Cerca nel blog

Il Centro Studi 'Hrand Nazariantz'

intende contribuire a:
1) diffondere la conscenza dell'opera di Hrand Nazariantz (Üsküdar 1880 ? - Bari 1962).
2) ampliare la conoscenza della cultura letteraria, artistica, musicale del Vicino Oriente Europeo e Asiatico.

info: centrostudihrandnazariantz@gmail.com

Translate

giovedì 12 aprile 2018

20 Aprile 2018 a Bari Il Genocidio Armeno 1915 nel pensiero degli intellettuali Arabi Siriani" a cura di Kegham J. Boloyan



Il giorno 20 aprile 2018 alle ore 18.00 Presso la Sala Massari del Comune di Bari sarà presentato per la prima volta in Italia il volume di Nora Arissian dal titolo Il Genocidio Armeno 1915 nel pensiero degli intellettuali Arabi Siriani. Il progetto nasce dall'impegno dell'autrice, attualmente membro del Consiglio del Popolo, Parlamento unicamerale della Siria, alla divulgazione della cultura armena in una veste inedita, spiegandone chiaramente le cause del Genocidio e corredando il volume con una dettagliata antologia di testimonianze che dimostrano la sensibilità degli intellettuali Arabi Siriani alla Questione Armena.
La pubblicazione italiana del volume è frutto di un'intuizione del prof. Kegham Jamil Boloyan, intellettuale armeno siriano da molti anni residente a Bari, docente di Arabo presso l'Università del Salento e fondatore del Centro Studi e Ricerche di Orientalistica. Boloyan e la la Arissian, si sono trovati a vivere una duplice e inscindibile identità, ad essere testimoni diretti o indiretti, di un nuovo Genocidio che si pone a 100 anni dopo da quello del 1915 oggi in straziante e atroce continuità col precedente. Lo scenario sembra mutato solo in apparenza. 
Così il prof. Boloyan nella sua prefazione all'edizione italiana "Ho pensato di raccontare al lettore italiano l'esperienza della vita vissuta tra gli armeni gli arabi in Siria nel corso del secolo dopo il genocidio del 1915 attraverso la traduzione di un libro dall'arabo all'italiano. Ho pensato al questo libro* della dott.ssa Nora Arissian che rimase molto entusiasta e contenta quando le proposi la mia idea." e aggiunge "Credo che noi Armeni, dobbiamo ricordare sempre, mai dimenticare, conservare la nostra memoria collettiva, e trasmetterla alle generazioni future. È una responsabilità, un diritto e un dovere di ogni armeno in ogni dove in ogni quando, di fare ciò per sensibilizzare l'opinione pubblica per ottenere il giudizio della comunità internazionale circa una questione di giustizia dimenticata."
L'assessore alla cultura del Comune di Bari Silvio Maselli darà il saluto istituzionale. Vito Antonio Loprieno della casa editrice Radici Future, con il decano della Comunità Armena di Bari Rupen Timurian, la poetessa Anna Santoliquido, il docente e l'attore Leonardo Lestingi, Cosma Cafueri del Centro Studi Hrand Nazariantz di Bari, presenteranno la preziosa pubblicazione insieme al curatore Kegham J. Boloyan. La mezzosoprano Tiziana Portoghese intonerà alcune arie della tradizione musicale armena. 
Questa manifestazione sarà una nuova occasione per ricordare il Genocidio Armeno a Bari. Altre presentazioni del volume sono, per ora, previste in giro per la Puglia a Lecce, San Vito dei Normanni, e Galatina.