Cerca nel blog

Centro Studi 'Hrand Nazariantz'

intende contribuire a:
1) diffondere la conscenza dell'opera di Hrand Nazariantz (Üsküdar 1880 ? - Bari 1962).
2) ampliare la conoscenza della cultura letteraria, artistica, musicale del Vicino Oriente Europeo e Asiatico.

info: centrostudihrandnazariantz@gmail.com

Translate

20140708

Addio a Rafael Atoyan un artista poliedrico


Ci è stato comunicato questa mattina dal giornalista e amico Murat Cinar la notizia della scomparsa di Rafael Atoyan, artista armeno contemporaneo. 
Riportiamo con nostra traduzione in lingua italiana la notizia apparsa in lingua inglese sul sito unitamente ad un filmato di Davit Nerkararyan la cui direzione della fotografia e' stata affidata a Radik Petrosyan http://armenpress.am/eng/news/768589/painter-actor-rafael-atoyan-passes-away.html.



 "E' morto a Fresno, lo scorso 7 luglio il pittore, e attore Rafael Atoyan aveva 84 anni. Ne ha dato notizia il Dipartimento per le pubbliche relazioni del Ministero della Cultura della Repubblica di Armenia.
Il successo da lui ottenuto in Yugoslavia, Francia e Austria non e' stato stati una sorpresa dal momento che coloro che osservano la vita culturale della repubblica armena sono ben consapevoli, che i dipinti di Atoyan hanno sempre ben al centro dell'attenzione sia per il pubblico e gli altri artisti.
Due le caratteristiche principali che hanno distinto l'arte di Atoyan: l'amore per la sua terra d'origine e il grandissimo patos. La sua pittura, toccando paesaggi splendidamente colorati e le scene generiche, emoziona e affascina con la sue profonde colorazioni nazionali e caratteristiche originali. Il lavoro di Atoyan, che ha imparato i segreti di una delle più recenti correnti artistiche, ha evitato qualsiasi sforzo per essere moderno e accattivante. Come artista e' stato convinto che solo la natura e il piano emozionale ed esperienziale potessero generare un'arte autenticamente genuina. Atoyan, artista dal sontuoso talento, ha colto la sua ispirazione da se stesso: la sua origine di Leninakan (Gimri), la sua attività di lavoratore ordinario, la sua casa paterna, così come tutto ciò che lo circondava: animali, piante, alberi, rocce. 
Tutto questo fu personificato nel mondo dei magici colori di Atoyan, e vivificato attraverso piacevoli e poetiche emozioni e sentimenti sinceri."