinarie dell'Assemblea Nazionale?

La decisione di partecipare è stata presa nel corso della riunione del comitato esecutivo del partito. Anche per chi non era presente di persona era possibile seguire l'intero dibattito in diretta attraverso la nostra pagina facebook (https://www.facebook.com/sdcdp/) e sui nostri socialnetwork. 

3) In Armenia, sin dalla Prima Repubblica del 1922 sono stati presenti Partito socialdemocratico, in che cosa si caratterizza la vostra proposta?

In realtà ci ispiriamo esclusivamente alle nostre idee. A seguito di conflitti civili, dibattiti e riflessioni, ci siamo resi conto che i valori che accomunano queste persone sono improntanti alla costruzione di una socialità democratica. Noi siamo i portatori dell'idea di democrazia diretta, ci rendiamo conto che in tutto il mondo vi è una richiesta di democrazia diretta che si evolve in parallelo con lo sviluppo della tecnologia e in contrasto con il fallimento delle democrazie rappresentative.

4) Pensi che l'Armenia di oggi sia un luogo di vera democrazia sociale e cosa intendi con questa definizione?

Il tasso di povertà ha raggiunto il 40%, e l'importanza della componente in "sociale" è ineludibile. Esaminando la Costituzione della Repubblica d'Armenia ci accorgeremo che vi sono forti richiami allo stato sociale, ma prendendo attentamente in considerazione le dichiarazioni e le decisioni di Nikol Pashinyan e dei membri del suo partito ci rendiamo conto che esse sono ispirati a principi liberali.

5) Ci sono modelli storici o esempi politici del passato, armeno o internazionale, a cui fate riferimento?

Abbiamo studiato a lungo esperienze internazionali (anche rivoluzionarie). Ma per tanti versi non siamo per nulla inclini a ripetere o a duplicare le esperienze di nessuno. Sia la rivoluzione che il modello di governo armeno sono sempre stati unici, specialmente nell'ambito delle socialdemocrazie.

6) Con quale struttura pensate di gestire il vostro partito, comitati elettorali, gruppi di interesse o altro?

Come ho già detto, il modello di gestione della nostra organizzazione non ha precedenti nella vita politica dell'Armenia. È davvero trasparente, il cittadino è davvero padrone delle vita politica e del processo decisionale.



7) Che tipo di elettorato sperate di persuadere con la vostra  proposta politica?

Il nostro elettore è un cittadino legalmente educato, che sa cosa vuol dire combattere per la giustizia sociale e di lottare per la sua realizzazione.

8) Ci indicherebbe un link che rappresenta o riassume le attuali posizioni del vostro partito?

Post popolari in questo blog

"Senza Titolo / Անվերնագիր" una traduzione inedita di Yeghishe Charents

Con orgoglio pubblichiamo una traduzione inedita del poema "Անվերնագիր" (Senza titolo) del grande poeta armeno Yeghishe Charents. Non ci risultano altre traduzioni edite di questo testo. Quella qui pubblicata è stata realizzata dal prof. Grigor Ghazaryan.

In questi giorni ricordiamo uno dei più grandi poeti armeni del XX secolo Yeghishe Charents, patriota e attivista politico, vittima del terrore staliniano, scomparso il 27 novembre 1937 durante le Grandi Purghe... Perseguitato dai fantasmi della morte fin dagli anni 1920’, Charents ha trattato il tema della fine della propria vita terrena in diverse poesie, spesso battezzate come visioni della morte.  Ma è soprattutto in questo poema (del 15.XII.1936), dedicato alla sua seconda moglie e amica Isabella Kodabashyan, che Charents inconsciamente produce la profezia della sua morte imminente. 
Qui sotto vi presentiamo la traduzione italiana del noto poema di Charents, curata dal Prof. Grigor Ghazaryan. Il traduttore ha voluto porger…

Una bestia sulla luna al Teatro Kismet Opera di Bari il 15 e 16 dicembre 2018

Il prossimo fine settimana (15 e 16 dicembre 2018) presso il Teatro Kismet Opera di Bari andrà in scena lo spettacolo teatrale UNA BESTIA SULLA LUNA. Il lavoro racconta una storia ambientata a Milwaukee, 1921. Il difficile rapporto tra Aram Tomasian scampato al Genocidio Armeno è l'unico sopravvissuto della sua famiglia e Seta, sua moglie sposata per procura. Il punto di vista è quello del loro figlio adottivo ormai 70 enne, che racconta in una sorta di "Tram chiamato desiderio" la vicenda di una ordinaria famiglia americana che si porta dietro tutti i dolori, i conflitti e le barbarie a cui i superstiti al Genocidio Armeno hanno dovuto assistere.

