venerdì 28 novembre 2014

AMARARMENIA di Diego Cimara per ARARAT edizioni

Amararmenia romanzo di Diego Cimara
Vede finalmente la luce per i tipi di ARARAT edizioni (di S. Denti) il volume AMARARMENIA un romanzo-diario sofferto di Diego Cimara giornalista del tg1 e autore di di 10 libri e di alcuniservizi per il programma TV7 di Zavoli tra la metà degli anni ’60 e gli anni '80 nell’Anatolia pulita etnicamente dal genocidio Turco. 
Reporter del Giornale Radio e Tg1 per 40 anni, autore di numerosi tv7 nel 1969, 72, 75 e 89 sul ritrovamento di centinaia di barranchi in Armenia occidentale (Anatolya-foibe aperte di montagna contenenti 20-22 mila cadaveri ognuna, poi, nell’90 cementate dai turchi), dove registra e riporta in Italia i filmati di campi di concentramento e di sperimentazione eugenetica; le centinaia di miglaia di morti per fame per la costruzione dell’utopica ferrovia Berlino-Bagdad, su regia tedesca, consenso russo e manovalanza curda; le centinaia di migliaia di morti nelle miniere chiuse dall’alto come immensi buchi neri dove per morire si impiegano giorni; è testimone delle colline di ossa di cadaveri, pazientemente numerati dai preti gregoriani di Mardin, Kars, Erzurum, di Van e dei paesi della valle di Lori dove si svolge la prima e più feroce pulizia etnica contro i cristiani, milioni le fedi di ferro ritrovate, oltre ad aver raccolto le testimonianze del vero numero di epurati, delle carceri e delle torture. 
Questi documenti in Rai sono scomparsi. Altre volte ha subito attacchi da parte del Mit, ed oggi, basta che riferisca alla radio nella trasmissione EUROPARMENIA (www.radiofreestation.com) o scriva una riga sugli Azeri, su Erdogan o la pulizia etnica e come è stata cinicamente attuata(dai documenti e testimonianze del nonno Kostja) gli bruciano immediatamente, oscurando, tutti i siti, gli hard disc e i cellulari per settimane. 
Locandina della trasmissione radiofonica Europarmenia ideata e 
condotta da Diego Cimara la domenica alle ore 14:00 su 

