Passa ai contenuti principali

Posizione Ufficiale del Centro Studi Hrand Nazariantz sul caso di Alma Shalabayeva

Vicenda Alma Shalabayeva: Posizione Ufficiale del Centro Studi Hrand Nazariantz

 In questi giorni è veramente difficile avere il pur minimo orgoglio di essere italiani.
Una mamma, Alma Shalabayeva, moglie del dissidente kazhako Mukhtar Ablyazov, fuggito a Londra dal suo paese, è stata sequestrata dalla polizia italiana con la sua bambina, da ben 40 agenti in assetto antiterrorismo e vergognosamente consegnata a emissari della dittatura kazaka, che l'hanno poi caricata su un aereo privato e riportata in Kazakhstan. Lo scopo è chiarissimo; ricattare il marito o addirittura indurlo a tornare in Kazakhstan per poi arrestarlo e fargli fare la fine che fanno i dissidenti nelle dittature.
Perchè è successo questo, in una democrazia europea, in un paese ( che ora ben si merita il minuscolo) che ha accolto e accoglie rifugiati e perseguitati? Il ministro degli interni dice di non saperne niente, Niente ne sapeva quello degli esteri e nulla il presidente del consiglio. Quindi questi signori anch'essi al minuscolo, se è così non meritano di stare dove stanno nemmeno un giorno in più. Chi avrebbe ordinato allora ai nostri agenti un'azione degna del Cile di Pinochet? Quali sono allora i veri poteri nel nostro paese?  E per soprannumero il nostro governo 'chiede' ora a Nazarbayev, dopo 41 giorni dal rapimento, di rimandare indietro le due donne...e ovviamente Nazarbaiev si sta facendo sotto dalla paura e ci rispedirà subito la mamma e la figlia con tante scuse...
Nursultan Nazarbaiev è da 30 anni il dittatore del Kazakhstan, che ha molto petrolio e ce lo fornisce. Lo stesso signore è molto amico di Berlusconi (ed era in Sardegna,a quanto pare, gli stessi giorni del sequestro) il quale come è notorio lega particolarmente con dittatori e affini, vedi i suoi legami col padrone della Bielorussia Lukashenko (che se ne fa a sua volta un vanto e un termine di legittimazione), con Putin, con Erdogan e il baciamano ributtante che fece a Gheddafi, nonchè la confidenza con Mubarak di cui 'proteggeva' le nipoti...
Bene, evidentemente l'amicizia col petrodittatore di Alma Ata (e chissà che altro...) ben vale la libertà e l'accoglienza della famiglia di un dissidente (spegiudicato che dir si voglia), e non è certo un caso che in questo governo così indigesto agli italiani per bene mastro Lindo si sia accaparrato il ministero dell'interno. Altrochè 'non lo sapevamo'. Lo sapevano eccome!
E non poteva esserci vergogna peggiore per l'Italia ('democratica'?) che quello di consegnare agli aguzzini di una dittatura persone rifugiate.
Ma Nazarbaiev e i suoi amici italiani hanno sbagliato i conti, e hanno fatto un grande errore, perchè ora i nomi di Ablyazov e Shalabayeva  non saranno più sconosciuti come prima e saranno un martello per sgretolare a poco a poco la loro malafede e ipocrisia.
Noi non ce ne scorderemo, e 'martelleremo' finchè la donna e la bambina non torneranno in Europa o in un Paese Libero.

