Passa ai contenuti principali

Hrand Nazariantz, la storia di un uomo unico vissuto nel Sud

tratto da LSDMagazine diretto da Michele Traversa
Viveva a Bari, fino alla fine degli anni ‘50 un vecchio che tutti definivano ‘il poeta’. Era alto e magro e aveva un volto antico e sapienziale che riempiva d’oriente le strade del centro della città. Il quadrilatero murattiano lo conosceva bene ed egli sapeva a memoria le strade, i luoghi di ritrovo, in particolare il caffè Sottano di don Arnaldo Scaturchio e poi il caffè Stoppani, ritrovo intellettuale dei Baresi. Era quello il luogo in cui si incontravano personaggi come Giovanni Colamussi, Gaetano Savelli, Gino Montella, Domenico Mirenghi, Pierino Marengo, Michele Pellecchia, Renato Prisciantelli, Francesco Babudri, Mario Prayer e tanti altri che oggi sono solo nomi poco o nulla ci dicono della vita di pensiero e di azione a Bari. Era nato a Üsküdar sobborgo di Costantinopoli nel gennaio del 1886, da famiglia alto borghese, suo padre Diran Nazariantz, “oratore, patriota dagli occhi verdi” era deputato dell’assemblea nazionale armena per il distretto di Kumkapi ed proprietario di una azienda affermata nella produzione di tappeti e merletti, che dava lavoro a circa duemila operaie, e si estendeva tra i quartieri di Üsküdar, Kumkapi, Kadıköy. Hrand si era formato in patria presso il Collegio Berberian, poi a Londra e a Parigi dove conobbe quella che sarebbe diventata sua moglie una affascinante cantante lirica di Casamassima in provincia di Bari, Maddalena De Cosmis. Dopo gli anni passati nelle capitali europee fece ritorno a casa pieno di idee innovative sulla letteratura e notevoli soluzioni politiche per il proprio popolo e per la minoranza armena di cui faceva parte. Tale ritorno era destinato a non essere definitivo ma solo una stasi apparente prima di una nuova ripartenza. Negli anni in cui fu a Costantinopoli partecipò alla fondazione di numerose riviste e cenacoli letterari come quello armeno/turco sorto intorno alle riviste «Surhantag», «Biwrakn» e «Nor Hossank» e ad altre iniziative editoriali collaborò attivamente con elzeviri e poesie tra queste le più importanti furono «Beguin» e «Ararat».A partire dal 1911 iniziano i rapporti epistolari con alcuni dei più importi intellettuali europei dell’epoca Filippo Tommaso Marinetti, Gian Pietro Lucini, Libero Altomare e si impegna, con saggi e traduzioni in lingua armena, a diffondere assieme a quella di Corrado Govoni e Enrico Cardile la loro opera poetica nel quadro di una più ampia opera di svecchiamento della letteratura in lingua armena. Anche per questi motivi che vengono considerati antipatriottici e anti-nazaionali dai Turchi, nel 1912 viene condannato a morte da un tribunale dell’Impero Ottomano  in disfacimento, si rifugia nel Consolato italiano di Costantinopoli e in tutta fretta sposa Lena. Il matrimonio ha luogo il 10 febbraio 1913, dopo di che si reca esule a Bari. Giunto in Italia, intensifica i rapporti sia con esponenti della diaspora armena, che con protagonisti della cultura italiana, francese ed inglese, recandosi anche all’estero per motivi di studio e forse di diffusione della propria cultura.In Italia fece vari mestieri ma quello che predilesse fu l’incarico di docente di lingua francese e inglese presso l’Istituto Tecnico, Nautico, e Professionale di Bari, ma a questo posto di lavoro dovette rinunciare con l’avvento del fascismo. L’attività di Nazariantz a partire dagli anni Venti era destinata ad intensificarsi non solo in campo ambito letterario. Fallito il matrimonio con la De Cosmis anche a causa della propria e continua infedeltà, che ne caratterizzò la vita sentimentale fino agli ultimi anni, già nel 1924 con l’aiuto di numerosi benefattori e del “Comitato Barese Pro Armenia” riuscì a portare a Bari circa duecento armeni profughi raccolti nei campi di accoglienza di Corfù e scampati al genocidio. Nel 1926 sulla via di Capurso, attuale via Amendola, sorse il Villaggio Nor Arax. Questo ambiente di cui oggi ancora numerose sono le tracce era costituito da una vecchia villa di campagna e da alcuni padiglioni prefabbricati dati dall’Austria in conto danni all’Italia e in questo luogo del tutto indipendente dalla città vissero e lavorarono fino a 300 persone. Nel villaggio sorgeva anche una fabbrica di tappeti di grande pregio che rivestirono anche gli interni del treno reale di Vittorio Emanuele III.A Bari collaborò con le edizioni Laterza che creano per lui la collana Conoscenza ideale dell’Armenia e gliene offrono la direzione, il suo primo saggio ebbe come tema la vita e l’attività letteraria del poeta Bedros Turian, in seguito per le edizioni della rivista Humanitas sempre di Bari, pubblica I sogni crocefissi (1916), Lo specchio (1920) e Vahakn (1920). Nel 1924 la casa editrice Alpes di Milano pubblica, nella traduzione di Cesare Giardini, la raccolta Tre poemi, che comprende Il Paradiso delle Ombre, Aurora anima di bellezza, Nazyade fiore di Saadi. Dopo il 1943 collaborò con Radio Bari tenendo delle conversazioni letterarie. Nello stesso anno fondò la rivista di ispirazione simbolista-massonica «Graalismo» sulla quale comparvero scritti tra gli altri di Giuseppe Ungaretti, Ada Negri, Liliana Scalero, Elpidio Jenco, Giuseppe Villaroel, Lionello Fiumi, e di altri illustrazioni di noti e meno noti pittori, tra di essi da ricordare Fryda Laureti Ciletti. Ma il suo capolavoro fu tradotto e pubblicato in Italia solo nel 1946 con il titolo Il gran canto della cosmica tragedia. Tra il 1951 e il 1953 un cospicuo numero di intellettuali italiani e stranieri proposero la sua candidatura al comitato per l’assegnazione del Premio Nobel per la Letteratura. Il premio fu assegnato a quell’anno a Winston Churchill. Gli ultimi anni di vita furono caratterizzati dall’acuirsi delle ristrettezze economiche che lo aveva afflitto per tutta la sua vita da apolide. Alla fine degli anni Cinquanta fu ricoverato in un ospizio a Conversano, vivendo circondato dall’affetto e dalla stima di alcuni giovani amici conversanesi e non che ne vollero riscoprire l’enorme valore umano e intellettuale. Negli ultimi anni, verificata la nullità del primo matrimonio, e morta anche Vittoria Strazzaboschi sua fedele compagna per molti anni, convolò a nozze con Maria Lucarelli. Morì nel gennaio del 1962. Attualmente Nazariantz riposa nella la Necropoli di Bari, in un loculo quasi anonimo, che reca solo indicazione del nome le date di nascita e di morte, e la definizione di “Poeta”. La tomba dove sue spoglie furono ospitate è di proprietà della famiglia di Diran Timurian, imprenditore nel settore dell’import-export di tappeti orientali, uno dei tanti Armeni che grazie alla sua opera umanitaria erano giunti a Bari e vi avevano trovato rifugio.Oggi un gruppo di intellettuali tra cui il prof. Paolo Lopane, il prof. Cosma Cafueri, e il sottoscritto lavorano strenuamente per riportane alla luce la memoria di Hrand Nazariantz. Nelle ultime settimane, per i tipi di Sentieri Meridiani di Foggia, è uscita una silloge di testi tratti dai Sogni Crocifissi a cura della giovane ricercatrice Dorella Cianci. I testi sono corredati da un piccolo saggio opera della curatrice che egregiamente fa il punto sulla fortuna critica in occidente dell’autore e cerca di realizzare un percorso tra la biografia ancora avvolta nel mistero e bibliografia di cui continuamente zampillano fuori testi e saggi e che risulta per la scarsissima collaborazione fra gli studiosi, necessariamente lacunosa.

