Passa ai contenuti principali

Famosa Lettera del Vescovo Der Abrahamian a Papa Benedetto XIV

Alla Santità di Nostro Signore 
Papa Benedetto XIV,
felicemente regnante
Roma, Vaticano 

Beatissimo Padre,

Mons. Sergio Der Abrahamian
Arcivescovo di Calcedonia degli Armeni
Mi faccio un dovere di umiliare alla Santità Vostra una relazione intorno agli armeni cattolici durante la guerra terribile e mondiale.
I valorosi soldati del nostro Impero Russo col prezzo del loro sangue hanno preso Erzerum, e tutta la provincia con essa, dalle mani del governo ottomano. Dopo ciò sono stati purtroppo ben verificati i lugubri racconti degli uomini massacrati, delle donne violate, delle signorine rapite, strascinate, condotte per forza, delle case saccheggiate e bruciate, di villaggi interi distrutti, ecc. Gli orrori commessi su quella terra infelice da musulmani fanatici ed assetati di sangue cristiano, da soldatesche indisciplinate e feroci, fanno drizzare sulla testa i capelli. Gli armeni cattolici pure sono stati in balia del barbarismo turco, che ha fatto ciò che ha voluto. Lagrimevol desolazione avvenne in Ardanuce, Satlel e Artvin, sotto la mia giurisdizione. Orribile massacro nei giorni 17-18-19 e 20 dicembre dell’anno 1914. Quando i nostri valorosi Cosacchi hanno ripreso Ardanuce, Satlel e Artvin nel principio di gennaio dell’anno 1915, allora si è verificato che i barbari musulmani hanno martirizzato con ogni specie di torture il parroco armeno cattolico di Ardanuce Don Emmanuel Giukhunian coi suoi 136 parrocchiani uomini, poiché non hanno voluto negare la fede cattolica. Egualmente è stato martirizzato coi suoi più di 200 parrocchiani cattolici armeni il parroco di Satlel Don Simeone Rostomian, con indicibili tormenti di petrolio; però non hanno potuto far negare la religione cattolica. Così anche a Artvin hanno ammazzato e strangolato 25 uomini; e se non fossero arrivati i nostri soldati russi e non avessero preso Artvin peggio sarebbe il loro stato.
Ora dopo la presa di Erzerum, di Musce, ecc., si sentono, si verificano cose terribili, e le vittime sono in numero spaventevole. Non vi è nessuno armeno cattolico, né vescovo, né prete, né popolo... Troppo in lungo andrei se volessi riferire quanto mi è venuto sott’occhio nei giornali e nelle lettere dei privati, e ciò che raccontano quei pochissimi testi oculari fugitivi. Dappertutto la stessa desolazione in Turchia, quei pochi che hanno potuto miracolosamente liberarsi dalle barbare saette ottomane e si sono ricoverati sotto la bandiera Russa nel Caucaso ed altrove, sono stati benevolmente accettati dal nostro governo russo e vivono felici e fortunati e soccorsi. Quei però che si trovano ancora sotto la tirannia musulmana e sono esiliati qua e là Dio sa dove, non si sa in quale misera condizione si trovino!
Accludo qui una lettera in lingua russa in cui poveri cattolici armeni di Khotorgiur dalla provincia di Erzerum, i quali uomini da molti anni vivono in Russia ed hanno i loro impieghi qui in Russia, però le loro famiglie si trovavano in Turchia a Khotorgiur, questi poveri col cuore in bocca mi domandano di procurare per quale modo che sia possibile una notizia certa. Io ieri ho scritto all’ambasciatore di Spagna di Pietrograd presso l’Imperiale Governo nostro, per [il] di cui mezzo forse si potrà avere qualche notizia. Si dice che gli armeni cattolici di Khotorgiur, col vicario generale Turscian e coi 24 preti armeni cattolici ed anche il vescovo Melkesedekian, si trovino ossia siano esiliati alla città di Akn (ovvero Akin); secondo altre notizie o a Sivaz (Sebaste) o a Mossul in Messopotamia; e non sappiamo se siano vivi o massacrati.
A Khotorgiur si trovano nove magnifiche chiese cattoliche armene, oltre le cappelle ed altri luoghi sacri. A Erzerum ci sono la chiesa cattedrale, la chiesa dei Cappuccini, l’Episcopio, le scuole, case, magazzini, ecc., ecc. appartenenti alla chiesa nostra armena cattolica.
Descrivendo tutto ciò, Beatissimo Padre, con cuore sanguineo, dopo aver protestato contro il governo turco barbaro e disumano, secondando il desiderio della popolazione armeno-cattolica di Khotorgiur, di Erzerum, ecc., ecc. Prostrati al bacio dei Santissimi Piedi, preghiamo soccorrerli colla protezione paterna, che i resti di codesta povera gente armeno-cattolica di Khotorgiur e di Erzerum, ecc. possino rimanere intatti, e dopo la pace ritornino alle braccia dei loro cari; e se hanno bisogno di mezzi materiali, comandarmi di soccorrerli di qua insegnando il mondo.
Inoltre, per maggior tranquillità di coscienza, mi prendo la libertà di domandare qualmente segue: siccome sono venuti e vengono dalla Turchia emigranti armeni cattolici, alcuni poi coi loro preti appartenenti alle diocesi armeno-cattoliche di Turchia e gli altri che si trovano nei propri paesi, i quali ora mai stanno sotto il nostro governo Russo, ed i nostri valorosi soldati giorno per giorno andando avanti vittoriosamente, vengono altri emigranti, ovvero si trovano nei loro paesi, però sotto il governo Russo, questi qui hanno domandato e domandano e potranno domandare in caso di necessità della dispense, ecc. Però la Santa Sede non mi ha data la giurisdizione che sopra i cattolici armeni di Russia; ora domando se posso «pro- tempore» accordare le necessarie dispense, finché ritornino i loro propri vescovi, ossia fino al ristabilimento della pace, finché il Vaticano voglia fare il necessario concordato secondo la legge col nostro Governo Imperiale Russo?
Se trovo grazia innanzi alla Santità Vostra di una risposta sarò molto riconoscente se volesse Vostra Santità comandarmi per mezzo della Segreteria di Stato o telegraficamente ovvero con una lettera per mezzo del nostro Signor Ministro Russo secondo la legge Imperiale, volume XI, art. 17.
Intanto prostrato al bacio dei Santissimi Piedi, con profondo ossequio e filiale venerazione ho l’onore di confermarmi di Vostra Santità.