Giorni fa, durante i fatti di piazza Tahrir al Cairo, un giudice di una corte turca ha aperto un'inchiesta sul colpo di stato in Egitto come crimine contro l'umanità'. La legge turca, così pare, consente di aprire inchieste anche sui crimini contro l'umanità che avvengano fuori dalla Turchia. Ce ne rallegriamo, ma ci chiediamo anche quale sia per questa legge turca la nozione di crimine contro l'umanità. Infatti la Turchia ha formalmente una grosso sospeso al riguardo: sono ben 98 anni che ha derubricato l'atroce crimine contro l'umanità che fu il genocidio di un milione e mezzo di armeni e che avvenne sul proprio suolo. Ci auguriamo quindi che quel giudice non ritenga che quanto avvenuto nel 1915 fossero 'danni collaterali' di una guerra o che se di crimine si tratta sia andato in prescrizione...
Ce lo auguriamo per la Turchia e soprattutto per quella parte che non ha alcun problema a discutere di quanto avvenuto quasi 100 anni fa e che in questi giorni sta eroicamente manifestando la propria opposizione alla 'democratura' di Erdogan ed al suo disegno di neosultanato. E' di questi turchi, 'giovani e no' di questi straordinari cittadini e non sudditi che la commissione europea dovrùà ricordarsi quando a ottobre ricominceranno i colloqui per l'ingresso della Turchia nell'Unione: l'Europa dovrà chiedere dei giorni di Piazza Taksim, delle centinaia di giornalisti in prigione, dell'islamizzazione strisciante, della violenza della polizia e delle stesse parole di Erdogan rispetto all'Europa "Non riconosco il parlamento europeo. Noi non abbiamo bisogno di loro, ma loro di noi".

18 anni fa l'ultimo genocidio in terra Europea, il massacro di Srebrenica. La vergogna più grande dell'Europa contemporanea e la fine morale delle Nazioni Unite, i cui caschi blu olandesi nulla fecero per proteggere oltre ottomila (8000) civili bosniaci dalla ferocia arcaica delle squadracce di Ratko Mladic impegnate nella loro 'pulizia etnica' con la benedizione del tirannosauro dei Balcani Milosevic.
Ma questa di luglio non può essere una rievocazine che riguardi le sole riflessioni sul fatto così atroce.
Srebrenica deve essere la memoria per tutti di cosa è la Bosnia ora, del suo destino e del fatto che è nel cuore d'Europa e in cui solo la presenza delle truppe della Nato tuttora impedisce che ricomincino guerre e massacri. La Croazia è entrata da pochi giorni nell'unione Europea. Ma quanti sforzi sta facendo l'Unione perchè ci entri anche la Bosnia? E' qui che manca la politica. La Bosnia non potrà mai entrare nell'Unione sulla base di parametri economici, ma lo deve diventare con un criterio di un'azione preventiva, dando una vera opportunità di amalgama a quelle popolazioni, oggi stremate da un'economia di sussistenza che non può che tenere sotto la cenere i rancori che inevitabilmente l'assurdità della guerra ha generato. Rancori che vengono alimentati da una notevole immigrazione integralista da un lato e da logiche tribali dall'altra.
E non c'è solo un problema di convivenza, ma di salvaguardia di una cultura, o almeno di quello che resta di essa che vedeva un islam perfettamente integrato nei valori europei e che poteva e può diventare un riferimento per 'inculturare' l'inquieto e contraddittorio islam giunto in Europa nelgi ultimi decenni.
Nella Bosnia c'erano e ci sono quelli che possono essere considerati i musulmani europei, oseremmo dire i 'nostri' musulmani, che sono lì dal 1500 e per i quali i valori europei di laicità e di tolleranza erano stati rielaborati e integrati senza problemi nella propria cultura. Ed era proprio questo che l'assedio di Sarajevo, il massacro di Srebrenica e la guerra di Bosnia volevano distruggere: la dimostrazione storica di una convivenza possibile. Per questo l'Europa deve entrare di più nelle questioni bosniache e tentare di risolverle con più determinazione.
Il più grande disastro europeo e dell'umanità intera è stata la Seconda Guerra Mondiale, che è stata figlia diretta della Prima. Che è nata da una colpo di pistola a Sarajevo nel 1914. Mai dimenticarlo.


