è un'Associazione Culturale. Ha lo scopo di diffondere e ampliare la Conoscenza dell'opera di Hrand Nazariantz e della cultura letteraria, artistica, musicale del Vicino Oriente Europeo e Asiatico.

17 settembre 2013

Famosa Lettera del Vescovo Der Abrahamian a Papa Benedetto XIV

Alla Santità di Nostro Signore 
Papa Benedetto XIV,
felicemente regnante
Roma, Vaticano 

Beatissimo Padre,

Mons. Sergio Der Abrahamian
Arcivescovo di Calcedonia degli Armeni
Mi faccio un dovere di umiliare alla Santità Vostra una relazione intorno agli armeni cattolici durante la guerra terribile e mondiale.
I valorosi soldati del nostro Impero Russo col prezzo del loro sangue hanno preso Erzerum, e tutta la provincia con essa, dalle mani del governo ottomano. Dopo ciò sono stati purtroppo ben verificati i lugubri racconti degli uomini massacrati, delle donne violate, delle signorine rapite, strascinate, condotte per forza, delle case saccheggiate e bruciate, di villaggi interi distrutti, ecc. Gli orrori commessi su quella terra infelice da musulmani fanatici ed assetati di sangue cristiano, da soldatesche indisciplinate e feroci, fanno drizzare sulla testa i capelli. Gli armeni cattolici pure sono stati in balia del barbarismo turco, che ha fatto ciò che ha voluto. Lagrimevol desolazione avvenne in Ardanuce, Satlel e Artvin, sotto la mia giurisdizione. Orribile massacro nei giorni 17-18-19 e 20 dicembre dell’anno 1914. Quando i nostri valorosi Cosacchi hanno ripreso Ardanuce, Satlel e Artvin nel principio di gennaio dell’anno 1915, allora si è verificato che i barbari musulmani hanno martirizzato con ogni specie di torture il parroco armeno cattolico di Ardanuce Don Emmanuel Giukhunian coi suoi 136 parrocchiani uomini, poiché non hanno voluto negare la fede cattolica. Egualmente è stato martirizzato coi suoi più di 200 parrocchiani cattolici armeni il parroco di Satlel Don Simeone Rostomian, con indicibili tormenti di petrolio; però non hanno potuto far negare la religione cattolica. Così anche a Artvin hanno ammazzato e strangolato 25 uomini; e se non fossero arrivati i nostri soldati russi e non avessero preso Artvin peggio sarebbe il loro stato.
Ora dopo la presa di Erzerum, di Musce, ecc., si sentono, si verificano cose terribili, e le vittime sono in numero spaventevole. Non vi è nessuno armeno cattolico, né vescovo, né prete, né popolo... Troppo in lungo andrei se volessi riferire quanto mi è venuto sott’occhio nei giornali e nelle lettere dei privati, e ciò che raccontano quei pochissimi testi oculari fugitivi. Dappertutto la stessa desolazione in Turchia, quei pochi che hanno potuto miracolosamente liberarsi dalle barbare saette ottomane e si sono ricoverati sotto la bandiera Russa nel Caucaso ed altrove, sono stati benevolmente accettati dal nostro governo russo e vivono felici e fortunati e soccorsi. Quei però che si trovano ancora sotto la tirannia musulmana e sono esiliati qua e là Dio sa dove, non si sa in quale misera condizione si trovino!
Accludo qui una lettera in lingua russa in cui poveri cattolici armeni di Khotorgiur dalla provincia di Erzerum, i quali uomini da molti anni vivono in Russia ed hanno i loro impieghi qui in Russia, però le loro famiglie si trovavano in Turchia a Khotorgiur, questi poveri col cuore in bocca mi domandano di procurare per quale modo che sia possibile una notizia certa. Io ieri ho scritto all’ambasciatore di Spagna di Pietrograd presso l’Imperiale Governo nostro, per [il] di cui mezzo forse si potrà avere qualche notizia. Si dice che gli armeni cattolici di Khotorgiur, col vicario generale Turscian e coi 24 preti armeni cattolici ed anche il vescovo Melkesedekian, si trovino ossia siano esiliati alla città di Akn (ovvero Akin); secondo altre notizie o a Sivaz (Sebaste) o a Mossul in Messopotamia; e non sappiamo se siano vivi o massacrati.
A Khotorgiur si trovano nove magnifiche chiese cattoliche armene, oltre le cappelle ed altri luoghi sacri. A Erzerum ci sono la chiesa cattedrale, la chiesa dei Cappuccini, l’Episcopio, le scuole, case, magazzini, ecc., ecc. appartenenti alla chiesa nostra armena cattolica.
Descrivendo tutto ciò, Beatissimo Padre, con cuore sanguineo, dopo aver protestato contro il governo turco barbaro e disumano, secondando il desiderio della popolazione armeno-cattolica di Khotorgiur, di Erzerum, ecc., ecc. Prostrati al bacio dei Santissimi Piedi, preghiamo soccorrerli colla protezione paterna, che i resti di codesta povera gente armeno-cattolica di Khotorgiur e di Erzerum, ecc. possino rimanere intatti, e dopo la pace ritornino alle braccia dei loro cari; e se hanno bisogno di mezzi materiali, comandarmi di soccorrerli di qua insegnando il mondo.
Inoltre, per maggior tranquillità di coscienza, mi prendo la libertà di domandare qualmente segue: siccome sono venuti e vengono dalla Turchia emigranti armeni cattolici, alcuni poi coi loro preti appartenenti alle diocesi armeno-cattoliche di Turchia e gli altri che si trovano nei propri paesi, i quali ora mai stanno sotto il nostro governo Russo, ed i nostri valorosi soldati giorno per giorno andando avanti vittoriosamente, vengono altri emigranti, ovvero si trovano nei loro paesi, però sotto il governo Russo, questi qui hanno domandato e domandano e potranno domandare in caso di necessità della dispense, ecc. Però la Santa Sede non mi ha data la giurisdizione che sopra i cattolici armeni di Russia; ora domando se posso «pro- tempore» accordare le necessarie dispense, finché ritornino i loro propri vescovi, ossia fino al ristabilimento della pace, finché il Vaticano voglia fare il necessario concordato secondo la legge col nostro Governo Imperiale Russo?
Se trovo grazia innanzi alla Santità Vostra di una risposta sarò molto riconoscente se volesse Vostra Santità comandarmi per mezzo della Segreteria di Stato o telegraficamente ovvero con una lettera per mezzo del nostro Signor Ministro Russo secondo la legge Imperiale, volume XI, art. 17.
Intanto prostrato al bacio dei Santissimi Piedi, con profondo ossequio e filiale venerazione ho l’onore di confermarmi di Vostra Santità.

Tiflis,
il 8/21 Marzo, 
1916
numero annuale N 289.

umilissimo devotissimo 
ed obbligatissimo figlio 
S. Der Abraamian
Amministratore Apostolico.

Nessun commento:

Posta un commento

Momik: architetto, scultore e illustratore armeno a cui è dedicata l'onorificenza degli Architetti Armeni

Momik visse tra la fine del XIII e l'inizio del XIV secolo. Sono poche le effettive notizie  biografiche   sul suo conto. Certamente fu...