Tiflis,
il 8/21 Marzo, 
1916
numero annuale N 289.

umilissimo devotissimo 
ed obbligatissimo figlio 
S. Der Abraamian
Amministratore Apostolico.

Post popolari in questo blog

Il Ministro facente funzioni Zohrab Mnatsakanyan apre il 3° Forum Globale Contro il Crimine di Genocidio

Eccellenza, Presidente dell'Armenia, Signor Armen Sarkissian,

Sua Eminenza, arcivescovo Natan Hovhannisyan,

Eccellenze,

Signore e signori, cari amici,

Un caloroso benvenuto in Armenia,
Un caloroso benvenuto alla prima mattina dell'Armenia post-elettorale.

Benvenuti nel terzo forum globale. Benvenuti al Matenadaran, istituto e museo di manoscritti antichi,  monumento di conoscenza, idea, creazione e istruzione, retaggio del contributo secolare dell'Armenia alla civiltà mondiale e bastione contro il lato oscuro della natura umana, contro la discriminazione, l'odio e l'intolleranza.
Benvenuti in Armenia, anche, in un momento in cui la comunità internazionale commemora il 70° anniversario della Convenzione delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio. 72 anni fa, l'ONU adottò una risoluzione storica, la 96/1, che fu presentata a comune firma di India, Cuba e Panama, e che ratificò il termine "genocidio", e che aprì la strad…

Trenta anni dal Terremoto di Spitak-Gyumri

Trenta anni fa esatti alle 11:41 il 7 dicembre 1988 un terribile terremoto ha ucciso in Armenia più 25.000 persone provocando fino a 130.000 feriti e oltre 514.000 sfollati. 
Tutto accadde in un lampo, come ha raccontato l'emozionante e realistico film «Երկրաշարժ» (Terremoto) del regista visionario Sarik Andreasyan nel 2016. In quest'opera il regista tratta, come in una sorta di "Ultimi giorni di Pompei" di Edward Bulwer-Lytton, le storie di vita quotidiana prima della grande catastrofe.

Molte di quelle case distrutte continuano a non esistere e la gente vive ancora nei container, come per il terremoto dell'Irpinia. L'Armenia il giorno dopo ripiombò in un incubo, un nuovo genocidio, un bombardamento a tappeto, a cui solo la fortuna, il caso o la provvidenza avevano sottratto i sopravvissuti. 
Dov'era la Provvida Sventura di manzoniana memoria? Da nessuna. Da qualche giorno i Russi se ne erano andati, in fretta nessuno poteva dare una mano, l'intera regio…