                                                                                                Il Presidente del
                                                                            Centro Studi Hrand Nazariantz
                                                                                                  Cosma Cafueri

Post popolari in questo blog

Il Ministro facente funzioni Zohrab Mnatsakanyan apre il 3° Forum Globale Contro il Crimine di Genocidio

Eccellenza, Presidente dell'Armenia, Signor Armen Sarkissian,

Sua Eminenza, arcivescovo Natan Hovhannisyan,

Eccellenze,

Signore e signori, cari amici,

Un caloroso benvenuto in Armenia,
Un caloroso benvenuto alla prima mattina dell'Armenia post-elettorale.

Benvenuti nel terzo forum globale. Benvenuti al Matenadaran, istituto e museo di manoscritti antichi,  monumento di conoscenza, idea, creazione e istruzione, retaggio del contributo secolare dell'Armenia alla civiltà mondiale e bastione contro il lato oscuro della natura umana, contro la discriminazione, l'odio e l'intolleranza.
Benvenuti in Armenia, anche, in un momento in cui la comunità internazionale commemora il 70° anniversario della Convenzione delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio. 72 anni fa, l'ONU adottò una risoluzione storica, la 96/1, che fu presentata a comune firma di India, Cuba e Panama, e che ratificò il termine "genocidio", e che aprì la strad…

Trenta anni dal Terremoto di Spitak-Gyumri

Trenta anni fa esatti alle 11:41 il 7 dicembre 1988 un terribile terremoto ha ucciso in Armenia più 25.000 persone provocando fino a 130.000 feriti e oltre 514.000 sfollati. 
Tutto accadde in un lampo, come ha raccontato l'emozionante e realistico film «Երկրաշարժ» (Terremoto) del regista visionario Sarik Andreasyan nel 2016. In quest'opera il regista tratta, come in una sorta di "Ultimi giorni di Pompei" di Edward Bulwer-Lytton, le storie di vita quotidiana prima della grande catastrofe.

Molte di quelle case distrutte continuano a non esistere e la gente vive ancora nei container, come per il terremoto dell'Irpinia. L'Armenia il giorno dopo ripiombò in un incubo, un nuovo genocidio, un bombardamento a tappeto, a cui solo la fortuna, il caso o la provvidenza avevano sottratto i sopravvissuti. 
Dov'era la Provvida Sventura di manzoniana memoria? Da nessuna. Da qualche giorno i Russi se ne erano andati, in fretta nessuno poteva dare una mano, l'intera regio…

(Nikol jan) Դուխով - Con Coraggio

Alla Rivoluzione di Maggio non c'era solo Nikol Pashinyan, lui leader e centinaia di migliaia dietro di lui, non solo del suo passo! A mio figlio Nicola (col nome del leader) - italiano e armeno - ho da dare questo primo insegnamento, non lasciare, Nicola mio, che nessuno strumentalizzi il tuo cuore, le tue emozioni, i tuoi pensieri e le cose in cui credi.  Sii sempre uomo libero, non ci sono premi per la tua libertà, la tua libertà è solo tua.  Se forze oscure fermeranno tuo padre con le armi e con l'arroganza tu sii sempre più forte. Le tue idee prevarranno se prevarrà il tuo cuore.  A te Nicola mio, a te con coraggio tuo padre chiede di non disertare la lotta, il tuo cuore sia sempre rivoluzionario, la tua mente sia sempre aperta, la tua anima sempre pulita.  Non avere una sola Patria ma considera tutto il mondo la tua Patria, il luogo per cui lottare, vivere e al momento giusto dedicare tutto te stesso, con il coraggio che gli Italiani misero contro l'Austrougheria, che gli…

Una bestia sulla luna al Teatro Kismet Opera di Bari il 15 e 16 dicembre 2018

Il prossimo fine settimana (15 e 16 dicembre 2018) presso il Teatro Kismet Opera di Bari andrà in scena lo spettacolo teatrale UNA BESTIA SULLA LUNA. Il lavoro racconta una storia ambientata a Milwaukee, 1921. Il difficile rapporto tra Aram Tomasian scampato al Genocidio Armeno è l'unico sopravvissuto della sua famiglia e Seta, sua moglie sposata per procura. Il punto di vista è quello del loro figlio adottivo ormai 70 enne, che racconta in una sorta di "Tram chiamato desiderio" la vicenda di una ordinaria famiglia americana che si porta dietro tutti i dolori, i conflitti e le barbarie a cui i superstiti al Genocidio Armeno hanno dovuto assistere.

