Passa ai contenuti principali

In memoria di Jamal Khashoggi giornalista

Jamal Khashoggi giornalista e martire
Un lavoro certosino e meticoloso realizzato da macellai, e chirurghi di precisione. 
Lo hanno smontato pezzo dopo pezzo, al contrario di un racconto di Italo Calvino, dove Giovannin Senzapaura ricostruiva il fantasma del palazzo ridandogli dignitosa esequie e quello per ricompensa gli donava una buona quantità d'oro e ricchezze. 
Quello che è accaduto al Jamal Khashoggi, editorialista del Washington Post, è purtroppo uno dei più inquietanti film horror realizzati dal vero nella nostra epoca. Nessuno protesta e nessuno si muove. Pochi anche i giornali che ne hanno dato notizia, qualcuno parlando addirittura di incidente o di  "presunto omicidio", come se qualcuno possa essersi fatto a pezzi da solo o per errore. Questo accade sui nostri prezzolati giornali italiani al servizio della politica internazionale e di qualunque consorteria reclami un qualsivoglia diritto, che si chiami Arabia Saudita, Cina, USA, Turchia.
Il giornalista Jamal Khashoggi aveva studiato in America, ma non faceva paura solo per essere un uomo laico, faceva paura soprattutto perché, come ha raccontato nel suo ultimo editoriale, stava per lanciare una piattaforma internet in cui i paesi cosiddetti Arabi, avrebbero potuto trovare le loro occasioni di confronto e scambio di informazioni. Khashoggi era uno che all'interno del mondo arabo si poneva l'utopico obbiettivo di creare dialogo. Tutto questo alle più grandi e autentiche dittature mondiali, Arabia Saudita in testa e non solo, dava molto fastidio. 
Era entrato nel Consolato dell'Arabia Saudita a Istanbul dove si trovava per lavoro nel primo pomeriggio del 2 ottobre e mai ritrovato. Temendo che potesse accadergli qualcosa di brutto si era dato appuntamento con la sua fidanzata fuori dal Consolato da cui non è più uscito, ma nel contempo aveva lasciato accesso il telefono tramite il quale la donna ha potuto sentire tutto, compresi accenni delle terribili torture che hanno portato l'uomo ad essere scorticato vivo, tagliato e asportato via lo scroto, la pelle della faccia distaccata dal volto, "smontati" gli arti come fosse una barbie o un manichino per vestiti. Tutti i pezzi, compresi gli organi interni sono stati fatti ritrovare in sacchi neri, come neppure un serial killer sadico delle fiction americane avrebbe saputo fare. Abbiamo visto le immagini ma non le mostriamo perché sono troppo dure e truculente, da non dormirci di notte. Non abbiamo dormito noi stanotte e vorremmo evitare che anche ad altri accada lo stesso.
La prima reazione saudita sarebbe la seguente: il console avrebbe chiesto asilo politico per paura di ritorsioni interne. 
Il Centro Studi Hrand Nazariantz e gli Armeni di Bari piangono la barbara uccisione dell'uomo Jamal Khashoggi,  condannando il truce gesto compiuto da mostri che superano in perversione qualunque istinto animale. Ricordano le migliaia di giornalisti attualmente detenuti in Turchia e in tutto il mondo. Noi appoggiamo la stampa libera. Nessuno Stato può e deve sentirsi al di sopra di ogni sospetto. Inoltre, ci viene da pensare che eccessi di questo tipo possano accadere solo allorché il corpo diplomatico di uno Stato non conosca la diplomazia e neppure possegga il minimo garbo nelle relazioni interpersonali.

