domenica 15 marzo 2015

15 marzo 1921 Soghomon Tehlirian vendica il Genocidio Armeno


immagine dello studente armeno
Soghomon Tehlirian
 
Ricordiamo oggi un episodio fondamentale della storia armena del Novecento, successivo alle stragi del Genocidio Armeno ma ad esso direttamente collegato.
Il 15 marzo 1921 lo studente armeno Soghomon Tehlirian (Սողոմոն Թեհլիրեան) pose fine, in un sobborgo di Berlino, alla vita di Taalat Pasha, Ministro degli Interni del Governo dei Giovani Truchi, riconosciuto colpevole da un Tribunale Rivoluzionario Armeno, e successivamente da molti storici, di aver dato inizio con Enver Pasha e Gemal Pasha di aver dato origine all'Annientamento su base puramente Etnica del popolo Armeno. 
Monumento a Soghom Tehlirian

Dell'omicidio politico ordito per vendicare i Martiri del Genocidio Armeno, fu considerato ideatore e capo del progetto Shahan Natalie, intellettuale armeno trasferitosi a Boston, negli Stati Uniti.

Tehlirian era nato a Nerkin Pakarich, sobborgo di Erzurum il 15 Aprile 1896 e morì all'età di 64 anni a San Francisco il 23 maggio 1960, riposa oggi nel cimitero armeno Masis Ararat, di Fresno, in California.
Egli fu uno dei più noti componenti della Federazione Rivoluzionaria Armena (ARF) fondato da: Stepan Zorian, Christapor Mikaelian, Simon Zavarian.