Ma l'opera non è un piagnisteo sull'esilio e sul tema dei rifugiati, ormai così scottante al giorno d'oggi. Oltre il dolore del passato, si apre la speranza di un futuro su cui rifondare e ricostruire la propria identità. La pièce teatrale è stata messa in scena in tutto il mondo ed è risultata vincitrice di cinque pre…

Ձոն Սպարապետին - Dedicata allo Sparapet

Ձոն Սպարապետին
Դու, որ եկար մարտական, հույս, հավատի ոգով,
Դու, որ ելար հաղթական հայ բանակի երգով,
Կամքը քո՝ հայորդի` հաղթանակել, գործել, ապրել,
Խոսքը քո՝ հայորդի՝ մեր մայր հողին պաշտպան լինել:

Քո առջև, քո սուրբ անվան առջև Խոնարհվում ենք մենք,
Քեզ համար, փառք ու պատվիդ համար,
Քո զինվորներն ենք մենք։
Անսահման երազներիդ՝ զորեղ Տերը պահապան,

Սարը սուրբ, քեզ` մի վառվող կանթեղ, քո օրերի հավերժ վկան:
Քո աչքերում գարուններ, և քո սրտում կրակ,
Դու մի արծիվ երկնքում, խոսքդ` անվախ ու շիտակ,
Հայրենի՛ք, քեզ համար մեր սպարապետը հող դարձավ,
Հայրենի՛ք, քեզ համար մեր սպարապետն երկինք ելավ:

Քո առջև, քո սուրբ անվան առջև,
Խոնարհվում ենք մենք,
Քեզ համար, փառք ու պատվիդ համար,
Քո զինվորներն ենք մենք։
Անսահման երազներիդ՝ զորեղ Տերը պահապան,
Սարը սուրբ, քեզ` մի վառվող կանթեղ, քո օրերի հավերժ վկան:

Հայաստան` մեր ալեհեր հայրենիք, պարծության օրրան,
Մեզ համար, մեր գալիքի. համար
Հերոս որդիքդ երկինք ելան:

Allo Sparapet
Venivi dal combattimento, dalla speranza, dalla fede nello spirito, Tu, la canzone dell'esercito vittoriano vittorioso…

Essere Fratelli, Amare di Hrand Nazariantz

Tutto muore... Tutto passa... Essere Fratelli, Amare!

Essere Fratelli, dividere il Pane ed il Cuore,
il destino della Vita, il destino dell’Anima,
Essere Fratelli, dividere il sangue del cuore
il sangue dello spirito,
il profumo delle lagrime e l'incenzo delle preghiere,
il calice la sorgente viva, la grazia degli dei,
i sogni e le rose: Essere Fratelli, Amare...!
Essere Fratelli, dividere il fuoco e l'anfora colma
la sete di bontà, la sete di bellezza,
essere più accanto a Dio nel sacrificio,
essere Fratelli, nell'onore e nell'orgoglio di soffrire,
a mani giunte essere giusti e buoni
poter soffrire e sorridere ancora in un mondo di odio,
colui che sa sorridere aiuta colui che piange,
amando, com'è dolce l'essere al mondo:
Essere Fratelli, Amare! Tendere le mani profumate di pietà celeste,
ai Vinti, essere Fratelli dividere il tetto e il sonno,
essere l'asilo sicuro e accogliente dei feriti delle strade,
essere la buona soglia, essere il buon Sole, l'attesa sorriden…

"Senza Titolo / Անվերնագիր" una traduzione inedita di Yeghishe Charents

Con orgoglio pubblichiamo una traduzione inedita del poema "Անվերնագիր" (Senza titolo) del grande poeta armeno Yeghishe Charents. Non ci risultano altre traduzioni edite di questo testo. Quella qui pubblicata è stata realizzata dal prof. Grigor Ghazaryan.