Post popolari in questo blog

Il Ministro facente funzioni Zohrab Mnatsakanyan apre il 3° Forum Globale Contro il Crimine di Genocidio

Eccellenza, Presidente dell'Armenia, Signor Armen Sarkissian,

Sua Eminenza, arcivescovo Natan Hovhannisyan,

Eccellenze,

Signore e signori, cari amici,

Un caloroso benvenuto in Armenia,
Un caloroso benvenuto alla prima mattina dell'Armenia post-elettorale.

Benvenuti nel terzo forum globale. Benvenuti al Matenadaran, istituto e museo di manoscritti antichi,  monumento di conoscenza, idea, creazione e istruzione, retaggio del contributo secolare dell'Armenia alla civiltà mondiale e bastione contro il lato oscuro della natura umana, contro la discriminazione, l'odio e l'intolleranza.
Benvenuti in Armenia, anche, in un momento in cui la comunità internazionale commemora il 70° anniversario della Convenzione delle Nazioni Unite sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio. 72 anni fa, l'ONU adottò una risoluzione storica, la 96/1, che fu presentata a comune firma di India, Cuba e Panama, e che ratificò il termine "genocidio", e che aprì la strad…

Trenta anni dal Terremoto di Spitak-Gyumri

Trenta anni fa esatti alle 11:41 il 7 dicembre 1988 un terribile terremoto ha ucciso in Armenia più 25.000 persone provocando fino a 130.000 feriti e oltre 514.000 sfollati. 
Tutto accadde in un lampo, come ha raccontato l'emozionante e realistico film «Երկրաշարժ» (Terremoto) del regista visionario Sarik Andreasyan nel 2016. In quest'opera il regista tratta, come in una sorta di "Ultimi giorni di Pompei" di Edward Bulwer-Lytton, le storie di vita quotidiana prima della grande catastrofe.

Molte di quelle case distrutte continuano a non esistere e la gente vive ancora nei container, come per il terremoto dell'Irpinia. L'Armenia il giorno dopo ripiombò in un incubo, un nuovo genocidio, un bombardamento a tappeto, a cui solo la fortuna, il caso o la provvidenza avevano sottratto i sopravvissuti. 
Dov'era la Provvida Sventura di manzoniana memoria? Da nessuna. Da qualche giorno i Russi se ne erano andati, in fretta nessuno poteva dare una mano, l'intera regio…

(Nikol jan) Դուխով - Con Coraggio

Alla Rivoluzione di Maggio non c'era solo Nikol Pashinyan, lui leader e centinaia di migliaia dietro di lui, non solo del suo passo! A mio figlio Nicola (col nome del leader) - italiano e armeno - ho da dare questo primo insegnamento, non lasciare, Nicola mio, che nessuno strumentalizzi il tuo cuore, le tue emozioni, i tuoi pensieri e le cose in cui credi.  Sii sempre uomo libero, non ci sono premi per la tua libertà, la tua libertà è solo tua.  Se forze oscure fermeranno tuo padre con le armi e con l'arroganza tu sii sempre più forte. Le tue idee prevarranno se prevarrà il tuo cuore.  A te Nicola mio, a te con coraggio tuo padre chiede di non disertare la lotta, il tuo cuore sia sempre rivoluzionario, la tua mente sia sempre aperta, la tua anima sempre pulita.  Non avere una sola Patria ma considera tutto il mondo la tua Patria, il luogo per cui lottare, vivere e al momento giusto dedicare tutto te stesso, con il coraggio che gli Italiani misero contro l'Austrougheria, che gli…

Una bestia sulla luna al Teatro Kismet Opera di Bari il 15 e 16 dicembre 2018

Il prossimo fine settimana (15 e 16 dicembre 2018) presso il Teatro Kismet Opera di Bari andrà in scena lo spettacolo teatrale UNA BESTIA SULLA LUNA. Il lavoro racconta una storia ambientata a Milwaukee, 1921. Il difficile rapporto tra Aram Tomasian scampato al Genocidio Armeno è l'unico sopravvissuto della sua famiglia e Seta, sua moglie sposata per procura. Il punto di vista è quello del loro figlio adottivo ormai 70 enne, che racconta in una sorta di "Tram chiamato desiderio" la vicenda di una ordinaria famiglia americana che si porta dietro tutti i dolori, i conflitti e le barbarie a cui i superstiti al Genocidio Armeno hanno dovuto assistere.