Post popolari in questo blog

Lena Nazaryan, Alen Simonyan e Vahe Enfiajyan eletti vicepresidente del parlamento Armeno

Si è concluso questa mattina il voto sull'elezione dei Vicepresidenti del Parlamento Armeno . In base alle votazioni Alen Simonyan e Lena Nazaryan della coalizione "Il mio passo" del governo sono stati eletti Vicepresidenti del Parlamento.
Ricordiamo che Lena Nazaryan ha lo stesso nome della moglie del nostro poeta Hrand Nazariantz, anche se non risultano essere parenti. 124 deputati hanno votato a favore della candidatura di Lena Nazaryan, mentre tre hanno votato contro. 109 deputati hanno votato a favore della candidatura di Alen Simonyan, con 20 contrari. 130 su 132 parlamentari hanno partecipato al voto. Vahe Enfiajyan del partito di opposizione "Armenia Prospera" è stato eletto terzo vice presidente del parlamento. Secondo la Costituzione armena vigente il terzo vicepresidente deve essere un rappresentante delle opposizioni. Il partito "Armenia Luminosa" aveva proposto la candidatura di Mane Tandilyan, ex Ministro del Lavoro e degli Affari Sociali per la…

Aleksanyan e Aroyan soprano Armene in "Simon Boccanegra" al Petruzzelli

Le soprano Liana Aleksanyan e Natalie Aroyan interpreteranno il ruolo di Amelia nel "Simon Boccanegra" di Giuseppe Verdi che sarà in scena al Teatro Petruzzelli di Bari dal 27 gennaio al 06 febbraio 2019.  La Comunità Armena di Bari e della Puglia plaude alla notizia della presenza di due soprano di origine armene protagoniste nel Politeama barese.  L'incontro previsto tra la Comunità Armena di Bari e le due cantanti sarà un modo per ricordare la millenaria presenza armena sul territorio cittadino e regionale, confrontare esperienze diasporiche antiche e contemporanee, evidenziare due eccellenze artistiche provenienti dall'Hayastan che contribuiscono a portare alto il nome della Patria nel mondo.

"Il mio passo" difenderà una candidatura dei partiti d'opposizione per la vicepresidenza del Parlamento

La coalizione politica "Il mio Passo" cui partito di maggioranza è "Contratto Civile" ha raggiunto la decisione politica di sostenere il "Partito Armenia Prospera" alla carica di Vice Presidente dell'Assemblea Nazionale.  Lo avrebbe Lilit Makunts, capogruppo della coalizione all'Assemblea Nazionale della coalizione "Il mio Passo" ai giornalisti all'interno dell'Assemblea nazionale armena.
"Come risultato delle discussioni, la nostra alleanza ha deciso di difendere il candidato della seconda forza politica votata dagli elettori. Sarebbe bello se l'opposizione uscisse con un candidato comune per evitare disaccordi", ha detto Makunts.
Secondo la Costituzione, la posizione del 3° vicepresidente dell'Assemblea nazionale va in ogni caso garantita ai partiti di opposizione.

Nikol Pashinyan è nuovamente Primo Ministro effettivo dell'Armenia

Questa mattina il Presidente della Repubblica di Armenia Armen Sarkissian ha conferito al Primo Ministro uscente NIKOL PASHINYAN l'incarico di Primo Ministro e di scegliere la squadra di governo

Tale nomina è avvenuta in conformità con l'Articolo 149 comma 1 della Costituzione della Repubblica di Armenia.

Ararat Mirzoyan è il nuovo Presidente del Parlamento Armeno

Alle ore 14:53 del 14 gennaio 2019. Ararat Mirzoyan è salito sullo scanno più alto dell'Assemblea Nazionale Armena
È il Presidente della settima legislatura del Parlamento armeno.
Mirzoyan era stato designato questa mattina quale candidato unico alla presidenza del Parlamento Armeno dall'alleanza "My step" che detiene 88 seggi su 132 della medesima assemblea.
Al termine delle votazioni sono stati registrati 131 voti validi per Mirzoyan, uno dei voti è stato dichiarato non-valido.
Edmon Marukyan, il capo del partito "Armenia Luminosa", prima di annunciare che avrebbe votato per la candidatura di Mirzoyan ne ha riconosciuto i meriti umani e ha affermato che questa è un'apertura di credito in suo favore.