In questi giorni ricordiamo uno dei più grandi poeti armeni del XX secolo Yeghishe Charents, patriota e attivista politico, vittima del terrore staliniano, scomparso il 27 novembre 1937 durante le Grandi Purghe... Perseguitato dai fantasmi della morte fin dagli anni 1920’, Charents ha trattato il tema della fine della propria vita terrena in diverse poesie, spesso battezzate come visioni della morte.  Ma è soprattutto in questo poema (del 15.XII.1936), dedicato alla sua seconda moglie e amica Isabella Kodabashyan, che Charents inconsciamente produce la profezia della sua morte imminente. 
Qui sotto vi presentiamo la traduzione italiana del noto poema di Charents, curata dal Prof. Grigor Ghazaryan. Il traduttore ha voluto porger…

Appello al Governo Francese per la sua neutralità nel conflitto Armeno-Azero

Facciamo nostro il comunicato urgente del CDCA ANC France (Comitato di Difesa della Causa Armena di Francia)

Il governo francese autorizza la vendita di armi all'Azerbaigian.

La società MBDA è stata autorizzata dal governo francese a vendere all'Azerbaigian il suo sistema anti missile Aster 30 Samp/t e il suo sistema di difesa anti-aereo vl mica. 
L'Aster è un sistema di difesa mobile montato su un camion mentre il vl mica è fisso. Sono i concorrenti diretti del sistema americano del missile Patriot e mira ad impedire ogni movimento aereo sopra un territorio come per esempio l'Artsakh.
Una tappa importante è stata quindi superata nella vendita dei suoi missili all'Azerbaigian, anche se la negoziazione non è ancora stata conclusa, si stima il contratto tra 1 e 3 miliardi di euro.
Il Ministero della difesa azera si è compiaciuto di questa decisione perché conosce questo materiale che, dal 2016, è l'esercito turco in cui si formano i militari azeri. 
La società MBDA è u…

Gravi accuse contro il Gen. Manvel Grigoryan: chiesto l'arresto!

Non possiamo esimerci dal comunicare la notizia che in questi ultimi giorni sta tenendo banco sulle prime pagine dei giornali e telegiornali d'Armenia. 

Due giorni fa è stato arrestato il Deputato del Partito Repubblicano generale Manvel Grigoryan, presidente della Yerkrapah Volunteers Union, con l'accusa di aver cospirato con altri per acquisire e possedere armi da fuoco e munizioni illegalmente. Il National Security Service (NSS) afferma di aver effettuato operazioni di ricerca congiunte nell'ambito di due diverse inchieste su reati penali nella giornata del 16 giugno nella città di Echmiadzin (Vagharshapat). L'NSS ha - inoltre - dichiarato di aver scoperto grandi quantitativi di armi e munizioni, nell'ambito della medesima operazione in cui è stato arrestato Arthur Asatryan, un uomo d'affari noto al livello internazionale come Don Pipo, incriminato con la pesante accusa di sequestro di persona e detenzione illegale di armi da fuoco. Le forze di sicurezza hanno…

Nor Surhandak Sesta Puntata

E' andata in onda questa la sesta puntata di Nor Surhandak bollettino di informazione italo-armena in lingua italiana a cura del Centro Studi Hrand Nazariantz.  Nella prima parte della trasmissione andata in onda questa mattina sono stati ospiti Andrea Carapetiani, imprenditore di origine armena che da anni abita in Italia, Bernardo Natale,  Presidente del Centro di Documentazione San Biagio Vescovo e Martire d'Armenia. Sopraggiunta la telefonata di Rupen Timurian, Decano della Comunità Armen di Bari.  Nella seconda parte abbiamo approfondito il tema del terremoto di Spitak-Gymry, del 3° Forum sul tema della Prevenzione dei Genocidi, lo spettacolo teatrale La Bestia sulla Luna al Teatro Kismet di Bari.