Ma l'opera non è un piagnisteo sull'esilio e sul tema dei rifugiati, ormai così scottante al giorno d'oggi. Oltre il dolore del passato, si apre la speranza di un futuro su cui rifondare e ricostruire la propria identità. La pièce teatrale è stata messa in scena in tutto il mondo ed è risultata vincitrice di cinque pre…

Ձոն Սպարապետին - Dedicata allo Sparapet

Ձոն Սպարապետին
Դու, որ եկար մարտական, հույս, հավատի ոգով,
Դու, որ ելար հաղթական հայ բանակի երգով,
Կամքը քո՝ հայորդի` հաղթանակել, գործել, ապրել,
Խոսքը քո՝ հայորդի՝ մեր մայր հողին պաշտպան լինել:

Քո առջև, քո սուրբ անվան առջև Խոնարհվում ենք մենք,
Քեզ համար, փառք ու պատվիդ համար,
Քո զինվորներն ենք մենք։
Անսահման երազներիդ՝ զորեղ Տերը պահապան,

Սարը սուրբ, քեզ` մի վառվող կանթեղ, քո օրերի հավերժ վկան:
Քո աչքերում գարուններ, և քո սրտում կրակ,
Դու մի արծիվ երկնքում, խոսքդ` անվախ ու շիտակ,
Հայրենի՛ք, քեզ համար մեր սպարապետը հող դարձավ,
Հայրենի՛ք, քեզ համար մեր սպարապետն երկինք ելավ:

Քո առջև, քո սուրբ անվան առջև,
Խոնարհվում ենք մենք,
Քեզ համար, փառք ու պատվիդ համար,
Քո զինվորներն ենք մենք։
Անսահման երազներիդ՝ զորեղ Տերը պահապան,
Սարը սուրբ, քեզ` մի վառվող կանթեղ, քո օրերի հավերժ վկան:

Հայաստան` մեր ալեհեր հայրենիք, պարծության օրրան,
Մեզ համար, մեր գալիքի. համար
Հերոս որդիքդ երկինք ելան:

Allo Sparapet
Venivi dal combattimento, dalla speranza, dalla fede nello spirito, Tu, la canzone dell'esercito vittoriano vittorioso…

Essere Fratelli, Amare di Hrand Nazariantz

Tutto muore... Tutto passa... Essere Fratelli, Amare!

Essere Fratelli, dividere il Pane ed il Cuore,
il destino della Vita, il destino dell’Anima,
Essere Fratelli, dividere il sangue del cuore
il sangue dello spirito,
il profumo delle lagrime e l'incenzo delle preghiere,
il calice la sorgente viva, la grazia degli dei,
i sogni e le rose: Essere Fratelli, Amare...!
Essere Fratelli, dividere il fuoco e l'anfora colma
la sete di bontà, la sete di bellezza,
essere più accanto a Dio nel sacrificio,
essere Fratelli, nell'onore e nell'orgoglio di soffrire,
a mani giunte essere giusti e buoni
poter soffrire e sorridere ancora in un mondo di odio,
colui che sa sorridere aiuta colui che piange,
amando, com'è dolce l'essere al mondo:
Essere Fratelli, Amare! Tendere le mani profumate di pietà celeste,
ai Vinti, essere Fratelli dividere il tetto e il sonno,
essere l'asilo sicuro e accogliente dei feriti delle strade,
essere la buona soglia, essere il buon Sole, l'attesa sorriden…

"Senza Titolo / Անվերնագիր" una traduzione inedita di Yeghishe Charents

Con orgoglio pubblichiamo una traduzione inedita del poema "Անվերնագիր" (Senza titolo) del grande poeta armeno Yeghishe Charents. Non ci risultano altre traduzioni edite di questo testo. Quella qui pubblicata è stata realizzata dal prof. Grigor Ghazaryan.