www.radiofreestation.com
Cimara ha impiegato '40 anni per trascrivere e tradurre in linguaggio corrente 11 mila pagine di indagini, testimonianze, articoli, conferenze, relazioni per l’Onu del nonno Kostan Zarian filosofo, poeta, e informatore, monumento Nazionale della facoltà di lettere a Erevan in un’Armenia post Sovietica che cerca di recuperare i grandi saggi che fanno parte del giardino dei giusti. AMARARMENIA è inchiesta, romanzo, libro di storia, saggio sul bene e sul male, riflessione filosofica, religiosa, diario intimo del nonno Kostja, filosofo-movimentista degli anni '20 nella Parigi di altri grandi informatori: Hemingway, Picasso, Chaplin, Toynbee, Cendras, Modigliani e tutta la rive gauche degli esuli polacchi-italiani-armeni-russi in Francia. 
Storia di un uomo e sua moglie Takuì,grande concertista a Costantinopoli, armena-ebrea,che dopo la fuga del marito dal carcere, (Kostan è leader dei giovani armeni che compiono attentati contro i giovani turchi e gli ottomani autori di feroci pulizie etniche)una fuga come il film “Fuga di mezzanotte” moltiplicata per tre, perché per tre volte riesce a scappare, con l’aiuto di partigiani armeni dalle carceri turche prima e tedesche, e dopo, assieme ad altri fuggiaschi nel 1915 dal lascia il Corno d’Oro con una nave di disperati, arriva in Italia dove Takuì partorisce la mamma di Diego Cimara: Nwarth, che nel 1943 sarebbe diventata nota col soprannome di “Ombra” durante la resistenza romana dopo aver salvato con uno stratagemma 112 tra ebrei ed antifascisti. Storia di combattenti e vittime. Di sangue ed onore. Di religione e crudeltà. L'orrore e la speranza di un popolo, visto attraverso gli occhi di un poeta: Zarian, collaboratore di Lemkin all’Onual quale porta 154.000 pagine di resoconti, analisi, criptografie, documenti registrati, foto rubati ai russi, ai tedeschi, ai siriani, agli ucraini, ai greci, agli ungheresi per inserire la codificazione di “genocidio”. 
Un documento unico, dal valore inestimabile se si considerano i pochi dati del Genocidio scampati all’intelligence Russo-tedesco-turka che nei decenni ha polverizzato tutto, come se nulla fosse accaduto, cementando i barranchi dove sono buttati migliaia di cadaveri e persone ancora vive, uccidendo coloro che hanno documenti originali di migliaia di testimoni, foto, registrazioni, articoli. Ancora più prezioso se si pensa al doloroso fardello portato nel cuore per un secolo dall’esigua rappresentanza di Armeni della terza generazione. La diaspora non potrà mai perdonare l’avidità di sangue dei turky, nel cuore di un deportato non c’è più posto nemmeno per l’odio. Ad accomunare questi anziani la voce di un poeta che lascia il diario di una vita al nipotino: un ricordo indelebile. Dice Kostja a Diego: “L’ artista di talento é destinato ad essere infelice: ogni volta che ha appetito e apre la sua cassaforte, vi trova dentro solo ricordi, sogni, ispirazioni.” 
11.000 fogli indelebili, lanciati in una bottiglia nel mare o nel vento dei capitoli di storia. Libro-documento inedito sulla pulizia etnica orchestrata dai tedeschi dietro le quinte degli interessi Turchi e russi nell’area dell’Armenia Occidentale dal 1895 al 1923: scritto come memoria privata come diario per i suoi figli. Zarian porta inedite prove e testimonianze sul genocidio degli Armeni e delle altre minoranze cristiane – in particolare greci e siriaci – a opera dei Turchi dal 1913 in poi. 
 E’ opera di uno dei più autorevoli specialisti del settore da 50 anni sul campo, tra carta stampata, radio e 40 anni di Tg1, che dimostra, attraverso un vasto numero di documenti ufficiali sia turky-ottomani, sia della Germania e dell'Austria imperiali, alleate politiche e militari della Turchia durante la Prima Guerra Mondiale, l'irrefutabile volontà genocidaria del governo della mezzaluna bianca. 40 anni di lavoro per ricavare da migliaia di documenti una storia che sappia più di romanzo che di documento, consente alla diaspora e al nostro Paese di avere una fonte informativa tra le più dettagliate ed esaustive sull'intera questione, collocando il Metz Yeghérn (Grande Male) in una analisi storica che parte dai conflitti d'interesse tra le Grandi Potenze, preludio della Prima Guerra Mondiale, fino a concludersi con un capitolo dedicato alla comparazione tra l’Olocausto Armeno e la Shoah. 
Takuì armeno-ebrea, musicista a Costantinopoli negli anni 1910 e moglie di Kostja, porta una prova ulteriore - nella testimonianza degli occidentali - di ciò che la Turchi ancora nega ufficialmente: che l’olocausto degli Armeni è una pagina di storia, tratta da documenti ufficiali che registra l'ulteriore agonia degli Armeni. Zarian include il destino degli Armeni del Caucaso, come i turchi cercano di diffondere il loro dominio pan-turco a est nel 1918 - dopo il massacro di 2 milioni di Armeni tre anni prima. 
Fuggendo in modo rocambolesco da Costantinopoli e girando mezzo mondo come informatore-giornalista e professore di filosofia, racconta al suo diario di una vita, la Parigi di Utrillo, Apollinaire, la strage dei Kulaki, le canzoni della Piaf e le epurazioni dei curdi e degli azeri.
Tra le altre cose il libro parla del figlio Hovan, della seconda moglie di Kostja l’americana Francis Brook, spia anche lei: Hovan è un fisico nucleare, ucciso sulla sua imbarcazione d’altura al largo delle Azzorre mentre porta cinque valige di documenti determinanti per l’individuazione dei lager turchi in Armenia occidentale a Nwarth, la madre di Cimara. 
C’è una grande preparazione, un’accurata documentazione a monte di questo lavoro: lo si evince dalla precisione dei riferimenti storici, ambientali e culturali, dalla efficace rielaborazione di alcune foto d’archivio, da come in così breve spazio i fatti sono stati concatenati, in un armonico equilibrio tra le vicende dei singoli e quelle dei popoli.
La feroce pulizia etnica è vista con gli occhi dei sopravvissuti: gente comune, travolta da eventi imprevisti e non concepibili. Due in particolare i protagonisti: un giovane filosofo Armeno, scampato ai massacri e poi diventato informatore in tutto i mondo, e sua moglie Armena-Ebrea e madre di tre figli, che lo porta in salvo con una fuga rocambolesca in Italia. Sono testi sconosciuti e inediti di Zarian ucciso dal’Mit (servizi segreti turchi) nel 1969 in via Abovian n.5 a Yerevan e dell’Nkvd, servizi segreti russi che da sempre hanno fatto di tutto per far scomparire la grande documentazione sull’olocausto di 2 milioni di cristiani, uno dei più brutali massacri del secolo breve che pure ne ha conosciuti parecchi. 
Un riconoscimento pubblico turko favorirebbe la purificazione della memoria. Diario stringato di un uomo che per 50 anni è al soldo di varie intelligence. “Un libro si stampa - dice Cimara - per non stare tutta la vita a correggerlo” Il romanzo è in prevendita. 

Per prenotare il libro rivolgersi a s.denti1@tin.it oppure ARARATEDIZIONI@GMAIL.COM sito WWW.POESIABLU.ALTERVISTA.ORG. 
Il libro-documento è stato realizzato grazie al contributo del Gomidas Institute, la Gariwo.net, la National Association for Armenian Studies, Near East Foundation, l’archivio della Sottocommissione per i diritti umani delle Nazioni Unite, la Armenian Assembly of America per la collaborazione e i documenti secretati dall’archivio del Congresso Usa e il patrocinio dell’ITV–Unione Internazionale Telecomunicazioni e Informazione Radio-Tv-Internet dell'ONU.