Storico incontro tra Armenia e Azerbaigian a Bruxelles

Il 16 gennaio, con la mediazione e la partecipazione dei Co-Presidenti del gruppo di Minsk dell'OSCE Igor Popov, Stéphane Visconti e Andrew Schofer, si è svolto un incontro tra il Ministro degli Esteri della Repubblica di Armenia Zohrab Mnatsakanyan,  e Elmar Mammadyarov, Ministro degli Esteri dell'Azerbaigian. Anche Andrzej Kasprzyk, il Rappresentante personale del Presidente in esercizio dell'OSCE, ha partecipato all'incontro.
Gli interlocutori hanno avuto uno scambio definito "utile e costruttivo, che mira anche a stabilire una maggiore comprensione reciproca e fiducia reciproca".
Durante l'incontro, durato poco più di quattro ore, gli interlocutori hanno toccato una vasta gamma di questioni relative al processo di pace, tra cui la preparazione di popolazioni per la pace, la sicurezza e lo sviluppo economico sostenibile.
Le nuove date per il prossimo incontro non sono ancora state confermate, tuttavia, i Ministri degli Esteri hanno convenuto di proseguire…

Nominati i Ministri del Governo Pashinyan Bis

Il Presidente della Repubblica di Armenia Armen Sarkissian ha firmato i decreti di nomina di 12 Ministri che comporranno il Governo Pashinyan Bis
L'emanazione di tali decreti è avvenuta conformità con l'Articolo 150 della Costituzione della Repubblica di Armenia.
Arayik Harutyunyan, Ministro dell'Istruzione e della Scienza  Suren Papikian, Ministro per l'Amministrazione e lo Sviluppo del Territorio. Davit Tonoyan, Ministro della Difesa. Zaruhi Batoyan, Ministro del lavoro e degli affari sociali. Artak Zeynalyan, Ministro della Giustizia. Arsen Torosyan, Ministro della Salute. Atom Janjugkazyan, Ministro delle finanze. Tigran Khachatryan, Ministro dello Sviluppo Economico e degli Investimenti Hakob Arshakyan,Ministro dei Trasporti, Comunicazione e tecnologie informatiche Felix Tsolakyan, Ministro delle Emergenze. Erik Grigoryan, Ministro della Protezione della natura. Zohrab Mnatsakanyan, Ministro degli Affari Esteri.


Novità assoluta di questo Governo è Zaruhi Botoyan, nominata Min…

"Amore" una poesia di Mannig Berberian

Non chiedermi perché ti amo.
Il modo in cui ti amo
è la via del giglio dei boschi
innamorato dell'usignolo.


So solo,
se non avessi le tue braccia
come universo che circonda il mio corpo gracile,
Dovrei morire come uno schiavo abbandonato ...

E so adesso,
Se le tue mani non mi sollevassero la testa anelante,
E i tuoi baci non fossero ghirlande
alla mia fronte dolorante, 
seccherei sicuramente
e morrei come una foglia soffiata dal vento ...

Tigran Avinyan e Mher Grigoryan nominati Vice Primi Ministri

In data odierna il Presidente della Repubblica di Armena Armen Sarkissian, su proposta del Primo Ministro, ha conferito l'incarico di Vice Primo Ministro ai Vice Primi Ministri uscentiTigran Avinyan e Mher Grigoryan.  Entrambe le nomine sono avvenute in conformità con l'articolo 150 della Costituzione della Repubblica di Armenia.

Discorso del Presidente Armen Sarkissian all'Assemblea Nazionale

Il 14 giugno 2019, la Prima Sessione della Settima legislatura dell'Assemblea Nazionale della Repubblica di Armenia ha iniziato i suoi lavori.
In occasione dell'apertura della Prima Sessione Sua Santità il Patriarca Supremo Catholicos di tutti gli Armeni, Garegin II, ha dato le Sue Benedizione.
Nella medesima occasione il Presidente della Repubblica d'Armenia Armen Sarkissian ha portato il suo saluto e ha trasmesso il seguente messaggio.

Santità, Egregio signor Presidente, Onorevoli membri dell'Assemblea nazionale,
Mi congratulo con voi per l'apertura della Prima sessione della Settima Legislatura dell'Assemblea Nazionale. Mi congratulo con tutte le forze politiche che sono rappresentate in Parlamento e tutti i suoi membri. Vi auguro il pieno successo e un lavoro efficiente. Esprimo anche gratitudine a tutti i membri dell'Assemblea Nazionale che si sono alternati nelle precedenti legislature per il lavoro condotto a partire dal primo giorno della nostra indipe…