In questi giorni ricordiamo uno dei più grandi poeti armeni del XX secolo Yeghishe Charents, patriota e attivista politico, vittima del terrore staliniano, scomparso il 27 novembre 1937 durante le Grandi Purghe... Perseguitato dai fantasmi della morte fin dagli anni 1920’, Charents ha trattato il tema della fine della propria vita terrena in diverse poesie, spesso battezzate come visioni della morte.  Ma è soprattutto in questo poema (del 15.XII.1936), dedicato alla sua seconda moglie e amica Isabella Kodabashyan, che Charents inconsciamente produce la profezia della sua morte imminente. 
Qui sotto vi presentiamo la traduzione italiana del noto poema di Charents, curata dal Prof. Grigor Ghazaryan. Il traduttore ha voluto porger…

Appello al Governo Francese per la sua neutralità nel conflitto Armeno-Azero

Facciamo nostro il comunicato urgente del CDCA ANC France (Comitato di Difesa della Causa Armena di Francia)

Il governo francese autorizza la vendita di armi all'Azerbaigian.

La società MBDA è stata autorizzata dal governo francese a vendere all'Azerbaigian il suo sistema anti missile Aster 30 Samp/t e il suo sistema di difesa anti-aereo vl mica. 
L'Aster è un sistema di difesa mobile montato su un camion mentre il vl mica è fisso. Sono i concorrenti diretti del sistema americano del missile Patriot e mira ad impedire ogni movimento aereo sopra un territorio come per esempio l'Artsakh.
Una tappa importante è stata quindi superata nella vendita dei suoi missili all'Azerbaigian, anche se la negoziazione non è ancora stata conclusa, si stima il contratto tra 1 e 3 miliardi di euro.
Il Ministero della difesa azera si è compiaciuto di questa decisione perché conosce questo materiale che, dal 2016, è l'esercito turco in cui si formano i militari azeri. 
La società MBDA è u…

Gravi accuse contro il Gen. Manvel Grigoryan: chiesto l'arresto!

Non possiamo esimerci dal comunicare la notizia che in questi ultimi giorni sta tenendo banco sulle prime pagine dei giornali e telegiornali d'Armenia. 

Due giorni fa è stato arrestato il Deputato del Partito Repubblicano generale Manvel Grigoryan, presidente della Yerkrapah Volunteers Union, con l'accusa di aver cospirato con altri per acquisire e possedere armi da fuoco e munizioni illegalmente. Il National Security Service (NSS) afferma di aver effettuato operazioni di ricerca congiunte nell'ambito di due diverse inchieste su reati penali nella giornata del 16 giugno nella città di Echmiadzin (Vagharshapat). L'NSS ha - inoltre - dichiarato di aver scoperto grandi quantitativi di armi e munizioni, nell'ambito della medesima operazione in cui è stato arrestato Arthur Asatryan, un uomo d'affari noto al livello internazionale come Don Pipo, incriminato con la pesante accusa di sequestro di persona e detenzione illegale di armi da fuoco. Le forze di sicurezza hanno…

Nor Surhandak Sesta Puntata

E' andata in onda questa la sesta puntata di Nor Surhandak bollettino di informazione italo-armena in lingua italiana a cura del Centro Studi Hrand Nazariantz.  Nella prima parte della trasmissione andata in onda questa mattina sono stati ospiti Andrea Carapetiani, imprenditore di origine armena che da anni abita in Italia, Bernardo Natale,  Presidente del Centro di Documentazione San Biagio Vescovo e Martire d'Armenia. Sopraggiunta la telefonata di Rupen Timurian, Decano della Comunità Armen di Bari.  Nella seconda parte abbiamo approfondito il tema del terremoto di Spitak-Gymry, del 3° Forum sul tema della Prevenzione dei Genocidi, lo spettacolo teatrale La Bestia sulla Luna al Teatro Kismet di Bari.