mercoledì 6 aprile 2016

W l'Armenia: qui arde la lampada di San Gregorio L'Illuminatore

"A notte quando l'oppressore dorme, aprono le loro piccole finestre per vedere accesa sul monte Aragats la lampada dell'Illuminatore. 
 Essa è sospesa dall'alto senza catene e brucia luminosa come un Dio. Sono le lacrime del santo che ardono. 
La mano dell'uomo non può giungere a tale altezza, e il vento non può spegnere quella fiamma. Essa veglia dal cielo sull’Armenia."
 Umberto Zanotti Bianco 
***

“Mentre eravamo trascinati nella tempesta la lanterna di san Gregorio l’Illuminatore, ha brillato alta e inestinguibile nei cieli della nostra vita spirituale. La lanterna ci ha tenuti uniti e, con la sua limpida luce, ha custodito le speranze della nostra gente per un mondo pacifico e riconciliato, per le nostre vite unite e per un radioso avvenire.”
Karekin II 

***

L'Armenia non è la mia Patria naturale ma certamente la mia Patria Ideale. Non posso far altro che Pregare, per i Nostri soldati, per i comandanti delle nostre truppe. Noi Armeni rappresentiamo la Civiltà da migliaia di Anni, per questo dobbiamo divulgare la nostra arte, la nostra scienza, la nostra cultura che è cultura della vita, della pace, della solidarietà, dell'accoglienza, in una parola dell'Amore fraterno. 
Noi portiamo la luce, la Lampada Eterna che brucia senza olio, accesa dall'angelo davanti a Krikor Lusavoric in preghiera. 
Dio Protegga la nostra Patria e i nostri soldati al fronte che la difendono. 
Questa  sera prima di andare a letto pregherò con un canto:

Inno Nazionale Armeno



Mer Hayrenik, azat ankakh,
Vor aprel eh dareh dar
Yur vortikeh ard kanchoom eh
Azat, ankakh Hayastan.
Yur vortikeh ard kanchoom eh
Azat, ankakh Hayastan.
Aha yeghbair kez mi drosh,
Vor im dzerkov gortzetsi
Gishernereh yes koon chegha,
Artasoonkov lvatsi.
Gishernereh yes koon chegha,
Artasoonkov lvatsi.
Nayir nran yerek gooynov,
Nvirakan mer nshan,
Togh poghpoghi tshnamoo dem,
Togh misht pantza Hayastan.
Togh poghpoghi tshnamoo dem,
Togh misht pantza Hayastan.
Amenayn tegh maheh mi eh
Mard mee ankam pit merni,
Baytz yerani vor yur azgi
Azatootyan keh zohvi.
Baytz yerani vor yur azgi
Azatootyan keh zohvi.