Ma l'opera non è un piagnisteo sull'esilio e sul tema dei rifugiati, ormai così scottante al giorno d'oggi. Oltre il dolore del passato, si apre la speranza di un futuro su cui rifondare e ricostruire la propria identità. La pièce teatrale è stata messa in scena in tutto il mondo ed è risultata vincitrice di cinque pre…

Delegazione italiana della Commissione OSCE in visita in Armenia

Il presidente dell'Assemblea nazionale (NA), Ara Babloyan, ha ricevuto mercoledì una delegazione, guidata dal vicepresidente Paola Taverna del Senato della Repubblica italiana. La delegazione è in Armenia nel quadro della missione degli osservatori dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE in occasione delle elezioni parlamentari previste domenica prossima nel paese.
Il presidente Babloyan ha sottolineato che l'Armenia elogia le attività delle missioni di osservazione nei preparativi e nelle elezioni, e che tale compito è indispensabile per lo sviluppo della democrazia.
Toccando le relazioni armeno-italiane, ha sottolineato come la Repubblica d'Armenia mantenga con l'Italia relazioni dinamicamente attive sulla base delle connessioni storiche tra i due popoli.
Babloyan ha registrato che la comunità armena italiana e i comuni valori storici, culturali, di civiltà e di democrazia uniscono i due paesi e rafforzano ulteriormente le loro relazioni. Il presidente dell'As…

Successo di pubblico e critica per l' "Omaggio a Charles Aznavour" a Bari

A Bari circa 200 persone si sono riunite ieri pomeriggio per ricordare il Cantante, Diplomatico ed Eroe Armeno Charles Aznavour
L'evento è stato organizzato dall'Alliance Française Bariha registrato il tutto esaurito nella sala conferenze dell'Archivio di Stato di Bari
L'evento è stato completamente gratuito, e non ha avuto il tono triste di una commemorazione luttuosa ma il sapore di un festa gioiosa, di un ricordo dolce e affettuoso. Purtroppo la stampa ne ha parlato poco o nulla ma questo non ha impedito che in migliaia di persone fossero a conoscenza di questa interessante circostanza.
La splendida padrona di casa, la direttrice  Antonella Pompilio ha aperto le porte, con grande disponibilità alla cittadinanza che finalmente inizia a scoprire le potenzialità di uno spazio così ricco ed accogliente, dotato oltre che grandi ambienti anche di una comoda sala con schermo di proiezione e impianto audio e video, come quello dell'Archivio di Stato. 


Dopo un'introd…

Trenta anni dal Terremoto di Spitak-Gyumri

Trenta anni fa esatti alle 11:41 il 7 dicembre 1988 un terribile terremoto ha ucciso in Armenia più 25.000 persone provocando fino a 130.000 feriti e oltre 514.000 sfollati. 
Tutto accadde in un lampo, come ha raccontato l'emozionante e realistico film «Երկրաշարժ» (Terremoto) del regista visionario Sarik Andreasyan nel 2016. In quest'opera il regista tratta, come in una sorta di "Ultimi giorni di Pompei" di Edward Bulwer-Lytton, le storie di vita quotidiana prima della grande catastrofe.

Molte di quelle case distrutte continuano a non esistere e la gente vive ancora nei container, come per il terremoto dell'Irpinia. L'Armenia il giorno dopo ripiombò in un incubo, un nuovo genocidio, un bombardamento a tappeto, a cui solo la fortuna, il caso o la provvidenza avevano sottratto i sopravvissuti. 
Dov'era la Provvida Sventura di manzoniana memoria? Da nessuna. Da qualche giorno i Russi se ne erano andati, in fretta nessuno poteva dare una mano, l'intera regio…

(Nikol jan) Դուխով - Con Coraggio

Alla Rivoluzione di Maggio non c'era solo Nikol Pashinyan, lui leader e centinaia di migliaia dietro di lui, non solo del suo passo! A mio figlio Nicola (col nome del leader) - italiano e armeno - ho da dare questo primo insegnamento, non lasciare, Nicola mio, che nessuno strumentalizzi il tuo cuore, le tue emozioni, i tuoi pensieri e le cose in cui credi.  Sii sempre uomo libero, non ci sono premi per la tua libertà, la tua libertà è solo tua.  Se forze oscure fermeranno tuo padre con le armi e con l'arroganza tu sii sempre più forte. Le tue idee prevarranno se prevarrà il tuo cuore.  A te Nicola mio, a te con coraggio tuo padre chiede di non disertare la lotta, il tuo cuore sia sempre rivoluzionario, la tua mente sia sempre aperta, la tua anima sempre pulita.  Non avere una sola Patria ma considera tutto il mondo la tua Patria, il luogo per cui lottare, vivere e al momento giusto dedicare tutto te stesso, con il coraggio che gli Italiani misero contro l'Austrougheria, che gli…