(Nikol jan) Դուխով - Con Coraggio

Alla Rivoluzione di Maggio non c'era solo Nikol Pashinyan, lui leader e centinaia di migliaia dietro di lui, non solo del suo passo! A mio figlio Nicola (col nome del leader) - italiano e armeno - ho da dare questo primo insegnamento, non lasciare, Nicola mio, che nessuno strumentalizzi il tuo cuore, le tue emozioni, i tuoi pensieri e le cose in cui credi.  Sii sempre uomo libero, non ci sono premi per la tua libertà, la tua libertà è solo tua.  Se forze oscure fermeranno tuo padre con le armi e con l'arroganza tu sii sempre più forte. Le tue idee prevarranno se prevarrà il tuo cuore.  A te Nicola mio, a te con coraggio tuo padre chiede di non disertare la lotta, il tuo cuore sia sempre rivoluzionario, la tua mente sia sempre aperta, la tua anima sempre pulita.  Non avere una sola Patria ma considera tutto il mondo la tua Patria, il luogo per cui lottare, vivere e al momento giusto dedicare tutto te stesso, con il coraggio che gli Italiani misero contro l'Austrougheria, che gli…

Una bestia sulla luna al Teatro Kismet Opera di Bari il 15 e 16 dicembre 2018

Il prossimo fine settimana (15 e 16 dicembre 2018) presso il Teatro Kismet Opera di Bari andrà in scena lo spettacolo teatrale UNA BESTIA SULLA LUNA. Il lavoro racconta una storia ambientata a Milwaukee, 1921. Il difficile rapporto tra Aram Tomasian scampato al Genocidio Armeno è l'unico sopravvissuto della sua famiglia e Seta, sua moglie sposata per procura. Il punto di vista è quello del loro figlio adottivo ormai 70 enne, che racconta in una sorta di "Tram chiamato desiderio" la vicenda di una ordinaria famiglia americana che si porta dietro tutti i dolori, i conflitti e le barbarie a cui i superstiti al Genocidio Armeno hanno dovuto assistere.

Ma l'opera non è un piagnisteo sull'esilio e sul tema dei rifugiati, ormai così scottante al giorno d'oggi. Oltre il dolore del passato, si apre la speranza di un futuro su cui rifondare e ricostruire la propria identità. La pièce teatrale è stata messa in scena in tutto il mondo ed è risultata vincitrice di cinque pre…

Ձոն Սպարապետին - Dedicata allo Sparapet

Ձոն Սպարապետին
Դու, որ եկար մարտական, հույս, հավատի ոգով,
Դու, որ ելար հաղթական հայ բանակի երգով,
Կամքը քո՝ հայորդի` հաղթանակել, գործել, ապրել,
Խոսքը քո՝ հայորդի՝ մեր մայր հողին պաշտպան լինել:

Քո առջև, քո սուրբ անվան առջև Խոնարհվում ենք մենք,
Քեզ համար, փառք ու պատվիդ համար,
Քո զինվորներն ենք մենք։
Անսահման երազներիդ՝ զորեղ Տերը պահապան,

Սարը սուրբ, քեզ` մի վառվող կանթեղ, քո օրերի հավերժ վկան:
Քո աչքերում գարուններ, և քո սրտում կրակ,
Դու մի արծիվ երկնքում, խոսքդ` անվախ ու շիտակ,
Հայրենի՛ք, քեզ համար մեր սպարապետը հող դարձավ,
Հայրենի՛ք, քեզ համար մեր սպարապետն երկինք ելավ:

Քո առջև, քո սուրբ անվան առջև,
Խոնարհվում ենք մենք,
Քեզ համար, փառք ու պատվիդ համար,
Քո զինվորներն ենք մենք։
Անսահման երազներիդ՝ զորեղ Տերը պահապան,
Սարը սուրբ, քեզ` մի վառվող կանթեղ, քո օրերի հավերժ վկան:

Հայաստան` մեր ալեհեր հայրենիք, պարծության օրրան,
Մեզ համար, մեր գալիքի. համար
Հերոս որդիքդ երկինք ելան:

Allo Sparapet
Venivi dal combattimento, dalla speranza, dalla fede nello spirito, Tu, la canzone dell'esercito vittoriano vittorioso…

Essere Fratelli, Amare di Hrand Nazariantz

Tutto muore... Tutto passa... Essere Fratelli, Amare!

