è un'Associazione Culturale. Ha lo scopo di diffondere e ampliare la Conoscenza dell'opera di Hrand Nazariantz e della cultura letteraria, artistica, musicale del Vicino Oriente Europeo e Asiatico.

12 marzo 2019

Alcune considerazioni su "Walking out" cantata da Srbuk all'Eurovision Song Contest 2019




Srbuhi Sargsyan, in arte Srbuk, rappresenterà l'Armenia al prossimo Eurovision Song Contest 2019 che si terrà a Tel Aviv, il 14 maggio 2019.


Il brano che l'artista vincitrice di The Voice Ucraina porterà all'attenzione del pubblico europeo è Walking out


A prima lettura si tratta di un testo che pretende di essere letto in chiave introspettiva che viene cantano in inglese, senza alcun riferimento linguistico al paese di provenienza. 
Forse non è così e forse ci sono più riferimenti alla attuale vita politica armena di quanto non si possa intuire al primo ascolto. Infatti, lo scorso aprile, le speranze di generazioni di uomini e donne, per lo più vissute all'ombra dell'Oligarchia di Robert Kocharyan e Serzh Sargsyan, si sono ribellate lo scorso maggio, come avevano cercato di fare senza successo nel 2008 incontrando la morte e la pressione per mano forze repressive che qualcuno teme al servizio di "Barev Rob".
Che la canzone faccia pensare alla autoproclamatasi "Rivoluzione di velluto" compiuta dalle forze di opposizione sotto il coordinamento di Nikol Pashinyan, divenuto poi Primo Ministro, lo fa pensare proprio il titolo che fa riferimento all'atto del camminare, come via di uscita da cose che non ci piacciano. Questo atto tanto semplice ma cena tanto coraggioso fu una della caratteristiche della "Rivoluzione di velluto", i cui i leader con lo zainetto in spalla e le scarpe da ginnastica ai piedi e il cappellino in testa con su scritto "Con Coraggio", hanno camminato per le strade.

Il Cammino, dunque, come atto rivoluzionario, per sé stessi e per la collettività. Le prime due strofe sembrano parafrase proprio i discorsi post-rivoluzionari del Premier che invitavano le persone a raccogliere le proprie speranze, a non pingersi addosso e ad agire per sé stessi a procedere senza indugi verso i propri obbiettivi, senza starsene con le mani in mano, aspettando le chimere.


Who are you? What you really do
When you have to fight the agony that's aiming back at you?
Who are you? Who you run to?
Depend, defend, hope on
Can you function on your own?

Are you from those who will swallow down
The pain, disgrace, the sadness? Yeah
When the one you love so much
Can take your soul and break it, no

Wait for, oh, wait for
What I waited for?
Wait for, oh, wait for
Oh, no, I'm done

Walking out, uh
Whatever I've built I'm gonna burn down
I'm walking out, uh
You're no more a king 'cause I was your crown

First you said you would die for me
But in the end I was the one bleeding all alone
First you said, you kneeled, you swore
You loved, you lived for me
How could you forget it all?

Are you from those who can take a loving heart
And squeeze it out of love?
Than prepare to slowly get
Not loved but hated instead

Walking out, walking out
No crying now
Walking out, walking out
No begging
Walking out, uh
At last, I feel proud
I'm walking out

You knew that my heart wasn't small
But somehow you came and filled it all

Walking out, walking out
Crying now Walking out, walking out
Begging, yeah
(Walking out, uh)
(At last, I feel proud)
I'm walking out

Nessun commento:

Posta un commento

Rustam Badasyan, classe 1991, è nuovo Ministro della Giustizia

E'  Rustam Badasyan il nuovo Ministro della Giustizia.  Su proposta del Primo Ministro Nikol Pashinyan, il Presidente della Re...

Etichette