La Scuola di Bernini in una grande mostra a Jerevan

Una grande mostra sul barocco romano, tratta dal santuario deputato alla Sua conservazione è, solo in ordine di tempo, l'ultimo prestigioso evento culturale ideato dal saggio ambasciatore Italiano a Jerevan, S.E. il dott. Vincenzo Del Monaco.  L'ambasciatore Del Monaco non solo sa come promuovere il "sistema paese", come dovrebbero fare tutti i diplomatici e i portatori sani di cultura, ma si spinge nel difficile compito di provare a svecchiare i modelli culturali italiani recepiti all'estero. 
Ha iniziato a farlo subito dopo il suo insediamento con grande efficacia. 
Già a meno di due mesi dall'inizio del suo mandato era riuscito a portare a Jerevan il Sudestival, importante rassegna cinematografica del cinema italiano realizzata in Puglia dal prof. Michele Suma.
I risultati più eclatanti sembravano essere stati raggiunti durante l'estate 2018.Infatti, in occasione della visita di stato del Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella a Jerevan, l&…

Appello al Governo Francese per la sua neutralità nel conflitto Armeno-Azero

Facciamo nostro il comunicato urgente del CDCA ANC France (Comitato di Difesa della Causa Armena di Francia)

Il governo francese autorizza la vendita di armi all'Azerbaigian.

La società MBDA è stata autorizzata dal governo francese a vendere all'Azerbaigian il suo sistema anti missile Aster 30 Samp/t e il suo sistema di difesa anti-aereo vl mica. 
L'Aster è un sistema di difesa mobile montato su un camion mentre il vl mica è fisso. Sono i concorrenti diretti del sistema americano del missile Patriot e mira ad impedire ogni movimento aereo sopra un territorio come per esempio l'Artsakh.
Una tappa importante è stata quindi superata nella vendita dei suoi missili all'Azerbaigian, anche se la negoziazione non è ancora stata conclusa, si stima il contratto tra 1 e 3 miliardi di euro.
Il Ministero della difesa azera si è compiaciuto di questa decisione perché conosce questo materiale che, dal 2016, è l'esercito turco in cui si formano i militari azeri. 
La società MBDA è u…

Essere Fratelli, Amare di Hrand Nazariantz

Tutto muore... Tutto passa... Essere Fratelli, Amare!

Essere Fratelli, dividere il Pane ed il Cuore,
il destino della Vita, il destino dell’Anima,
Essere Fratelli, dividere il sangue del cuore
il sangue dello spirito,
il profumo delle lagrime e l'incenzo delle preghiere,
il calice la sorgente viva, la grazia degli dei,
i sogni e le rose: Essere Fratelli, Amare...!
Essere Fratelli, dividere il fuoco e l'anfora colma
la sete di bontà, la sete di bellezza,
essere più accanto a Dio nel sacrificio,
essere Fratelli, nell'onore e nell'orgoglio di soffrire,
a mani giunte essere giusti e buoni
poter soffrire e sorridere ancora in un mondo di odio,
colui che sa sorridere aiuta colui che piange,
amando, com'è dolce l'essere al mondo:
Essere Fratelli, Amare! Tendere le mani profumate di pietà celeste,
ai Vinti, essere Fratelli dividere il tetto e il sonno,
essere l'asilo sicuro e accogliente dei feriti delle strade,
essere la buona soglia, essere il buon Sole, l'attesa sorriden…

Vartanian e Timurian scrivono ai Presidenti di Camera e Consiglio

Lettera aperta al Presidente della Camera On. Laura Boldrini e al Presidente del Consiglio dei Ministri On. Matteo Renzi in cui li si invita ad intervenire sulla questione del gruppo di cosiddetti “Giovani Turchi” per Rifare l’Italia 
Oggetto: Correnti del Partito Democratico

Rifare l'Italia (Giovani Turchi) http://it.wikipedia.org/wiki/Correnti_del_Partito_Democratico
-----------------------------------------------

L'Italia antifascista, anti nazista, anti segregazionista soprattutto contro le pulizie etniche che hanno caratterizzato il passato secolo a cominciare dal genocidio armeno del 1915 seguito dagli eventi come lo Shoa, la questione Kurda e quelle di alcuni paesi africani…..purtroppo un lungo elenco che ci fa riflettere per poter arginare il male del secolo passato per non ripetere contro altri essere umani una persecuzione per la razza o religione – Da tempo senza tregua si ripete la denominazione dei “Giovani Turchi". Ormai è un'identificazione di un gruppo di p…