Essere Fratelli, dividere il Pane ed il Cuore,
il destino della Vita, il destino dell’Anima,
Essere Fratelli, dividere il sangue del cuore
il sangue dello spirito,
il profumo delle lagrime e l'incenzo delle preghiere,
il calice la sorgente viva, la grazia degli dei,
i sogni e le rose: Essere Fratelli, Amare...!
Essere Fratelli, dividere il fuoco e l'anfora colma
la sete di bontà, la sete di bellezza,
essere più accanto a Dio nel sacrificio,
essere Fratelli, nell'onore e nell'orgoglio di soffrire,
a mani giunte essere giusti e buoni
poter soffrire e sorridere ancora in un mondo di odio,
colui che sa sorridere aiuta colui che piange,
amando, com'è dolce l'essere al mondo:
Essere Fratelli, Amare! Tendere le mani profumate di pietà celeste,
ai Vinti, essere Fratelli dividere il tetto e il sonno,
essere l'asilo sicuro e accogliente dei feriti delle strade,
essere la buona soglia, essere il buon Sole, l'attesa sorriden…

"Senza Titolo / Անվերնագիր" una traduzione inedita di Yeghishe Charents

Con orgoglio pubblichiamo una traduzione inedita del poema "Անվերնագիր" (Senza titolo) del grande poeta armeno Yeghishe Charents. Non ci risultano altre traduzioni edite di questo testo. Quella qui pubblicata è stata realizzata dal prof. Grigor Ghazaryan.

In questi giorni ricordiamo uno dei più grandi poeti armeni del XX secolo Yeghishe Charents, patriota e attivista politico, vittima del terrore staliniano, scomparso il 27 novembre 1937 durante le Grandi Purghe... Perseguitato dai fantasmi della morte fin dagli anni 1920’, Charents ha trattato il tema della fine della propria vita terrena in diverse poesie, spesso battezzate come visioni della morte.  Ma è soprattutto in questo poema (del 15.XII.1936), dedicato alla sua seconda moglie e amica Isabella Kodabashyan, che Charents inconsciamente produce la profezia della sua morte imminente. 
Qui sotto vi presentiamo la traduzione italiana del noto poema di Charents, curata dal Prof. Grigor Ghazaryan. Il traduttore ha voluto porger…

Appello al Governo Francese per la sua neutralità nel conflitto Armeno-Azero

Facciamo nostro il comunicato urgente del CDCA ANC France (Comitato di Difesa della Causa Armena di Francia)

Il governo francese autorizza la vendita di armi all'Azerbaigian.

La società MBDA è stata autorizzata dal governo francese a vendere all'Azerbaigian il suo sistema anti missile Aster 30 Samp/t e il suo sistema di difesa anti-aereo vl mica. 
L'Aster è un sistema di difesa mobile montato su un camion mentre il vl mica è fisso. Sono i concorrenti diretti del sistema americano del missile Patriot e mira ad impedire ogni movimento aereo sopra un territorio come per esempio l'Artsakh.
Una tappa importante è stata quindi superata nella vendita dei suoi missili all'Azerbaigian, anche se la negoziazione non è ancora stata conclusa, si stima il contratto tra 1 e 3 miliardi di euro.
Il Ministero della difesa azera si è compiaciuto di questa decisione perché conosce questo materiale che, dal 2016, è l'esercito turco in cui si formano i militari azeri. 
La società MBDA è u…

Gravi accuse contro il Gen. Manvel Grigoryan: chiesto l'arresto!

Non possiamo esimerci dal comunicare la notizia che in questi ultimi giorni sta tenendo banco sulle prime pagine dei giornali e telegiornali d'Armenia. 

Due giorni fa è stato arrestato il Deputato del Partito Repubblicano generale Manvel Grigoryan, presidente della Yerkrapah Volunteers Union, con l'accusa di aver cospirato con altri per acquisire e possedere armi da fuoco e munizioni illegalmente. Il National Security Service (NSS) afferma di aver effettuato operazioni di ricerca congiunte nell'ambito di due diverse inchieste su reati penali nella giornata del 16 giugno nella città di Echmiadzin (Vagharshapat). L'NSS ha - inoltre - dichiarato di aver scoperto grandi quantitativi di armi e munizioni, nell'ambito della medesima operazione in cui è stato arrestato Arthur Asatryan, un uomo d'affari noto al livello internazionale come Don Pipo, incriminato con la pesante accusa di sequestro di persona e detenzione illegale di armi da fuoco. Le forze di sicurezza hanno…

Nor Surhandak Sesta Puntata

E' andata in onda questa la sesta puntata di Nor Surhandak bollettino di informazione italo-armena in lingua italiana a cura del Centro Studi Hrand Nazariantz.  Nella prima parte della trasmissione andata in onda questa mattina sono stati ospiti Andrea Carapetiani, imprenditore di origine armena che da anni abita in Italia, Bernardo Natale,  Presidente del Centro di Documentazione San Biagio Vescovo e Martire d'Armenia. Sopraggiunta la telefonata di Rupen Timurian, Decano della Comunità Armen di Bari.  Nella seconda parte abbiamo approfondito il tema del terremoto di Spitak-Gymry, del 3° Forum sul tema della Prevenzione dei Genocidi, lo spettacolo teatrale La Bestia sulla Luna al Teatro Kismet di Bari.